giovedì, Febbraio 29, 2024
HomeNotizie30 milioni di pakistani e 24 città nel paese non hanno accesso...

30 milioni di pakistani e 24 città nel paese non hanno accesso all’acqua potabile

30 milioni di pakistani, oltre il 10% della popolazione totale, non hanno accesso all’acqua pulita, l’80% delle persone che vivono in 24 grandi città non ha accesso all’acqua pulita e 16 milioni di abitanti delle baraccopoli di Karachi non hanno accesso all’acqua corrente.

Il Pakistan ha vissuto diversi problemi dalla sua indipendenza, ma il problema più critico nel paese è quello della scarsità d’acqua. Secondo una stima del Fondo monetario internazionale, il Pakistan sarà completamente arido entro il 2025 se non verranno prese le misure necessarie per preservare l’acqua.

Per il Pakistan, diversi fattori hanno aggravato il problema della sicurezza idrica. Il primo e più importante è l’aumento della domanda di acqua a causa della crescente crescita della popolazione nel paese. Con una popolazione di 220 milioni di persone, la domanda idrica del paese potrebbe raggiungere i 274 milioni di acre feet (un acre-feet corrisponde a 1233 metri cubi) mentre la fornitura di acqua potrebbe rimanere a 191 milioni di acre-feet.

Inoltre, le infrastrutture idriche vecchie e deteriorate hanno influito sulla capacità di stoccaggio e ritenzione dell’acqua a causa di grandi crepe nei canali e nelle dighe piene di sabbia. Con un enorme spreco di acqua in aumento, non riusce a soddisfare le crescenti esigenze e forniture di acqua nel paese.

Inoltre, le colture comunemente coltivate nel paese, come il grano, il riso, il cotone e la canna da zucchero, sono ad alta intensità idrica, necessitano di grandi quantità di acqua, consumano circa il 95% dell’acqua disponibile e contribuiscono per meno del 5% al ​​fabbisogno nazionale . prodotto interno lordo.

Insieme ai canali idrici, il Pakistan dipende anche dalla pioggia per il suo approvvigionamento idrico. Non è riuscito a soddisfare i crescenti bisogni e le forniture di acqua nel paese. nel paese portando a siccità prolungate. Ciò sta rendendo ancora più difficile gestire le già limitate risorse idriche.

L’effetto della crisi idrica in Pakistan si fa già sentire tra la gente. Quasi 30 milioni di pakistani non hanno accesso all’acqua pulita, l’80% delle persone che vivono in 24 grandi città non ha accesso all’acqua pulita e 16 milioni di abitanti delle baraccopoli di Karachi non hanno accesso all’acqua corrente.

La città di Karachi ha una superficie totale di circa 3530 km quadrati con una popolazione di circa 14,9 milioni di persone. L’approvvigionamento idrico di Karachi dipende dalle acque di superfice e da fonti sotterranee. Le fonti di acqua superficiale comprendono la diga Hub e due laghi di Haleji e Keenjhar, mentre la fonte di acqua sotterranea comprende i campi di pozzi di Dumlottee., ha riferito Asian Lite.

Tuttavia, l’approvvigionamento idrico di questi pozzi è trascurabile, dopo la stagione delle piogge, pur rimanendo asciutto per il resto dell’anno. Inoltre, la qualità delle acque sotterranee nella maggior parte delle parti è salina a causa dell’eccessiva estrazione e dell’intrusione di acqua marina.

I rapporti suggeriscono anche che l’acqua è scadente e spesso consiste di materia fecale e altri rischi per la salute. In Pakistan oltre il 65% della popolazione è esposto ad acqua contaminata e milioni trovano arsenico nell’acqua potabile.

La scarsità d’acqua di Karachi è così grave che persino l’aeroporto più grande del Pakistan, sta affrontando una carenza idrica di 500 mila galloni al giorno, rispetto agli 800 mila galloni al giorno necessari per funzionare.

Il Pakistan è tra i primi dieci paesi più colpiti dai cambiamenti climatici e la carenza d’acqua è destinata ad aumentare sia in intensità che in frequenza nel prossimo decennio.

Mohammed Khalid Idrees Rana, direttore delle operazioni presso l’Indo River System Authority, ha dichiarato: “Il cambiamento climatico ha avuto un grave impatto sui nostri afflussi idrici dai ghiacciai. Se la temperatura attuale si prolunga per altri sette-otto giorni, potremmo dover tagliare l’acqua quota delle province”.

L’area del Pakistan che presenta una delle più gravi carenze d’acqua è la provincia del Sindh, in particolare la città di Karachi. Tra immense ondate di caldo. la città fatica a fornire acqua alla sua gente.

Alcuni karachiiti ricorrono a un mercato nero di autocisterne per l’acqua, noto localmente come “mafia delle petroliere”, che vende acqua a prezzi esorbitanti. Originariamente intese come una soluzione a breve termine mentre la città sviluppava la sua infrastruttura idrica, le petroliere ora controllano gran parte della distribuzione idrica di Karachi.

I camion attingono acqua da più di 100 idranti illegali, che attingono alle principali condutture idriche. La mafia delle cisterne d’acqua poi vende l’acqua a prezzi esorbitanti ai consumatori di Karachi, le persone e le imprese che avrebbero dovuto ricevere l’acqua in primo luogo.

Molte delle case disconnesse dalle linee idriche comunali non hanno altra scelta che dipendere da un’intricata rete di autocisterne per alleviare la carenza d’acqua.

Fino a poco tempo fa, la crisi idrica di Karachi ha fornito alla criminalità organizzata una scusa per rubare l’acqua e poi venderla tramite autocisterne. Il furto d’acqua è dilagante. Secondo il Karachi Water and Sewerage Board (KWSB), il 42% dell’acqua viene perso o rubato prima che raggiunga i consumatori a Karachi.

Il prelievo illegale di linee d’acqua ha peggiorato la carenza esistente nella città. Il governo afferma di aver represso le mafie delle petroliere, ma molti residenti di Karachi continuano ad incolpare la mafia delle petroliere per la mancanza d’acqua della città.

Una delle principali cause della crisi idrica è la cattiva gestione delle risorse idriche. L’infrastruttura idrica del Pakistan è sia obsoleta che insufficiente, con scarsi investimenti in nuove dighe, canali e bacini negli ultimi decenni.

In alcune zone di Karachi si è creata anche una crisi idrica artificiale con la collusione degli ufficiali del Water Board, a causa della quale i cittadini di queste zone sono costretti a rifornirsi di acqua tramite cisterne. Tuttavia, gli alti funzionari del consiglio dell’acqua non sembrano dimostrare grande impegno per risolvere questo problema perenne.

Inoltre, le condutture di approvvigionamento idrico e fognario sono corrose e spesso giacciono parallele l’una all’altra causando una contaminazione incrociata. Di conseguenza, la maggior parte di Karachi non riceve acqua sicura e pulita.

Anche il lungo percorso di trasmissione causa problemi, come perdite e furti d’acqua che rappresentano la perdita di quasi il 30% dell’approvvigionamento idrico della città. Ciò è aggravato dalle scarse prestazioni delle stazioni di pompaggio obsolete e inefficienti.

La crisi idrica a Karachi è sicuramente parte di una più ampia tendenza all’insicurezza idrica che affligge l’intero paese. Dovrebbe essere istituito un solido quadro normativo per regolamentare l’uso e l’assegnazione dell’acqua in modo equo e sostenibile.

La crisi idrica del Pakistan è una sfida complessa e multidimensionale che richiede un’attenzione e un’azione urgenti da parte di tutte le parti interessate.

RELATED ARTICLES

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

ARTICOLI CORRELATI