giovedì, Giugno 20, 2024
HomeMondoA Berlino un bambino su quattro vive in una famiglia a rischio...

A Berlino un bambino su quattro vive in una famiglia a rischio povertà

Quasi un quarto (23,9%) dei bambini berlinesi sotto i 18 anni crescono in famiglie a rischio di povertà. Nel 2023, 151.706 bambini vivevano in famiglie che ricevevano sussidi di cittadinanza. La cifra è resa ufficiale in quanto si tratta della risposta a un’interrogazione parlamentare presentata alla Camera dei rappresentanti di Berlino da alcuni deputati della Sinistra.

Alla fine del 2023 a Berlino si trovavano 633.482 minorenni. Una netta maggioranza dei bambini e dei giovani sotto i 18 anni a rischio povertà (104.903) viveva in famiglie in cui almeno un genitore ha un passaporto straniero. 10.723 bambini hanno ricevuto sussidi ai sensi della legge sui benefici per i richiedenti asilo e circa 69.000 vivevano in famiglie monoparentali.

Secondo le informazioni, la percentuale di bambini che crescono in povertà è distribuita in modo disomogeneo tra i distretti. A Neukölln (36,4%), Mitte (34,1%) e Spandau (32,9%) la loro quota è stata più alta a Berlino, con circa un terzo ciascuna. Il minor numero di bambini colpiti dalla povertà si trova a Steglitz-Zehlendorf con l’11,4% e a Pankow con l’11,7%.

Secondo la risposta ufficiale dell’aministrazione dal 2016 a Berlino il tasso di rischio di povertà per i bambini e i giovani minorenni è costantemente superiore al 20%. Secondo la definizione dell’UE, chiunque abbia meno del 60% del reddito medio con cui vivere è considerato a rischio di povertà o con un reddito basso. Per la Germania ciò significa attualmente che un individuo ha un reddito mensile massimo di 781 euro.

I dati sono più che preoccupanti, visto che il rapporto del 2022 del Deutscher Kinderschutzbund (Associazione Tedesca per la Protezione dei Bambini), valutava nel 30% i bambini che a Berlino vivevano in condizioni di povertà. Questo dato era già allarmante allora, considerando che la media nazionale si attesta intorno al 20%.

Foto Jean Pierre Hintze CC BY-SA 2.0 DEED

Evidentemente le politiche messe in atto dall’amministrazione locale e dal governo centrale si sono rivelate estremamente insufficienti. Le famiglie monogenitoriali sono quelle particolarmente colpite dalla povertà. Secondo i dati del Berliner Senat (Senato di Berlino), oltre il 50% dei bambini che vivono con un solo genitore si trovano in condizioni di povertà. Questo è in gran parte dovuto alla difficoltà di conciliare lavoro e cura dei figli, oltre che alla precarietà lavorativa.

La povertà è particolarmente elevata tra le famiglie di immigrati. Secondo il Bundeszentrale für politische Bildung (Agenzia Federale per l’Educazione Civica), circa il 40% dei bambini con un background migratorio vive in povertà. Le barriere linguistiche, la discriminazione e la mancanza di reti di supporto contribuiscono a questa situazione.

La povertà ha un impatto diretto sulle opportunità educative dei bambini. I bambini che vivono in povertà hanno meno accesso a risorse educative, come libri, attività extracurriculari e supporto scolastico. Questo crea un ciclo di disuguaglianza che è difficile da rompere.

Inoltre la povertà influenza negativamente la salute fisica e mentale dei bambini. Le famiglie a basso reddito hanno meno accesso a cibo sano, cure mediche adeguate e ambienti di vita sicuri. Questo può portare a problemi di salute cronici e a uno sviluppo psicologico compromesso.

Il governo di Berlino ha implementato diverse misure per combattere la povertà infantile, come l’incremento dei sussidi familiari e l’espansione dei servizi di assistenza all’infanzia. Tuttavia, la complessità del problema e i dati che ne rivelano l’insufficienza rendono urgenti interventi più mirati e coordinati, come programmi di supporto specifici per le famiglie monogenitoriali e per gli immigrati potrebbero fare una differenza significativa.

Le organizzazioni non governative svolgono un ruolo cruciale nel supporto ai bambini poveri. Iniziative come i programmi di doposcuola, le mense per bambini e i centri di assistenza sociale sono fondamentali per fornire un sostegno immediato e concreto. E’ però evidente che il settore statale non può delgare o cantare sulle Ong per un intervento strutturale sulla povertà minorile, che richiede un approccio multifattoriale.

Foto Sciencia58 Wikipedia Commons
RELATED ARTICLES

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

ARTICOLI CORRELATI