venerdì, Febbraio 3, 2023
HomeMondoA Indianapolis cerimonia di commemorazione per i 197 senzatetto morti nel 2022

A Indianapolis cerimonia di commemorazione per i 197 senzatetto morti nel 2022

Mentre Indianapolis, 872 mila abitanti per l’ultimo censimento, si avvia verso uno dei fine settimana più freddi dell’anno, la Coalition for Homelessness Intervention & Prevention ha tenuto mercoledì un servizio commemorativo per 197 persone senzatetto che sono morte nel 2022, il numero più alto nella storia recente, secondo l’organizzazione.

C’era una candela accesa per Michael Dollar, che aveva figli e non chiedeva mai più del necessario; un altro per Amber Eversole-Cheatham, che era sposata e soffriva di problemi di salute; e un altro per Michael Long, che era amorevole e gentile e aveva sempre una visione positiva, secondo i loro operatori presso il rifugio diurno Horizon House sul lato est della città.

In un’affollata cattedrale della Christ Church nel centro di Indianapolis, famiglie, amici e lavoratori della solidarietà si sono riuniti per sensibilizzare sul bilancio della crisi dei senzatetto, ispirare attivismo e sostegno e ricordare coloro che sono morti.

“Le persone devono fare i salti mortali per essere in grado di navigare nei nostri sistemi (rete di sicurezza sociale)”, ha detto il supervisore della gestione di una comunità impegnata sui senzatetto.

La cerimonia comprendeva relatori, il direttore esecutivo del CHIP Chelsea Haring-Cozzi e il sindaco Joe Hogsett, l’accensione delle candele, il rintocco delle campane e le preghiere.

“Oggi siamo qui per mostrare loro che ci teniamo, che ricordiamo e che continueremo a lavorare fino a quando i senzatetto nella nostra comunità non saranno pochi, fino a quando non saranno rari e finché non sarà possibile sopravvivere”, ha affermato Hogsett.

Ciò significa investire in case e risorse a prezzi accessibili per coloro che lottano per le strade, ha affermato.

I senzatetto sono un problema crescente nelle città e nei paesi di tutti gli Stati Uniti, esacerbati dalla disoccupazione e dai problemi di salute durante la pandemia e poiché l’aumento degli affitti e dei prezzi delle case rende gli alloggi fissi fuori dalla portata di più persone.

“Il 21 dicembre, il solstizio d’inverno, è la notte più lunga dell’anno e la più buia”, ha detto Haring-Cozzi. “È un promemoria simbolico che quella notte ci sono troppe persone che vivono senza casa”.

Il numero di persone commemorate il 21 dicembre è in aumento ed è più che triplicato dal 2019, secondo i dati CHIP.

Le persone che vivono senza un alloggio affrontano molti pericoli, tra cui crimini violenti, problemi di salute cronici e non curati, condizioni meteorologiche avverse, overdose di droga e lo sforzo mentale di lottare per sopravvivere, ha detto Cozzi.

Il peggioramento dei problemi sociali sta determinando l’elevato numero di vittime, ha affermato Haring-Cozzi. Con rifugi limitati, affitti elevati e poche protezioni per prevenire gli sfratti, Indianapolis ha molte sfide da superare, ha affermato.

by kennethkonica

RELATED ARTICLES

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

ARTICOLI CORRELATI