mercoledì, Luglio 17, 2024
HomeTecnologiaA Seul sciopero a tempo indeterminato dei lavoratori Samsung

A Seul sciopero a tempo indeterminato dei lavoratori Samsung

Oggi i lavoratori di Seul, Corea del Sud, iscritti al sindacato interno a Samsung Electronics, hanno iniziato uno sciopero a tempo indeterminato che potrebbe minacciare la produzione di chip, un settore in cui la multinazionale tecnologica è leader globale.

Già lunedì della scorsa settimana 6.500 lavoratori avevano partecipato a uno sciopero programmato di tre giorni, protestando per migliori salari e condizioni di lavoro. Tuttavia, dopo non aver ricevuto risposte dall’azienda, il Nationwide Samsung Electronics Union (NSEU) ha deciso di proseguire l’astensione dal lavoro, secondo quanto dichiarato dal vicepresidente del sindacato, Lee Hyun Kuk. Questo sindacato rappresenta 28.000 lavoratori, circa un quarto della forza lavoro globale di Samsung​​.

Samsung, il più grande datore di lavoro privato della Corea del Sud, domina il mercato globale dei chip di memoria, essenziali per la memorizzazione delle informazioni nei computer e in altre apparecchiature elettroniche. L’azienda è anche un importante produttore di chip logici, dietro solo alla Taiwan Semiconductor Manufacturing Company.

Le trattative tra il sindacato e Samsung sono in corso da gennaio, focalizzate su ferie e stipendi. “Man mano che lo sciopero prosegue, il sangue della dirigenza si seccherà e alla fine si siederanno al tavolo delle trattative in ginocchio,” ha dichiarato il sindacato in un comunicato.

Secondo il sindacato, lo sciopero di questa settimana ha rallentato alcune operazioni e produzioni della Samsung. Tuttavia, un portavoce dell’azienda ha affermato che lo sciopero non ha avuto impatti significativi sulla produzione e che Samsung si impegna a evitare interruzioni future, continuando a negoziare in buona fede con il sindacato​.

Avril Wu, vicepresidente senior della ricerca presso la società di analisi di mercato TrendForce, ha minimizzato l’impatto dello sciopero, sottolineando che l’elevato livello di automazione nelle fabbriche riduce la necessità di manodopera manuale, rendendo l’impatto minimo​. Anche il mercato dei chip non sembra essere preoccupato per l’attuale situazione.

Non è dello stesso parere l’autorevole analista finanziario Bloomberg, che spiega come sia vero che la maggior parte della produzione HBM di Samsung è automatizzata, ma che qualsiasi interruzione dovuta allo sciopero potrebbe seriamente danneggiare le possibilità dell’azienda di sostituire il rivale SK Hynix come fornitore preferito di chip di memoria di Nvidia.

Questo sciopero segue una precedente protesta di un giorno a giugno, la prima nella storia dell’azienda. I lavoratori chiedono un aumento salariale del 3,5 percento, miglioramenti nelle politiche di bonus e un giorno di ferie aggiuntivo. Inoltre, il sindacato vuole che Samsung risarcisca i lavoratori per i salari persi durante lo sciopero.

Nonostante i lavoratori abbiano ricevuto bonus fino al 30 percento in passato, l’anno scorso non hanno ottenuto alcun bonus, con un guadagno medio di circa 80 milioni di won (circa 60 mila dollari) prima degli incentivi. “Non torneremo finché non saranno soddisfatte tutte le richieste,” ha dichiarato Lee.

La scorsa settimana, Samsung ha annunciato un incremento maggiore del previsto nell’utile operativo per il secondo trimestre, raggiungendo i 7,5 miliardi di dollari. Le azioni dell’azienda hanno recentemente toccato massimi pluriennali, alimentate dall’aumento della domanda di chip per applicazioni di intelligenza artificiale​ (JobNews)​.

Per decenni, Samsung è stata nota per la sua avversione verso i sindacati. Solo recentemente i sindacati hanno iniziato a organizzare i lavoratori dell’azienda. Il gruppo Samsung fino al 2020 non consentiva ai sindacati di rappresentare i propri dipendenti. Ha dovuto modificare il suo approccio dopo che l’azienda è stata sottoposta a un intenso controllo pubblico, in seguito al processo subito dal suo presidente per manipolazione del mercato e corruzione.

Dopo l’annuncio del sindacato le azioni della società sono state scambiate in modo stabile o leggermente in ribasso sulla Borsa coreana. Il boom della tecnologia dell’intelligenza artificiale (IA) ha fatto aumentare i prezzi dei chip avanzati, facendo aumentare le previsioni dell’azienda per il secondo trimestre.

Secondo la società di ricerca Trendforce, Samsung rappresenta il 45,5% della quota di mercato globale dei chip DRAM e il 36,6% del mercato dei chip di memoria NAND Flash, entrambi componenti essenziali nei computer, negli smartphone e nei server.

RELATED ARTICLES

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

ARTICOLI CORRELATI