mercoledì, Luglio 17, 2024
HomeCostumeAbbattere le foreste secolari per costruire i mobili dell'Ikea

Abbattere le foreste secolari per costruire i mobili dell’Ikea

I produttori di mobili che producono per IKEA si riforniscono di legno da alcune delle ultime foreste secolari rimaste in Europa nei Carpazi rumeni, comprese le aree protette Natura 2000, secondo un nuovo rapporto.

Un’indagine di Greenpeace rivela che sette produttori che producono i prodotti preferiti da sempre di IKEA, come le sedie INGOLF o le culle e i letti per bambini SNIGLAR, sono collegati alla distruzione di foreste ad alto valore di conservazione.

Almeno 30 prodotti diversi di questi fornitori sono stati trovati nei negozi IKEA in 13 paesi: Austria, Belgio, Repubblica Ceca, Finlandia, Francia, Germania, Ungheria, Italia, Israele, Polonia, Svezia, Svizzera e Regno Unito. Greenpeace chiede a IKEA di diventare parte della soluzione invece di contribuire alle attuali crisi climatiche e di biodiversità.

Robert Cyglicki, direttore della campagna sulla biodiversità di Greenpeace Central and Eastern Europe, ha affermato: “Il nostro patrimonio naturale non può essere trasformato in pezzi di arredamento. Le foreste secolari sono vitali per la salute del pianeta e devono essere immediatamente protette. IKEA deve mantenere le proprie promesse di sostenibilità e ripulire la propria filiera dalla distruzione delle foreste secolari”.

Il rapporto Assemble the truth: Old-growth forest destruction in the Romanian Carpathians è stato studiato e scritto da Greenpeace Central and Eastern Europe. I team di indagine hanno seguito la filiera dall’analisi dei permessi e delle immagini satellitari dei siti di disboscamento nelle foreste in Romania ai depositi di legname e ai produttori di mobili, fino a dove finiscono quei prodotti: sugli scaffali dei negozi IKEA.

Si è scoperto che diversi produttori si rifornivano di legno da foreste ad alto valore di conservazione. Sulla base delle informazioni disponibili al pubblico, IKEA è il più grande cliente dei prodotti fabbricati dalla maggior parte di queste aziende, il che implica un’alta probabilità che il legno problematico finisca nei mobili IKEA. Secondo il rapporto, questo sembra certo nel caso di un produttore, Plimob, poiché Plimob produce praticamente esclusivamente per IKEA.

Greenpeace CEE ha dato a IKEA l’opportunità di commentare i risultati di questa indagine. IKEA non ha contestato le informazioni. Dei produttori, uno ha riconosciuto la ricezione di legname da un’area Natura 2000, affermando che tale distruzione non è illegale, mentre molti non hanno risposto.

Greenpeace riconosce che i mobili in generale sono un buon modo di utilizzare il legno, immagazzinare carbonio e aggiungere valore alle materie prime, ma ciò non deve accadere sacrificando le foreste più biologicamente diverse del pianeta.

I Carpazi ospitano orsi bruni, linci e lupi e il bisonte europeo e sono tra i più importanti rifugi di flora e fauna del continente europeo. Il problema è che le aziende e le autorità vogliono evitare di identificare aree come foreste primarie o secolari per evitare restrizioni, portando al fatto che solo il 2,4% (1700 km²) delle foreste dei Carpazi rumeni sono attualmente protette dal disboscamento.

Allo stesso tempo, i dati ufficiali suggeriscono che circa il 7% delle foreste rumene ha più di 120 anni.

Secondo la strategia sulla biodiversità dell’UE, queste foreste dovrebbero essere rigorosamente protette. “IKEA deve diventare un’azienda leader per l’azione politica necessaria per mettere in atto misure di protezione della biodiversità legalmente vincolanti ed efficaci per soddisfare gli obiettivi di biodiversità dell’Europa”, conclude Cyglicki.

RELATED ARTICLES

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

ARTICOLI CORRELATI