lunedì, Aprile 15, 2024
HomeMondoBangladesh: la crescita economica basata sulla povertà dei lavoratori

Bangladesh: la crescita economica basata sulla povertà dei lavoratori

Il governo del Bangladesh deve abbandonare la sua dipendenza dalla manodopera a basso costo se vuole garantire uno sviluppo basato sui diritti dopo il suo previsto passaggio dallo stato di Paese meno sviluppato, ha affermato oggi Olivier De Schutter, esperto di povertà delle Nazioni Unite .

“Il vantaggio comparativo di un paese non può risiedere nel mantenere la sua gente povera”, ha detto il relatore speciale delle Nazioni Unite sulla povertà estrema dei diritti umani, al termine di una visita di 12 giorni nel paese. “Lo sviluppo del Bangladesh è stato in gran parte guidato da un settore di esportazione – l’industria dell’abbigliamento confezionato – che dipende fortemente dal mantenimento di salari bassi”, ha affermato.

De Schutter ha esortato il governo a ripensare la sua dipendenza dall’industria dell’abbigliamento confezionato, che attualmente rappresenta l’82% delle entrate da esportazione del paese e impiega 4 milioni di lavoratori. “Il Bangladesh continua a concentrare gran parte delle sue energie sulla fornitura di incentivi fiscali agli investitori internazionali e sulla creazione di zone economiche speciali”, ha affermato.

“Il tempo e le risorse del governo sarebbero spesi meglio per garantire salari equi, educare e formare i lavoratori e migliorare la protezione sociale”, ha affermato l’esperto delle Nazioni Unite. “Non solo questo attirerà investitori che hanno a cuore la loro reputazione, ma aprirà la strada a una nuova forma di sviluppo in Bangladesh, guidata dalla domanda interna piuttosto che dalle opportunità di esportazione sfruttate”.

Il relatore speciale ha espresso allarme per l’effetto gelido sulla capacità della società civile di operare liberamente dell’Ufficio per gli affari delle ONG del governo e del Digital Security Act, in base al quale giornalisti, difensori dei diritti umani, politici dell’opposizione e accademici sono stati arrestati per aver esercitato i loro diritti di libertà di espressione e di opinione.

“Questi sviluppi non solo spaventeranno gli stessi investitori che il Paese sta cercando di attrarre, ma sono anche un ostacolo alla realizzazione dei diritti economici e sociali”, ha affermato De Schutter. “Non è possibile fornire assistenza sanitaria, istruzione o protezione sociale senza migliorare anche la responsabilità e la trasparenza”.

Durante la sua visita, l’esperto ha viaggiato in tutto il Paese e ha incontrato persone che vivono in condizioni di povertà. Ha osservato che mentre il Bangladesh ha compiuto notevoli progressi nella riduzione della povertà di reddito complessiva, la povertà multidimensionale rimane elevata e la disparità di reddito è aumentata, in particolare nelle aree urbane.

“Il progresso economico complessivo è stato disomogeneo, con gruppi come Adivasi, Dalit, Beda, Hijra e minoranze religiose e linguistiche come i Bihari esclusi”, ha affermato il Relatore speciale. “Il governo ha anche eseguito sgomberi in insediamenti informali con il pretesto dello sviluppo, senza seguire un giusto processo o fornire un adeguato risarcimento e riabilitazione – in violazione del diritto a un alloggio adeguato”, ha affermato.

De Schutter ha esortato il governo a razionalizzare il suo sistema di protezione sociale, che ha descritto come “un mosaico di schemi 119 che emergono su base ad hoc, sono scarsamente coordinati e non forniscono il livello di sicurezza del reddito che i bengalesi dovrebbero aspettarsi”.

Ha espresso preoccupazione per il fatto che il rapporto tasse/PIL sia particolarmente basso (attorno al 7,8 per cento) e che quasi i due terzi delle entrate pubbliche per finanziare la protezione sociale provengano dalla tassazione indiretta, mentre solo un terzo provenga dalla tassazione diretta sul reddito . “Questo dovrebbe essere invertito. Sono i redditi più alti e le grandi imprese che dovrebbero contribuire al finanziamento dei servizi pubblici e della protezione sociale, non i consumatori”, ha affermato l’esperto.

“I programmi di protezione sociale dovrebbero essere sviluppati per proteggere la popolazione dai nuovi e significativi rischi posti dal cambiamento climatico”, ha affermato il relatore speciale. Ha notato che solo nel 2022, 7,1 milioni di bengalesi sono stati sfollati interni a causa dell’erosione delle sponde del fiume, dei cicloni, delle inondazioni e di altri disastri, o perché i loro mezzi di sussistenza erano minacciati dalla salinizzazione dell’acqua.

La missione includeva una visita a Cox’s Bazar, dove De Schutter ha visitato i campi che hanno ospitato 977.798 rifugiati Rohingya, la maggior parte dei quali sono fuggiti dall’attacco genocida nel 2017. Pur rendendo omaggio al governo del Bangladesh per aver ospitato quasi un milione di rifugiati in un paese già sovraffollato , deplorava le condizioni di vita nei campi.

“Fino a quando non saranno soddisfatte le condizioni per il rimpatrio, ai Rohingya deve essere consentito di vivere una vita decente e dignitosa”, ha affermato l’esperto. “Il governo del Bangladesh e la comunità internazionale hanno tutti un ruolo da svolgere”.

Il relatore speciale ha affermato che è “inconcepibile” che i donatori internazionali abbiano contribuito così poco al Piano di risposta congiunta del 2023, che richiede 876 milioni di dollari per affrontare le urgenti esigenze umanitarie nei campi, di cui solo il 17% è finanziato. Da marzo 2023, il Programma Alimentare Mondiale ha dovuto ridurre il valore dei suoi buoni alimentari da 12 a 10 dollari a persona al mese, e il valore sarà ulteriormente ridotto a 8 dollari a giugno.

De Schutter ha avvertito che la malnutrizione e la denutrizione aumenteranno, con conseguenze drammatiche, soprattutto per i bambini. “Le famiglie sono sempre più disperate. Se il governo del Bangladesh dovesse riconoscere il diritto dei Rohingya a cercare lavoro e guadagnare un reddito, come richiesto dalla legge sui diritti umani, ciò allevierebbe almeno in parte il dolore”, ha affermato l’esperto.

by Forgeresearch
RELATED ARTICLES

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

ARTICOLI CORRELATI