giovedì, Giugno 20, 2024
HomeMondoColombia, abusi e violenze contro i difensori dei diritti umani

Colombia, abusi e violenze contro i difensori dei diritti umani

“Siamo preoccupati per l’evidente abuso del diritto penale e del potere di controllo dello Stato per perseguire le persone che esercitano il loro diritto di riunione pacifica” e per “la criminalizzazione di persone che esercitarono i loro diritti di libertà di associazione e riunione”.

Si esprime così il rapporto delle Nazioni Unite, diffuso la scorsa settimana, dedicato alle azioni del sistema giudiziario colombiano e delle forze durante le proteste per lo sciopero nazionale del 2021. Il rapporto si rivolge al Governo colombiano ed esprime preoccupazione per la presunta stigmatizzazione di leader sociali, difensori dei diritti umani e diversi reporter nel corso delle manifestazioni.

È stata espressa preoccupazione anche per l’uso di leggi e concetti giuridici “indeterminati e astratti” nel diritto penale e per una “interpretazione estremamente ampia” del reato di terrorismo per “perseguire e processare i manifestanti”.

Anche se, nel frattempo, nel Paese il Governo è cambiato, non mancano, in effetti, situazioni che confermano le parole del rapporto, come afferma da Bogotá Cristiano Morsolin, esperto di diritti umani in America Latina: “Il 23 marzo scorso, qui a Bogotá, alle cinque del pomeriggio stavo camminando per entrare all’Università Nazionale, su invito del vescovo messicano Raul Vera, quando sono stato testimone dell’uso indiscriminato della forza della polizia speciale Esmad, condannata dai cinque relatori Onu.

Ai sassi lanciati da una dozzina di giovani incappucciati all’interno della principale università pubblica, barricati alla porta della calle 26, sono diventati la giustificazione per accendere la violenta repressione della polizia che, di fronte ai miei occhi, ha lanciato una quantità impressionante di gas lacrimogeni e gas al peperoncino. In tutta velocità sono intervenuti tre veicoli blindati che hanno ‘sparato’ acqua orticante e gas, provocando la chiusura per motivi di sicurezza dell’ateneo. Pur stando a 70 metri dalla porta della calle 26, sono dovuto ricorrere a cure mediche per una crisi respiratoria che ho personalmente sofferto a causa dei gas lacrimogeni”.

Nel frattempo il capo della polizia colombiana ha detto che lui e altri ufficiali hanno usato l’esorcismo e la preghiera per affrontare il crimine e i criminali più potenti del paese, incluso il leader del cartello della droga Pablo Escobar.

Seduto nel suo ufficio circondato da crocifissi, effigi della Vergine Maria e altri simboli cattolici, sabato scorso il generale Henry Sanabria ha dichiarato ai media locali che queste pratiche religiose hanno aiutato la polizia negli ultimi 50 anni di conflitto armato nel paese sudamericano.

Le sue dichiarazioni hanno scatenato feroci dibattiti sui social media in Colombia, un paese laico con tradizioni cattoliche.

Il presidente Gustavo Petro non ha espresso preoccupazione.

“Conosciamo le convinzioni del generale, ma cerchiamo di assicurarci che queste convinzioni non influenzino le regole, è così semplice”, ha detto. “Penso che li abbia rispettati, per quanto ne sappiamo.”

Created with GIMP

RELATED ARTICLES

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

ARTICOLI CORRELATI