giovedì, Giugno 20, 2024
HomeOpinioniCome distruggere quello che resta della credibilità dei media mainstream

Come distruggere quello che resta della credibilità dei media mainstream

di Bret Stephens per il New York Times*

Non è certo un segreto all’interno delle redazioni americane che la nostra professione abbia perso gran parte della fiducia del pubblico. Gallup, che ha condotto per decenni sondaggi sulla “fiducia nelle istituzioni“, ha rilevato che, a partire dalla scorsa estate, solo il 16% degli americani aveva molta o abbastanza fiducia nei giornali, in calo rispetto al 25% di un decennio prima e al 35% rispetto al 2002. Per i telegiornali, gli ultimi risultati sono stati anche peggiori. L’undici per cento degli americani si fida. Il 53% no.

La maggior parte di noi, dentro o fuori i mezzi di informazione, sarebbe sicuramente d’accordo sul fatto che questa è una brutta cosa: eravamo un paese più sano quando potevamo discutere da un insieme comune di fatti non contestati. Ma abbiamo difficoltà a concordare sul perché la fiducia nei media è crollata e, soprattutto, su come può essere ripristinata.

In un saggio della scorsa settimana per il Washington Post, Leonard Downie Jr. ha affermato che le redazioni devono mettere da parte l’obiettività giornalistica perché una nuova generazione di giornalisti “crede che perseguire l’obiettività possa portare a un equilibrio falso o fuorviante per tutti. Ha aggiunto: “sentono negate molte delle loro identità, esperienze di vita e contesti culturali, che gli impediscono di perseguire la verità nel loro lavoro”.

Downie afferma persino che l’obiettività non è mai stata uno standard da lui sostenuto, anche se i principi che afferma erano gli scopi che ha perseguito come giornalista: accuratezza, correttezza, imparzialità, responsabilità e ricerca della verità. Gli stessi sostenuti dalla maggior parte dei giornalisti e poco diversa dalla definizione di oggettività del dizionario: “usare i fatti senza distorsioni dovute a convinzioni personali, pregiudizi e sentimenti”.

Il saggio di Downie si basa su un rapporto, “Beyond Objectivity“, che ha scritto con l’ex presidente della CBS News Andrew Heyward, che si basa su interviste con 75 leader di redazioni e giornalisti di spicco. Dopo aver denigrato il saggio sullo show di Bill Maher la scorsa settimana, Downie mi ha chiesto di leggere il rapporto completo. Ne abbiamo poi parlato al telefono.

“Beyond Objectivity”, pubblicato dalla Walter Cronkite School of Journalism dell’Arizona State University, è un documento straordinario, anche se forse non per le ragioni che Downie o Heyward intendevano.

Il testo si sviluppa principalmente di citazione in citazione. La maggior parte dei giornalisti citati nel documento parla nel gergo del progressismo moderno, il che non fa altro che corroborare la convinzione di molti americani che i media mainstream siano ora la mente, la voce e il braccio della sinistra politica.

L’editore esecutivo del Los Angeles Times, Kevin Merida, afferma di essere disposto a consentire ai membri del suo staff di essere parte attiva nei fatti su cui riferiscono, offuscando il confine tra attivismo sociale e giornalismo. L’obiettività, dice un altro editore citato nel rapporto, è una notizia “attraverso l’obiettivo di uomini eterosessuali in gran parte bianchi”.

Il rapporto esorta anche le redazioni a diventare sempre più diversificate, ma omette qualsiasi riferimento alla diversità dei punti di vista, che oggi è il deficit più evidente nella maggior parte del panorama dei media americani. Nella nostra conversazione, Downie ha riconosciuto che questa è stata una sfortunata svista. Sfortunata, ma rivelatrice.

Il rapporto ha problemi più profondi. Il più profondo è che Downie e Heyward hanno un’idea sbagliata dello scopo del giornalismo in una società libera.

In primo luogo, la maggior parte del giornalismo negli Stati Uniti, incluso il New York Times, è un business: un nobile business, a volte, ma comunque un business. La democrazia può morire nell’oscurità, come dice il magniloquente motto del Washington Post. Ma The Post morirà se non può vendere abbonamenti e pubblicità o appoggiarsi alle sovvenzioni e alla generosità del suo proprietario miliardario.

Questo non scredita affatto l’ottimo lavoro svolto da The Post. Ma le organizzazioni giornalistiche perdono inevitabilmente la fiducia del pubblico quando fingono di essere qualcosa che non sono.

Non siamo semplicemente difensori disinteressati della democrazia con la D maiuscola. Siamo attori all’interno di quella democrazia, con un potente megafono che a volte possiamo usare in modi problematici. Quando, ad esempio, i paparazzi ficcano il naso nella quotidianità ordinaria delle celebrità, vengono serviti gli interessi della democrazia o semplicemente gli interessi della stampa nella vendita di copie?

Lo stesso vale per i personaggi pubblici accusati di attività “piccanti”, che rimangono non provate: quanto bene è stata servita la democrazia americana dalle chiacchiere registrate in un bagno?

Se i media americani vogliono riconquistare la fiducia, potremmo scendere dal piedistallo ed essere un po’ più consapevoli del nostro ruolo privilegiato e spesso preoccupante nella società.

In secondo luogo, non siamo nel business della “verità”, almeno non del tipo con la “V” maiuscola. Il nostro compito è raccogliere e presentare fatti rilevanti e buone prove. Oltre a ciò, la verità diventa rapidamente una questione di interpretazione personale, “esperienza vissuta”, giudizi morali e altre considerazioni soggettive che riguardano tutti i giornalisti ma che non dovrebbero inquadrare la loro copertura.

L’unico posto in cui la verità non oggettiva può svolgere un ruolo prezioso nei mezzi di informazione è nella sezione Opinioni, che almeno è onesta e trasparente riguardo ai presupposti ideologici e agli obiettivi del commento. Se Downie e Heyward avessero voluto soltanto più di questo, sarei stato d’accordo.

Il core business del giornalismo è la raccolta e la distribuzione di informazioni. Fare questo richiede virtù di curiosità, indipendenza, apertura mentale, pensiero critico e tenacia al servizio dell’accuratezza dei fatti, della tempestività e della completezza. Serve anche gli interessi vitali della democrazia fornendo al pubblico le materie prime di cui ha bisogno per plasmare un’opinione intelligente e una politica efficace. Questo potrebbe essere meno romantico della ricerca della “verità”, ma potremmo riguadagnare molta fiducia riducendo la nostra missione a fatti semplici.

In terzo luogo, il fatto che l’obiettività sia difficile da mettere in pratica non la invalida affatto come obiettivo desiderabile. Al contrario, lo standard dell’obiettività è di immenso aiuto per i redattori che cercano di impedire ai giornalisti di dare il proprio punto di vista alle cose o di escludere persone e argomenti di cui non amano occuparsi.

Ciò che Downie e Heyward respingono nel loro rapporto come “cerchiobottismo” è, in realtà, un modo cruciale per creare fiducia con il pubblico, in particolare in un paese così vario come l’America. Fornisce una piattaforma a più visualizzazioni. E mostra fiducia nel fatto che le persone possano giungere a conclusioni intelligenti da sole.

Né è un’obiezione seria affermare, come suggeriscono Downie e Heyward, che l’obiettività è in qualche modo contaminata da un pedigree maschile bianco e diritto. Secondo questo standard assurdo, dovremmo anche guardare con sospetto, diciamo, al calcolo (Newton, Leibniz) o a gran parte della medicina moderna (Osler, Fleming, Salk) o, del resto, a una scuola di giornalismo che prende il nome da Walter Cronkite.

Se in precedenza le redazioni non erano sufficientemente diversificate, allora sicuramente la risposta è renderle più diversificate, non buttare via i loro standard. È attenendosi più da vicino a quegli standard che vengono mantenute l’eccellenza professionale e la fiducia nelle istituzioni.

Infine, lo scopo del giornalismo in una democrazia non è solo quello di fare cronaca. Si tratta anche di ascoltare. “Un buon giornale, suppongo, è una nazione che parla a se stessa”, osservò una volta Arthur Miller. Downie e Heyward hanno ragione sul fatto che redazioni più diversificate possono aiutare i lettori ad acquisire il punto di vista delle persone provenienti da comunità emarginate, che non sempre dispongono di grandi megafoni propri.

Ma quell’ascolto deve estendersi anche al tipo di americani che gran parte dei media mainstream ora vede, nel migliore dei casi, come una tribù straniera e, nel peggiore dei casi, una grave minaccia alla democrazia stessa: persone come i conservatori religiosi, i proprietari di armi e i sostenitori di Trump.

In questo momento, gran parte del giornalismo tradizionale sta fallendo in questo compito trattando questa parte dell’America con condiscendenza e insulti (“razzista”, “disinformatore”, “fobico” e così via).

Uno degli scopi dell’obiettività nei resoconti è che può spingere i mezzi di informazione ad ascoltare tutti i tipi di persone senza lanciare calunnie morali, consentendo a queste persone di vedersi e sentirsi rappresentate nei media senza essere sminuite o denigrate. Questo è un altro buon modo per ricostruire la fiducia.

Non c’è dubbio che molto del modello tradizionale di giornalismo oggettivo sia viziato. Il giornalismo che cerca di mantenere una posizione di neutralità su questioni moralmente controverse sarà sempre sconcertante.

Tutti i giornalisti sono soggetti alle carenze personali e ai paraocchi culturali che rendono imperfette tutte le imprese umane. E non c’è mai un modo infallibile per catturare la realtà e trasmettere informazioni, in particolare in un paese pluralista e spesso polarizzato. I progressi tecnologici, i cambiamenti nei quadri normativi e la crescente ondata di demagogia politica hanno reso ancora più difficile il compito di produrre giornalismo autorevole.

Ma se si crede ancora che una sana democrazia dipenda dalla qualità e dalla credibilità dell’informazione con cui la nostra società fa le sue scelte, allora abbiamo pochi modelli migliori del tipo di giornalismo oggettivo che sta ormai passando di moda. Downie, Heyward e altri aspiranti salvatori della nostra professione dovrebbero stare attenti a ciò che desiderano.

*https://www.nytimes.com/2023/02/09/opinion/mainstream-media-credibility-objectivity-journalism.html

by thelampnyc

RELATED ARTICLES

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

ARTICOLI CORRELATI