martedì, Settembre 27, 2022
HomeMondoCrimini d'odio contro gli asiatici a San Francisco

Crimini d’odio contro gli asiatici a San Francisco

Le comunità asiatiche a San Francisco, nello stato occidentale della California, negli Stati Uniti, un tempo simbolo di pace e libertà, hanno denunciato i crescenti crimini d’odio contro gli asitici, sia americani asiatici che provenienti dal Pacifico. La questione è arrivata al consiglio comunale dopo una serie di denunce raccolte dai leader delle comunità.

Molte donne hanno raccontato di essere state attaccate per le strade. Una cittadina ha spiegato come, dopo essere stata aggredita sull’autobus, la sua denuncia alla polizia sia caduta nel vuoto. La mancata protezione da parte delle autorità accresce il clima di paura. Dallo scoppio della pandemia da covid le violenze sono cresciute in numero esponenziale.

Al termine dei tanti racconti esposti in municipio il capo della polizia della città Bill Scott e il procuratore distrettuale Brooke Jenkins hanno cercato di placare la comunità asiatica, promettendo d’introdurre nuove misure per riportare la sicurezza nelle strade. “Non tollereremo questi atti di violenza. E lo sosterremo con le nostre azioni in aula”, ha detto Jenkins.

Scott ha rivelato che lunedì scorso quattro ragazzi sono stati arrestati con l’accusa di aver aggredito e derubato un’anziana donna asiatica il mese scorso. Un altro uomo è stato arrestato e accusato della brutale aggressione dell’ex dirigente statale di San Francisco Greg Chu.

Il leader della comunità Hudson Liao non ha però manifestato soddisfazione per le iniziative promesse contro i crimini d’odio razziale. I residenti della nostra comunità – ha detto al consiglio municipale – non capiscono la metà delle cose che state dicendo. A loro importa soltanto di essere al sicuro”.

Per due anni tra il 19 marzo 2020 e il 31 marzo 2022, circa 11.500 episodi di odio anti-asiatico sono stati segnalati in tutto il paese a Stop AAPI Hate, un sito Web che mira a combattere l’odio contro le comunità asiatiche, americane, del Pacifico e delle isole raccogliendo casi di odio razzista in un dettagliato rapporto.

I crimini d’odio contro gli asiatici, denunciano le comunità, accadono ovunque, sia nelle grandi città che nelle piccole città, “Sia dove viviamo tra noi – si legge nel rapporto – che nei luoghi in cui le comunità AAPI (Asian American and Pacific Islander) sono poche e lontane tra loro.”

“Questi casi sono davvero traumatizzanti. Ritengo che questo sia un periodo di trauma razziale collettivo”, ha detto Russell Jeung, co-fondatore di Stop AAPI Hate e professore di Asian American Studies alla San Francisco State University, commentando i dati.

RELATED ARTICLES

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

ARTICOLI CORRELATI