venerdì, Aprile 19, 2024
HomeMondo"Crisi dei diritti": il rapporto di Amnesty documenta gli abusi in Nicaragua

“Crisi dei diritti”: il rapporto di Amnesty documenta gli abusi in Nicaragua

L’organizzazione per i diritti umani Amnesty International documenta come il governo del presidente nicaraguense Daniel Ortega e della vicepresidente Rosario Murillo stia accentuando la repressione nello stato dell’America centrale.

In un rapporto pubblicato martedì scorso, l’organizzazione ha dichiarato che il governo sia coinvolto in abusi come la detenzione arbitraria, la tortura e la revoca della cittadinanza ai dissidenti. “Abbiamo mostrato la continua repressione a cui è stata sottoposta la società nicaraguense e i diversi modelli di violazioni dei diritti umani inflitti alle persone che osano alzare la voce”, ha detto Erika Guevara-Rosas, direttrice per le Americhe di Amnesty International, in un comunicato stampa.

Il governo di Ortega è stato accusato di consolidare il potere e reprimere le voci di opposizione dal 2018, quando le proteste anti-austerità contro i tagli ai benefici della sicurezza sociale sono state affrontate con una risposta del governo violenta in cui centinaia di persone sono state uccise e detenute.

Il rapporto ha affermato che il governo ha continuato a “espandere e reinventare” tali modelli di repressione attraverso una varietà di metodi, tra cui l’uso eccessivo della forza, gli attacchi ai gruppi della società civile e l’uso del sistema giudiziario per perseguire gli oppositori.

L’organizzazione ha anche denunciato il governo per aver “acquisito” il sistema giudiziario, perseguitando “processi ingiusti di persone semplicemente perché erano considerate critiche al governo”. Amnesty ha anche affermato che le organizzazioni della società civile, gli attivisti per i diritti umani e i media indipendenti hanno subito molestie, perdita di status legale e irruzioni da parte delle forze di polizia.

Ortega è stato un leader del gruppo ribelle di sinistra sandinista, che ha rovesciato la dittatura sostenuta dagli Stati Uniti nel 1979. Tuttavia, Ortega è ora accusato di molti degli stessi crimini commessi da Somoza: tortura, sparizioni forzate ed eliminazione dei rivali politici.

L’anno scorso Hugo Torres, ex guerrigliero sandinista e capo militare, generale di brigata delle forze armate nicaraguensi, che partecipò al raid della festa di Natale del 1974 che liberò il futuro presidente Daniel Ortega tra gli altri prigionieri, è morto in prigione all’età di 73 anni, dopo essere stato arrestato insieme a diversi politici dell’opposizione.

RELATED ARTICLES

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

ARTICOLI CORRELATI