giovedì, Febbraio 29, 2024
HomeMondoDal Ciad in guerra un aiuto agli sfollati del Sudan

Dal Ciad in guerra un aiuto agli sfollati del Sudan

Mastiura Ishakh Yousouff è una giovane donna di soli 22 anni che ha trascorso la maggior parte della sua vita come sfollata interna nella regione sudanese del Darfur. Ora si trova in un campo profughi nel Ciad orientale, uno dei paesi più poveri al mondo, insieme al suo neonato e a pochi oggetti personali che è riuscita a portare con sé.

È stata costretta a fuggire attraverso il confine a causa dell’escalation dei combattimenti nel Darfur occidentale. Al campo profughi di Gaga, nella regione di Ouaddaï, in Ciad, Mastiura ha espresso la sua preoccupazione per sua madre, che non è riuscita a attraversare il confine a causa delle sue fragilità. Si chiede costantemente come poterla portare in Ciad.

I combattimenti tra fazioni militari rivali in Sudan hanno causato la morte di centinaia di persone nel Darfur occidentale. Secondo i dati delle Nazioni Unite, circa 60.000 sudanesi sono entrati in Ciad dalla metà di aprile, quando i combattimenti hanno avuto inizio.

Prima dell’escalation dei combattimenti, il Sudan già affrontava anni di instabilità politica, che avevano causato il displacemento di milioni di persone all’interno del paese. Il Sudan ospitava anche 1,13 milioni di rifugiati provenienti da altri paesi in conflitto, tra cui il Sud Sudan, l’Eritrea e la Siria, secondo l’UNHCR.

Questa nuova ondata di violenza ha costretto quasi 850.000 civili a lasciare le proprie case e a cercare rifugio altrove in Sudan, mentre più di 250.000 persone hanno lasciato il paese in cerca di sicurezza. Il Ciad, che già ospitava 400.000 rifugiati sudanesi, sta facendo i conti con l’afflusso di nuovi sfollati, mettendo a dura prova le sue risorse.

Gli operatori umanitari si stanno affrettando a fornire assistenza ai nuovi arrivati, trasferendoli lontano dalle città di confine e fornendo aiuti nelle città di rifugiati in rapida crescita. Tuttavia, le risorse sono limitate e molte persone continuano ad arrivare, temendo per la propria vita se rimanessero in Sudan.

Il campo di Gaga ospita principalmente donne e bambini, rappresentando quasi il 90% dei nuovi arrivati, secondo l’UNHCR. Molti rifugiati hanno subito traumi così profondi che la sola presenza di armi da parte della polizia e delle forze di sicurezza nel campo risveglia ricordi dolorosi. Hanno paura degli uomini in uniforme militare, poiché ricordano gli orrori vissuti in patria.

Samantha Power, amministratrice di USAID, si è recata nel Ciad orientale annunciando un contributo di 103 milioni di dollari per sostenere oltre un milione di persone sfollate in Sudan e nei paesi limitrofi a causa del conflitto. Power, ex giornalista che aveva riportato sulla crisi in Darfur nel 2004, ha evidenziato l’importanza di agire per porre fine al conflitto e isolare i generali responsabili delle violenze.

Durante la visita nel campo di Gaga, Power ha ascoltato storie strazianti di rifugiati costretti a fuggire verso il Ciad a causa della violenza inaudita. Molte famiglie, come quella di Koubra Abdallah, sono state costrette a lasciare le proprie città in fretta e furia, separandosi dai propri cari nel caos.

Le persone che arrivano in Ciad sono le vittime più povere e vulnerabili dell’instabilità del Sudan. Sono principalmente contadini e persone provenienti da villaggi, desiderose di costruire un futuro sicuro. A differenza di coloro che possono essere evacuati o espulsi attraverso porti o con visti stranieri, questi rifugiati non hanno alternative. Tornare in Sudan è fuori questione a causa dell’insicurezza persistente.

Le leggi del Ciad richiedono che i rifugiati siano alloggiati a distanza ragionevole dalle città di confine, quindi vengono trasferiti in campi come Gaga, più lontani dal confine. Qui iniziano il difficile processo di ricostruzione della propria vita. Non ci sono acqua corrente o elettricità nelle abitazioni, che consistono in piccole strutture in lamiera di ferro, ma i rifugiati si sentono almeno al sicuro in questa città di rifugiati.

La situazione nel Darfur e i rifugiati che arrivano in Ciad sono il risultato di anni di conflitto sanguinoso. Nel passato, il generale Mohamed Hamdan Dagalo, noto come Hemedti, era il comandante delle milizie Janjaweed, responsabili di gravi violazioni dei diritti umani e atrocità che sono state ampiamente riconosciute come un genocidio. Oggi, Hemedti guida le Rapid Support Forces, un gruppo paramilitare che combatte le forze armate sudanesi in questo nuovo conflitto.

Power sottolinea che una soluzione umanitaria non è sufficiente per affrontare un problema politico come quello del Sudan. È necessario isolare i generali responsabili delle violenze e metterli sotto pressione per porre fine al conflitto. Nel frattempo, le organizzazioni umanitarie continuano a fare del loro meglio per fornire assistenza ai rifugiati e alleviare le sofferenze che affrontano ogni giorno.

La situazione nel Darfur e nei campi profughi del Ciad rimane una crisi umanitaria di proporzioni enormi. È essenziale che la comunità internazionale continui a fornire sostegno finanziario e risorse per garantire la protezione e l’assistenza ai rifugiati, nonché per lavorare verso una soluzione politica che ponga fine a decenni di conflitto e sofferenza nel Sudan.

by EU Civil Protection and Humanitarian Aid

RELATED ARTICLES

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

ARTICOLI CORRELATI