giovedì, Giugno 20, 2024
HomeMondoDieci milioni di bambini nel Sahel centrale hanno bisogno di assistenza umanitaria

Dieci milioni di bambini nel Sahel centrale hanno bisogno di assistenza umanitaria

Il Sahel è stato a lungo una delle regioni più vulnerabili dell’Africa. Ma i conflitti armati e l’intensificarsi degli scontri militari stanno mettendo a rischio vite e mezzi di sussistenza, interrompendo l’accesso ai servizi e mettendo in estremo pericolo il futuro dei bambini del Sahel centrale.

I bambini sono direttamente presi di mira da gruppi armati non statali che operano in vaste aree del Mali e del Burkina Faso, e sempre più in Niger. Centinaia di bambini sono stati rapiti nei tre paesi, molti dei quali ragazze.

Dal 2021 gruppi armati non statali distruggono le riserve alimentari in una regione tra le più affamate e malnutrite del pianeta. Alcuni gruppi armati che si oppongono all’istruzione statale bruciano e saccheggiano le scuole e minacciano, rapiscono o uccidono gli insegnanti. Le operazioni di sicurezza nazionale contro i gruppi armati, nel frattempo, hanno portato a numerosi casi di bambini uccisi, feriti e arrestati. Molte scuole e ospedali vengono danneggiati o distrutti nei tre paesi.

L’insicurezza e lo sfollamento si stanno estendendo oltre i confini del Sahel centrale e si stanno diffondendo in comunità remote con scarse infrastrutture e risorse, dove i bambini hanno già un accesso molto limitato ai servizi da cui dipendono per la sopravvivenza e la protezione. Tutto questo sta accadendo in una delle regioni più colpite dal clima e con scarsità d’acqua al mondo.

Questa crisi richiede urgentemente una risposta umanitaria più forte, ma ha anche bisogno di investimenti flessibili a lungo termine per uno sviluppo sostenibile che contribuisca alla costruzione della pace all’interno di queste comunità, specialmente per i bambini. Affrontare le cause sottostanti, rafforzare i servizi sociali e anticipare le crisi può aiutare i paesi a costruire società resilienti con una forte coesione sociale che consentano ai bambini di godere dei propri diritti e realizzare il proprio potenziale.

Intrappolati tra gruppi armati, operazioni di sicurezza nazionale e violenze intercomunali, i bambini si trovano direttamente presi di mira da gruppi armati non statali che operano in vaste aree della regione. Il 2022 è stato un anno particolarmente violento per i bambini nel Sahel centrale, quasi certamente il più mortale da quando è scoppiato il conflitto armato nel nord del Mali più di dieci anni fa.

Nei primi anni della crisi, i gruppi armati hanno concentrato i loro attacchi contro le infrastrutture di sicurezza e il personale, risparmiando in gran parte bambini e civili; ora le loro tattiche suggeriscono che molti mirano a infliggere il massimo di vittime e sofferenze alle comunità. Le parti in conflitto sfruttano le rivalità etniche che mettono le comunità l’una contro l’altra.

L’insicurezza pervasiva ha dato origine a gruppi di autodifesa della comunità, compresi alcuni sostenuti dai governi, insieme ad altre milizie che considerano i ragazzi adulti in grado di portare armi. I gruppi armati vedono questi gruppi di autodifesa come sostenuti dalle loro comunità, quindi attaccano combattenti e civili, compresi i bambini, indistintamente.

Dieci milioni di bambini nel Sahel centrale hanno bisogno di assistenza umanitaria. Il conflitto armato ha costretto quasi 2,7 milioni di persone a lasciare la propria terra per trasferirsi in campi profughi o comunità di accoglienza vulnerabili nei tre paesi. In Burkina Faso, secondo i dati delle Nazioni Unite, nei primi nove mesi del 2022 sono stati verificati tre volte più bambini uccisi rispetto allo stesso periodo del 2021.

L’insicurezza e lo sfollamento si stanno estendendo anche oltre i confini del Sahel centrale, mettendo a rischio quasi 4 milioni di bambini in quattro paesi costieri dell’Africa occidentale: Benin, Costa d’Avorio, Ghana e Togo.

In Burkina Faso, gli attacchi includono il sabotaggio delle reti idriche – tagliando linee elettriche e distruggendo generatori o quadri elettrici nelle stazioni di pompaggio che alimentano i sistemi di approvvigionamento idrico urbano – e danneggiando le pompe manuali dell’acqua e le strutture di stoccaggio. Uomini armati minacciano le donne mentre si dirigono verso i punti d’acqua sparando colpi di avvertimento. I punti d’acqua sono anche avvelenati con carburante o carcasse di animali.

Alcuni gruppi armati che si oppongono all’istruzione statale bruciano e saccheggiano le scuole e minacciano, rapiscono o uccidono gli insegnanti. Entro il 2022, più di 8.300 scuole nel Sahel centrale erano state chiuse perché erano state prese di mira direttamente, gli insegnanti erano fuggiti o perché i genitori erano sfollati o troppo spaventati per mandare i propri figli a scuola. Più di 1 scuola su 5 in Burkina Faso ha chiuso, mentre il 30% delle scuole nella regione nigeriana di Tillaberi non funziona più a causa dell’insicurezza.

Senza accesso all’istruzione, una generazione di bambini che vivono in conflitto nell’Africa occidentale e centrale crescerà senza le competenze di cui ha bisogno per raggiungere il proprio potenziale, svolgere appieno il proprio ruolo nelle proprie famiglie e comunità e contribuire ai propri paesi e alle proprie economie.

Il Sahel centrale è una delle regioni più colpite dal clima e con scarsità d’acqua del pianeta. Le temperature stanno aumentando di 1,5 volte più velocemente della media globale. Le falde acquifere si sono abbassate e i pozzi devono essere perforati fino al doppio della profondità rispetto a dieci anni fa. La crescente urbanizzazione, le superfici in asfalto e cemento e l’inquinamento da plastica impediscono all’acqua di penetrare nel suolo.

Allo stesso tempo, le precipitazioni sono diventate più irregolari e intense, causando inondazioni che riducono i raccolti e contaminano le già scarse riserve idriche, condizioni che aggravano malattie come la polmonite. Il clima che cambia sta derubando le famiglie dei loro mezzi di sussistenza e, in alcuni casi, della loro stessa vita.

RELATED ARTICLES

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

ARTICOLI CORRELATI