giovedì, Giugno 20, 2024
HomeMondoDivampano nella Germania orientale le proteste dell'estrema destra contro l'accoglienza ai...

Divampano nella Germania orientale le proteste dell’estrema destra contro l’accoglienza ai richiedenti asilo

Giovedì scorso un migliaio circa di persone si sono radunate davanti all’edificio distrettuale nel distretto del Meclemburgo nordoccidentale per manifestare contro la prevista costruzione di alloggi container destinati a stranieri, durante una riunione straordinaria del consiglio distrettuale. Secondo la polizia, che ha impedito ai manifestanti di entrare nell’edificio, si erano infiltrati tra la folla anche estremisti di destra e simpatizzanti neonazisti.

Quanto avvenuto nel Meclemburgo-Pomerania occidentale non è un caso isolato, perché in questa fine di gennaio anche gli estremisti di destra di “Identitären Bewegung” (Movimento identitario) hanno marciato per le strade della città di Chemnitz, in Sassonia, per protestare contro l’alloggio ai rifugiati. Circa 70 persone tra cui molti pensionati. I manifestanti portavano bandiere del movimento di estrema destra “Libera Sassonia” e una grande bandiera tedesca.

I manifestanti si sono diretti verso l’ex campo dei pionieri Palmiro Togliatti a Einsiedel, un piccolo comune a sud di Chemnitz, dove l’edificio intitolato al defunto segretario del Pci è servito come struttura di prima accoglienza per i rifugiati. Centinaia di cittadini hanno manifestato contro, esprimendo odio per coloro che cercano protezione. L’edificio era già stato dato alle fiamme nel 2016.

A causa del crescente numero di rifugiati, lo stato della Sassonia ha ora riattivato la struttura, che offre spazio per 352 persone. L’ex personale della Bundeswehr locale afgana e le loro famiglie devono essere ospitati lì, anche se solo temporaneamente. Non appena verranno trovati appartamenti adeguati i profughi saranno redistribuiti nei comuni. I primi 41 rifugiati si sono trasferiti a metà gennaio: undici uomini, dieci donne e venti bambini.

Il giorno dopo che nell’ottobre 2022 era stato annunciato che il centro di prima accoglienza sarebbe stato rimesso in funzione, 120 persone hanno manifestato contro. Da allora, ogni mercoledì a Einsiedel, in Sassonia, si sono svolte marce di protesta e, secondo la polizia di Chemnitz, il numero dei manifestanti è stato “costantemente a due cifre” per settimane.

Gli estremisti di destra della “Libera Sassonia” e del “Movimento identitario” indicono le proteste. All’inizio di gennaio. Il “Movimento identitario” ha proferito minacce, sostenendo che Einsiedel è “ancora” un “luogo tranquillo e pacifico”, ma che presto cambierà “drasticamente”. Si parla di “scambio di popolazione” e di “infiltrazioni straniere”.

Le proteste di Einsiedel non fanno eccezione in Sassonia. Sono esempi di ciò che sta accadendo attualmente in diverse località dello stato federale. Nel quartiere Sporbitz di Dresda, da novembre tra le 100 e le 200 persone protestano ogni settimana contro i container residenziali in cui da aprile dovranno essere ospitati fino a 52 rifugiati di diversi paesi di origine.

A Kriebethal, nella Sassonia centrale, la gente sta scendendo in piazza perché non vuole che dodici profughi minorenni vivano temporaneamente in una ex casa di cura locale. E a metà gennaio, 280 persone hanno protestato nella comunità della Sassonia settentrionale di Laussig contro l’idea del distretto di costruire alloggi di emergenza nella scuola elementare di Laussig.

Gli estremisti di destra di “Free Saxony”, che prima hanno alimentato le proteste contro il coronavirus e poi le manifestazioni contro l’aumento dei prezzi dell’energia nel Free State, si stanno adesso mobilitando in modo significativo per le proteste contro gli alloggi per i richiedenti asilo.

by tim.lueddemann

RELATED ARTICLES

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

ARTICOLI CORRELATI