lunedì, Settembre 26, 2022
HomeMondoGaza, vietato ammalarsi

Gaza, vietato ammalarsi

di Alfredo Facchini

“Shifa hospital” di Gaza.

Il medico in piedi, nella foto sotto, ha tenuto con le mani per ore quello strumento che funziona a pressione e questo perché nella Striscia manca anche l’indispensabile.

La sanità palestinese è crudelmente nelle mani di Israele che decide quando aprire o chiudere i cancelli della più grande prigione a cielo aperto del mondo.

Gaza, lo ricordiamo, è sottoposta a un embargo internazionale dal 2007.
In questi 15 anni l’esercito con la stella di David ha lanciato quattro attacchi militari nella striscia (2008, 2012, 2014 e 2021).

La situazione sanitaria ora è al limite della sopportazione. Manca di tutto: farmaci essenziali e medicinali monouso. Senza poi contare il sovraccarico negli ospedali dovuto alla pandemia. Il personale sanitario è stremato.

Tecnologie mediche di base come radioterapia e TAC non sono disponibili nella Striscia di Gaza.

Il blocco dello Stato Ebraico fa sentire la sua morsa soprattutto sui più fragili.
C’è un dato del 2018 che fa rabbrividire: l’incidenza tumorale nella Striscia di Gaza è stata tra le peggiori del mondo, superando quasi del doppio il numero dei malati di cancro in Israele.

La situazione è ancora più drammatica per i bambini, che rappresentavano l’11% del totale dei malati di cancro, quando l’incidenza media nel resto del mondo (per bambini dai 14 anni in giù) era dell’1%.

La spaventosa incidenza tumorale nella Striscia di Gaza è dovuta, in particolare, ad un habitat inquinato dalla presenza di sostanze radioattive e tossiche portate dai ripetuti bombardamenti.

Nel 2021, un terzo delle richieste di accesso alle cure per bambini presso ospedali fuori da Gaza è stato rallentato o respinto da Israele.

E i minori che riescono ad ottenere il permesso di uscire dalla Striscia per ricevere cure in cliniche specializzate, sono spesso costretti a partire senza i propri genitori, ai quali non viene consentito di lasciare Gaza neanche per accompagnarli. È la denuncia dei
“Medici per i diritti umani”, organizzazione non governativa che si occupa del diritto alla salute in Israele e nei Territori palestinesi Occupati.

“Israele ha trasformato gli ospedali palestinesi in tante fabbriche di angeli. […] Quei corpicini smembrati, quelle vite potate ancora prima di fiorire saranno un incubo per tutto il resto della mia vita, e se ho ancora la forza di raccontare della loro fine è perché voglio rendere giustizia a chi non ha più voce, forse a chi non ha mai avuto orecchie per ascoltare. Restiamo umani.“ [Vittorio Arrigoni]

Alfredo Facchini

RELATED ARTICLES

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

ARTICOLI CORRELATI