giovedì, Giugno 20, 2024
HomeMondoGibuti, Etiopia e Kenya, appoggio militare alla Somalia per sconfiggere al-Shabab

Gibuti, Etiopia e Kenya, appoggio militare alla Somalia per sconfiggere al-Shabab

I leader di Somalia, Gibuti, Etiopia e Kenya hanno concordato una campagna militare congiunta contro il gruppo militante islamico somalo al-Shabab che ha effettuato attacchi nella regione, compreso il lancio di colpi di mortaio vicino alla sede dell’incontro a Mogadiscio poco prima dell’incontro di ieri, mercoledì.

In un comunicato congiunto emesso dopo l’incontro nella capitale della Somalia, i quattro capi di stato hanno affermato che l’operazione “impedirà qualsiasi futura infiltrazione di elementi nella regione”.

“Il vertice ha deciso di dare la spinta finale alle operazioni congiunte nelle aree che rimangono sotto il controllo dei terroristi per liberare completamente l’intera Somalia da Al-Shabab”, si legge nel comunicato di mercoledì dei quattro paesi, i cui soldati fanno parte del peacekeeping dell’Unione africana missione in Somalia.

Il governo della Somalia sta attualmente conducendo quella che è stata descritta come l’offensiva più significativa contro il gruppo estremista al-Shabab in più di un decennio. Le migliaia di combattenti di Al-Shabab hanno frenato la ripresa della nazione da decenni di conflitto, compiendo sfacciati attacchi a Mogadiscio e altrove.

Mercoledì le strade di Mogadiscio che subiscono regolarmente attacchi sono state chiuse con movimenti limitati a causa di forti pattuglie militari e tutti i voli commerciali sono stati sospesi durante le visite dei capi di stato.
Anche allora, testimoni hanno riferito che proiettili di mortaio sono caduti vicino alla sede presidenziale prima dell’inizio delle riunioni, ma non sono stati segnalati decessi. Al-Shabab ha rivendicato la responsabilità dell’attacco.

Il presidente somalo Hassan Sheikh Mohamud ha affermato che l’incontro “riafferma la nostra determinazione a liberare definitivamente la nostra regione dal terrorismo”. Il presidente del Kenya William Ruto ha affermato che la pace era a portata di mano grazie allo “sforzo collettivo nell’antiterrorismo”.

I leader regionali hanno deciso di istituire un meccanismo di operazioni congiunte che coordinerà la campagna per sconfiggere al-Shabab. Un funzionario umanitario occidentale, che ha parlato a condizione di restare anonimo perché non era autorizzato a parlare pubblicamente, ha affermato che negli ultimi sei mesi è stato sottratto più territorio ad al-Shabab che negli ultimi cinque anni, con quasi 100 villaggi riconquistati.

RELATED ARTICLES

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

ARTICOLI CORRELATI