giovedì, Ottobre 6, 2022
HomeMondoGiordania, i 10 anni del campo profughi di Za’atari

Giordania, i 10 anni del campo profughi di Za’atari

“Con l’aumento dei prezzi dei generi alimentari in tutto il mondo, molte famiglie di rifugiati stanno lottando quotidianamente per soddisfare i loro bisogni primari ”, ha affermato Dominik Bartsch, Rappresentante dell’Unhcr ad Amman. “Naturalmente viene fornita assistenza alimentare, ma nel complesso i redditi delle famiglie stanno diminuendo rapidamente e stiamo assistendo a un aumento del livello di povertà nel campo”.

Secondo l’Unhcr, due famiglie di rifugiati su tre a Za’atari affermano di essere indebitate e il 92% ha riferito di aver fatto ricorso a strategie di coping negative, come ridurre l’assunzione di cibo o accettare lavori ad alto rischio. Questi numeri sono aumentati a un ritmo preoccupante.

E dopo che i colloqui costituzionali guidati dalle Nazioni Unite tra le parti in guerra siriane sono stati rinviati, gli operatori umanitari rimangono particolarmente preoccupati per i bambini siriani ospitati a Za’atari, per i quali il campo “è diventato il loro mondo”, ha affermato Bartsch.

“Le prospettive di rendimento per il momento non sembrano promettenti. Non stiamo vedendo un ambiente in Siria favorevole ai rimpatri , ma è comunque rassicurante che i rifugiati, quando gli viene chiesto se prenderebbero in considerazione di tornare a casa, rispondano in modo schiacciante positivamente”.

Più di 20 mila nascite sono state registrate nel campo di Za’atari dalla sua apertura, ha osservato Bartsch, prima di indicare le “limitate opportunità per i molti bambini che sono nati nel campo e non hanno visto altri dintorni oltre al campo stesso”.

Attribuendo al campo il merito di “aver salvato migliaia di vite e fornito lavoro e opportunità “sia ai giordani che ai siriani”, il funzionario dell’agenzia per i rifugiati delle Nazioni Unite ha avvertito che la situazione non era sostenibile, con i suoi rifugi temporanei danneggiati dalle intemperie che mostrano sempre più i loro limiti.

“Le roulotte, che hanno sostituito le tende nel 2013, hanno una normale durata di vita da sei a otto anni, il che significa che la maggior parte ha adesso bisogno di riparazioni urgenti. Solo nel 2021, oltre 7 mila rifugiati hanno chiesto assistenza per la manutenzione a causa di tetti, finestre incrinate e muri deformati, lasciando alcuni residenti esposti alle intemperie”, ha spiegato.

L’elettricità è un’altra fonte di preoccupazione. Sebbene nel 2017 sia stato aperto un impianto solare per alimentare il campo, la sua capacità è stata in grado di soddisfare le esigenze di tutti i residenti soltanto per 11,5 ore al giorno.

by United Nations

Negli ultimi mesi, con l’aumento della domanda di elettricità per l’estate, l’Unhcr ha dovuto ridurla a nove ore al giorno per poter far fronte ai costi aggiuntivi dell’elettricità sostenuti, poiché l’impianto solare non soddisfa tutte le esigenze del campo.

La Giordania ospita 675 mila rifugiati registrati dalla Siria, che hanno iniziato a fuggire nel 2011, quando è scoppiata la guerra civile, causando terribili sofferenze, morte e distruzione economica. La maggior parte dei rifugiati siriani in Giordania vive nelle sue città e villaggi tra le comunità locali. Solo il 17% vive nei due principali campi profughi, Za’atari e Azraq.

“È una testimonianza, una testimonianza della generosità del governo giordano, che all’epoca 10 anni fa, 11 anni fa, consentiva ai rifugiati siriani l’accesso al suo territorio e poi allestiva strutture davvero straordinarie per gli standard globali”, ha detto il signor Bartsch di Za’atari, parlando tramite collegamento video da Amman ai giornalisti a Ginevra.

Il sostegno umanitario ai rifugiati nel campo è guidato dal governo giordano e dall’Unhcr, che ha quasi 1.200 dipendenti provenienti da 32 diverse organizzazioni internazionali e giordane che lavorano lì.

“Questa assistenza umanitaria non sarebbe stata possibile senza il sostegno della comunità internazionale”, ha affermato Bartsch, che ha anche sottolineato la determinazione e la resilienza dei residenti del campo che hanno visto quasi 1.800 negozi e attività partire dal nulla.

“Dai negozi di telefoni cellulari ai ristoranti, dai negozi di articoli da sposa ai meccanici, queste attività danno lavoro a circa 3.600 rifugiati”, ha continuato il funzionario dell’Unhcr. “Ma non operano in isolamento.

Gli imprenditori rifugiati interagiscono regolarmente con aziende e clienti nella vicina città di Mafraq e contribuiscono all’economia giordana e alla società ospitante”.

Za’atari ha 32 scuole, 58 centri comunitari e otto strutture sanitarie che operano insieme alla protezione civile e alla polizia di prossimità.

Oltre a co-gestire il campo con le autorità, l’Unhcr e i suoi partner forniscono protezione, sanità e assistenza in denaro alle donne, agli uomini e ai bambini nel campo.

“A lungo termine, la nostra proiezione è che un approccio continuo di inclusione graduale dei rifugiati nell’assistenza nazionale sia il percorso da seguire”, ha affermato Bartsch, elogiando la Giordania per aver consentito “fin dall’inizio” l’accesso dei rifugiati all’istruzione, alla salute e il mercato del lavoro.

by veritatem
RELATED ARTICLES

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

ARTICOLI CORRELATI