domenica, Settembre 24, 2023
HomeMondoHaiti tra guerre per bande ed emergenza umanitaria

Haiti tra guerre per bande ed emergenza umanitaria

Haiti sta attraversando una profonda crisi in questo momento, di varie nature. Più di 165.000 persone sono sfollate, dopo aver abbandonato le proprie abitazioni, a causa della violenza delle bande, ostacolando gli sforzi di assistenza dell’Organizzazione Internazionale per le migrazioni (Oim). Il Paese sta inoltre affrontando ulteriori difficoltà, a causa delle gravi inondazioni causate da piogge torrenziali, che hanno colpito più di 46.000 persone e ne hanno sfollate altre 13.000, e del terremoto di magnitudo 4,9 della scala Richter del 6 giugno, un contesto che ha ulteriormente aggravato la situazione umanitaria.

Venerdì le autorità sanitarie haitiane hanno confermato che una recrudescenza del colera ha provocato la morte di diverse centinaia di persone nel paese caraibico dilaniato dalla crisi, dall’inizio dell’anno. Di conseguenza, le autorità sanitarie hanno dovuto raddoppiare i loro sforzi per far fronte all’epidemia che ha già causato migliaia di vittime dal suo primo focolaio nel 2010.

Secondo i dati diffusi dalle autorità sanitarie, l’epidemia di colera che ha colpito per la prima volta Haiti nell’ottobre 2010, ha ucciso 10.174 persone e dall’ottobre dello scorso anno sono morte 726 persone, di cui 26 dal 1° al 5 giugno.

Le cifre mostrano che 24 persone sono morte lo scorso fine settimana a causa del colera. Ci sono stati anche 45.248 casi sospetti di colera, 3007 casi confermati, 41.557 casi di ricovero, durante il periodo dal 1° ottobre dello scorso anno al 5 giugno 2023.

L’età media delle vittime del colera ricoverate è di 17 anni.

Sul fronte sociale interno pesa poi la questione delle bande che imperversano per il Paese. Due giorni fa Il vicepresidente degli Stati Uniti Kamala Harris ha annunciato che il suo paese sta investendo più di 100 milioni di dollari nella regione caraibica per reprimere il traffico di armi, aiutare ad alleviare la crisi umanitaria di Haiti e sostenere le iniziative sul cambiamento climatico.

La polizia nazionale di Haiti, un’agenzia gravemente sottofinanziata e con personale insufficiente che lotta per reprimere un’ondata di violenza tra bande , riceverà anche aiuto per indagare e perseguire i crimini con legami con gli Stati Uniti che coinvolgono bande, contrabbando di armi e tratta di esseri umani.

La crisi che esiste ora ad Haiti affonda le sue radici nel colpo di stato del 2004 che gli Stati Uniti hanno orchestrato e che ha rovesciato il governo democraticamente eletto di Jean Bertrand Aristide e la sua amministrazione Lavalas. Lavalas è una parola Kreyol per inondazione improvvisa: l’inondazione della gente dove inizia come un rivolo giù per le montagne, acquista forza man mano che le persone si uniscono e alla fine è inarrestabile.

Il movimento Lavalas è il movimento che ha portato il presidente Aristide al potere sia in un’elezione nel 1990 che lo ha portato a diventare presidente nel 1991 – con gli Stati Uniti che lo hanno rovesciato nel settembre 1991 – sia poi quando è stato eletto di nuovo nel 2000. La sua amministrazione è stata rovesciata di nuovo nel 2004 quindi questi furono due colpi di stato contro i governi più progressisti della storia haitiana.

Il risultato di ciò è stata la vera decimazione della società haitiana dove a questo punto le condizioni sono peggiori di quanto non siano mai state per gli haitiani. L’insicurezza è stata orribile. C’è stata un’ondata di sequestri che ha colpito tutti i settori della popolazione; c’è una nuova epidemia di colera che va avanti ormai da mesi. L’insicurezza alimentare colpisce oltre 5 milioni di persone in un paese di 12 milioni.

Il pericolo di considerare la violenza ad Haiti come una guerra intestina tra bande e semplicemente semplificarla è che poi la soluzione diventa più soldi per la polizia, più armamenti pesanti per la polizia e anche più intervento straniero. Truppe sul terreno ad Haiti, che è ciò che chiedono le Nazioni Unite, ciò di cui Canada e Stati Uniti hanno discusso negli ultimi mesi.

by United Nations Photo
RELATED ARTICLES

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

ARTICOLI CORRELATI