venerdì, Aprile 19, 2024
HomeMondoI predatori del Congo e la corruzione. Il presidente della RdC chiede...

I predatori del Congo e la corruzione. Il presidente della RdC chiede la revoca delle sanzioni per Dan Gertler

Il cobalto è tra i minerali più richiesti dalle grandi industrie elettroniche. Tutti i principali marchi di telefonia e apparecchiature elettroniche utilizzano questo minerale per la fabbricazione di cellulari, tablet, computer portatili e altri materiali elettronici.

Più della metà della fornitura mondiale di cobalto proviene dalla Repubblica democratica del Congo (RdC). Secondo le stime del governo, il 20% del cobalto attualmente esportato dalla RdC proviene da minatori artigianali nella parte meridionale del paese.

Ci sono circa tra i 110.000 e 150.000 minatori artigianali in questa regione, che lavorano a fianco di operazioni industriali molto più grandi.

Questi minatori artigianali, indicati come creuseurs nella RdC, estraggono a mano usando gli strumenti più basilari per scavare rocce in profonde gallerie sotterranee.

Secondo le stime dell’Unicef sono circa 40 mila i ragazzi e le ragazze minorenni impegnati nelle miniere del sud della Repubblica democratica del Congo. Molti di loro lavorano nelle miniere di cobalto.

Questi bambini lavorano in condizioni estreme, alcuni di loro più di dodici ore al giorno, senza alcuna protezione e percependo salari da fame. Si ammalano prima e più dei loro coetanei. Rischiano ogni giorno incidenti sul lavoro a causa di carichi troppo pesanti fino alla morte a causa dei frequenti crolli nelle grotte artigianali. Spesso sono picchiati e maltrattati dalle guardie della sicurezza se oltrepassano i confini della miniera. .

I minatori artigiani lavorano in miniere scavate a mano che possono estendersi per decine di metri sottoterra, spesso senza alcun supporto di sicurezza per sostenerle e con una ventilazione scarsissima.

Non ci sono dati ufficiali disponibili sul numero di vittime che si verificano, ma i minatori hanno detto che gli incidenti sono comuni, poiché i tunnel crollano frequentemente.

Una storia su come funziona questo tragico commercio ce la racconta il New York Times di oggi.

Cinque anni fa, gli Stati Uniti accusarono un ricco commerciante di diamanti israeliano di corruzione per un valore di oltre 1 miliardo di dollari in affari minerari e petroliferi nella Repubblica Democratica del Congo.

Ora, quell’uomo d’affari, Dan Gertler, ha trovato un alleato inaspettato nella sua ricerca per far rimuovere il suo nome dalle lista delle sanzioni statunitensi: il presidente Felix Tshisekedi della Repubblica Democratica del Congo.

Gli sforzi di lobbying di Tshisekedi sono arrivati ​​dopo che Gertler ha accettato di restituire al Congo circa 2 miliardi di dollari di diritti minerari e di trivellazione petrolifera garantiti per gli ultimi due decenni. In cambio, il governo congolese ha accettato di pagare alle sue società 260 milioni di dollari e di aiutarlo a fare pressioni a Washington per far revocare le sanzioni.

La Repubblica Democratica del Congo è una delle nazioni più ricche del mondo con una straordinaria ricchezza mineraria. Eppure è anche uno dei più poveri, con almeno il 60 per cento della popolazione che vive in condizioni di estrema povertà.

Gli attivisti per i diritti umani stanno cercando negli Usa di fermare questa “riabilitazione” dello sfruttatore più famoso del Congo, che guadagna 200 mila dollari al giorno soltanto di royalties.

“Avete ottenuto i cambiamenti desiderati”, ha scritto Gertler in una lettera ai gruppi per i diritti umani nello scorso febbraio. “Opporsi a questo accordo significa dire che continuare a soffrire è più importante che migliorare la vita del popolo congolese”.

I gruppi internazionali per i diritti umani come l’Associazione congolese per l’accesso alla giustizia hanno risposto energicamente a Gertler e al governo degli Stati Uniti, sostenendo che stava ancora approfittando ingiustamente di accordi basati sulla corruzione in Congo anche dopo aver promesso di restituire i beni di proprietà delle sue società.

Togliere le sanzioni a Gertler e ad altri personaggi coinvolti nello scandalo dello sfruttamento senza limiti del territorio congolese significherebbe legittimare la depredazione del Congo e le condizioni inaccettabili in cui vivono rischiando ogni giorno la morte i lavoratori che estraggono il cobalto e non solo.

Cobalto by Fairphone

RELATED ARTICLES

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

ARTICOLI CORRELATI