mercoledì, Luglio 17, 2024
HomeMondoI ricchi scappano dalle forti tasse in Norvegia e si rifugiano in...

I ricchi scappano dalle forti tasse in Norvegia e si rifugiano in Svizzera

Un notevole aumento delle tasse sulla ricchezza e sui dividendi imposto dal governo norvegese di sinistra ha spinto un numero significativo di ricchi imprenditori a trasferirsi in Svizzera.

In risposta a questo esodo, DNB Bank ASA, il principale istituto di credito della Norvegia, ha deciso di aprire un ufficio di rappresentanza a Zurigo, dotato di due dipendenti di lingua norvegese specializzati in servizi di private banking.

Anche Arctic Securities AS e ABG Sundal Collier stanno espandendo la loro presenza nella Confederazione Elvetica, con aperture di filiali a Zurigo e Lucerna rispettivamente, per servire i clienti nel settore della finanza aziendale e del debito ad alto rendimento.

Hallgeir Hollup, amministratore delegato della filiale lussemburghese della DNB, ha spiegato che la strategia della banca è di seguire i propri clienti. Con l’approvazione della FINMA, l’autorità di vigilanza finanziaria svizzera, DNB mira a migliorare i rapporti con i clienti stabilendo una presenza fisica in Svizzera, un passo considerato cruciale per mantenere e rafforzare le relazioni con una clientela sempre più orientata a trasferirsi.

Questa migrazione potrebbe diventare una tendenza permanente, rafforzando ulteriormente lo status della Svizzera come paradiso fiscale. Le banche norvegesi che seguono i loro clienti in Svizzera dovranno competere con colossi del settore finanziario come UBS Group AG e Julius Baer Group Ltd.

Secondo i dati del Ministero delle Finanze norvegese, 82 cittadini ricchi, con una ricchezza complessiva di circa 46 miliardi di corone (4,3 miliardi di dollari), hanno lasciato la Norvegia tra il 2022 e il 2023, con 34 trasferimenti avvenuti solo nell’ultimo anno. La maggior parte di questi emigranti si è stabilita in Svizzera, come riportato dal quotidiano economico Dagens Naeringsliv.

Grazie a un trattato di doppia imposizione tra Norvegia e Svizzera, gli “esuli” norvegesi possono versare una somma forfettaria alle autorità svizzere per sfuggire alla tassazione del loro paese d’origine. La tassazione in Svizzera varia da cantone a cantone, ma in generale risulta significativamente inferiore rispetto a quella della Norvegia e di molte altre nazioni europee.

Arctic Securities, che ha beneficiato della crescente domanda di obbligazioni societarie nordiche ad alto rendimento, intende avvicinarsi ai clienti nella regione. Kjetil Bakken, responsabile della strategia del gruppo, ha dichiarato che operare accanto agli investitori norvegesi in Svizzera è un “passo naturale” per sviluppare relazioni più strette.

Bakken prevede di aprire lui stesso l’ufficio questo mese, con la possibilità di espandersi nei prossimi anni. “Probabilmente potremmo coprire molti norvegesi inviando persone laggiù su base settimanale”, ha detto Bakken. “Ma quello che abbiamo fatto con grande successo – le emissioni high yield nordiche sia per le aziende tedesche che per altre – lì dovremo essere più vicini a loro. Per noi l’attività principale è lì”.

Presso l’ufficio di ABG Sundal Collier a Lucerna, il senior partner Peter Straume copre clienti principalmente nei settori della tecnologia, dei media e delle telecomunicazioni, ha dichiarato un portavoce dell’azienda. La banca offre finanza aziendale e consulenza, nonché intermediazione, finanza di progetto e private banking.

Il trasferimento delle operazioni bancarie ha suscitato reazioni politiche in Norvegia. Kari Elisabeth Kaski, parlamentare della sinistra socialista, ha criticato DNB per aiutare i ricchi a evitare le tasse.

Secondo il think tank Civita, il governo del primo ministro Jonas Gahr Store ha aumentato il carico fiscale sul patrimonio del 55%, portando le entrate fiscali a 65 miliardi di corone nel 2022, contro i 38 miliardi del 2021. Un comitato consultivo fiscale ha suggerito di ridurre l’aliquota dell’imposta sul patrimonio per mitigarne gli effetti dannosi.

Hallgeir Hollup ha affermato che i clienti norvegesi stabiliti in Svizzera sono poco inclini a tornare in Norvegia, anche se le politiche fiscali cambiassero. “Stanno già facendo affari in Svizzera perché sono persone innovative e impazienti”, ha detto Hollup, sottolineando il rischio di una perdita di capitale intellettuale per la Norvegia.

“Hanno già cominciato a valutare gli investimenti, ad esempio se si tratta di immobili commerciali o abitativi da acquistare, e hanno cominciato a fondare società svizzere. Quindi, il problema è duplice: la perdita di entrate fiscali per la Norvegia e il rischio che gran parte del capitale intellettuale abbia lasciato il paese”.

La situazione evidenzia le sfide che la Norvegia deve affrontare nel mantenere la sua base fiscale mentre cerca di attuare politiche redistributive. Con sempre più ricchi che scelgono di trasferirsi in paesi con una fiscalità più favorevole, il governo norvegese dovrà bilanciare l’esigenza di entrate fiscali con la competitività fiscale internazionale.

RELATED ARTICLES

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

ARTICOLI CORRELATI