venerdì, Aprile 19, 2024
HomeCulturaI salari da fame dei lavoratori della Banca Mondiale che dovrebbe aiutare...

I salari da fame dei lavoratori della Banca Mondiale che dovrebbe aiutare i poveri

Andre Blount ha lavorato come dipendente di Compass Group North America, presso la sede della Banca Mondiale per quasi 10 anni. A raccontarci la sua storia è The Meadville Tribune, quotidiano dell’omonima città della Pennsylvania.

Potrebbe essere una ordinaria storia di bassa paga, come tante purtroppo, se non fosse per il fatto che Blount e i suoi colleghi lavorano per l’ente che sopra ogni altro si occupa della povertà nel mondo.

La sua paga è vicina al salario minimo, una situazione che ha spinto Blount e i suoi colleghi a cercare di attirare l’attenzione su questa questione.

Circa un quarto dei lavoratori del settore alimentare della Banca mondiale impiegati come lavoratori a contratto attraverso Compass Group North America riceve sussidi pubblici, come SNAP o buoni pasto, solo per sbarcare il lunario.

Questa settimana, mentre i leader di tutto il mondo sono a Washington per l’incontro primaverile dell’organizzazione per la lotta alla povertà, i leader sindacali affermano che i lavoratori che mettono il cibo in tavola per un’organizzazione la cui missione è combattere la povertà stanno lottando essi stessi per tirare avanti.

Blount e i membri del sindacato, che si sono uniti a lui in un picchetto fuori dalla banca, chiedono salari più alti e migliori prestazioni sanitarie.

Alcuni dei lavoratori del servizio di ristorazione provengono da paesi in cui la Banca Mondiale invia missioni. Blount, come altri dipendenti, vorrebbe essere pagato di più per nutrire alcune delle persone più importanti del mondo in una varietà di ruoli di servizio e ristorazione.

Il portavoce della Banca Mondiale ha affermato che la banca non partecipa ai colloqui tra il sindacato e Compass Group, ma che il personale della banca nutre “profonda ammirazione e rispetto” per i colleghi del servizio di ristorazione.

Il salario minimo a Washington aumenterà a 17 dollari l’ora per tutti i lavoratori a partire dal 1° luglio, ma gli attivisti ritengono che sia necessario un salario più alto.

La Banca Mondiale ha come missione quella di promuovere la prosperità condivisa aumentando i redditi del 40% più povero delle persone in ogni paese, ma i sindacati ritengono che sia necessario iniziare a compensare i lavoratori del servizio di ristorazione negli Stati Uniti.

by Ben Schumin

RELATED ARTICLES

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

ARTICOLI CORRELATI