domenica, Giugno 16, 2024
HomeItaliaIl ceto medio italiano sempre più impaurito di cadere in povertà

Il ceto medio italiano sempre più impaurito di cadere in povertà

Per decenni, in Italia, l’appartenenza al ceto medio era sinonimo di aspirazioni economiche e sociali elevate, con una forte enfasi sull’investimento nel lavoro, nella carriera e nell’istruzione, basandosi sulla convinzione che una società in crescita avrebbe ricompensato il talento e l’impegno.

Tuttavia, il panorama attuale è molto diverso e sorge spontanea la domanda su cosa resti oggi del ceto medio e del suo senso di appartenenza. La CIDA, Confederazione dei dirigenti e delle alte professionalità del pubblico e del privato, ha incaricato il Censis di condurre una ricerca per analizzare l’importanza del ceto medio nell’attuale contesto economico e sociale.

Stefano Cuzzilla, presidente della CIDA, ha dichiarato: «Da tempo osserviamo una lenta ma costante erosione del ceto medio italiano, un fenomeno che oggi si sta accelerando, mettendo a rischio il principale motore dell’economia del Paese.

Sebbene il 60,5% degli italiani si identifichi ancora come ceto medio, oltre la metà (54,2%) avverte una regressione sociale, e il 75% ritiene sempre più arduo migliorare la propria posizione. La mancanza di fiducia nel futuro è allarmante: se le aspettative calano e si perde la convinzione di poter progredire, le ripercussioni per l’intera nazione saranno gravi».

Il rapporto del Censis introduce il concetto di “fragilizzazione” del ceto medio italiano, attribuendo questa condizione sia a processi globali che hanno rallentato la crescita economica e aumentato le disuguaglianze, sia a politiche nazionali ed europee in ambito fiscale e di welfare, che hanno colpito duramente le famiglie del ceto medio.

I dati mostrano che il ceto medio rappresenta la maggioranza della popolazione italiana: il 60,5% degli italiani si identifica in questa categoria, il 33,8% si considera parte del ceto popolare e il 5,7% appartiene al ceto benestante.

La percezione di appartenenza al ceto medio varia in base al reddito: l’11,3% di chi ha un reddito annuo fino a 15.000 euro, il 46,4% di chi guadagna tra 15.000 e 34.000 euro, il 26,7% tra 35.000 e 50.000 euro, e il 15,6% sopra i 50.000 euro. Regionalmente, il senso di appartenenza al ceto medio è più pronunciato nel Centro Italia (66,3%) e nel Nord-Ovest (62,3%), mentre è meno sentito nel Sud e nelle Isole (55,5%). Tra gli anziani, il 65,4% si considera parte del ceto medio, rispetto al 57,7% dei giovani e al 58,9% degli adulti.

Dal 2001 al 2021, il reddito pro-capite delle famiglie italiane è sceso del 7,7%, mentre la media europea è aumentata di quasi 10 punti percentuali, con le famiglie tedesche in crescita del 7,3% e quelle francesi del 9,9%.

Questo declino spiega perché il presente e il futuro siano segnati dalla paura del declassamento sociale: il 54,2% degli italiani percepisce una retrocessione, inclusi il 48,4% del ceto medio, il 66,7% del ceto popolare e il 42,2% dei benestanti. Anche il 45,7% dei dirigenti, il 54,5% degli imprenditori e commercianti, il 50% degli impiegati e insegnanti, e il 59,1% degli operai avvertono un peggioramento.

Il 59,7% degli italiani nota un calo del proprio tenore di vita, un sentimento condiviso dal 53,4% del ceto medio, dal 74,4% del ceto popolare e dal 40% dei benestanti. Il 76% degli italiani crede che sia sempre più difficile migliorare la propria posizione sociale, un’opinione condivisa dal 74,7% del ceto medio, dal 79,5% del ceto popolare e dal 68,3% del ceto benestante.

C’è un diffuso pessimismo riguardo al benessere: il 66,6% degli italiani ritiene che le generazioni passate vivessero meglio, opinione condivisa dal 65,7% del ceto medio, dal 70,1% del ceto popolare e dal 56,7% dei benestanti. Inoltre, il 76,1% degli italiani pensa che le future generazioni avranno una qualità della vita peggiore rispetto a quella attuale, una convinzione condivisa dal 75,1% del ceto medio, dal 77,1% del ceto popolare e dal 78% dei benestanti.

Infine, il 57,9% degli italiani ritiene che l’impegno e il talento non siano adeguatamente ricompensati, una sensazione avvertita dal 54,9% del ceto medio, dal 65,7% del ceto popolare e dal 42,5% dei benestanti. Anche il 61,8% dei giovani, il 58,1% degli adulti e il 54,7% degli anziani condividono questa opinione.

Tuttavia, l’81% degli italiani crede che chi lavora di più debba guadagnare di più, un’idea condivisa trasversalmente tra i diversi ceti sociali. Inoltre, il 73,7% pensa che sia giusto che una persona con talento e capacità possa arricchirsi, opinione condivisa dal 75% del ceto medio, dal 69,9% del ceto popolare e dall’84% dei benestanti.

Questo chiarisce perché il presente e il futuro siano dominati dalla paura di una retrocessione sociale, spingendo le persone a proteggere la loro attuale posizione piuttosto che aspirare a miglioramenti. La percezione di un declino costante del benessere è profondamente radicata nella società italiana e largamente condivisa dalla maggioranza di coloro che si identificano come parte del ceto medio.

Famiglia italiana anni ’20. Archivio privato della famiglia Riggio. Creative Commons Attribution-Share Alike 3.0 Unported, 2.5 Generic, 2.0 Generic and 1.0 Generic license
RELATED ARTICLES

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

ARTICOLI CORRELATI