venerdì, Febbraio 3, 2023
HomeMondoIl Mozambico tra violenza jihadista e ambizioni di sfruttamento del gas

Il Mozambico tra violenza jihadista e ambizioni di sfruttamento del gas

In fuga da decapitazioni, sparatorie, stupri e rapimenti, quasi 1 milione di persone sono sfollate a causa dell’insurrezione estremista islamica nel nord del Mozambico. L’ondata di violenza jihadista durata 5 anni nella provincia di Cabo Delgado ha ucciso più di 4.000 persone e fatto fallire investimenti internazionali per miliardi di dollari.

In una distesa di tende fatiscenti e capanne con il tetto di paglia intorno a Nanjua, una piccola città nella parte meridionale della provincia di Cabo Delgado, diverse centinaia di famiglie cercano riparo dalla violenza. Dicono che le loro condizioni sono desolate e l’assistenza alimentare è scarsa, ma hanno paura di tornare a casa a causa delle continue violenze da parte dei ribelli che ora si chiamano Provincia dello Stato Islamico del Mozambico.

Più di 1.000 miglia a sud, tuttavia, i funzionari del governo nella capitale Maputo affermano che l’insurrezione è sotto controllo e incoraggiano gli sfollati a tornare alle loro case e le compagnie energetiche a riprendere i loro progetti.

“I terroristi sono in fuga permanentemente”, ha assicurato il presidente del Mozambico Filipe Nyusi agli investitori al vertice sull’energia e il gas del Mozambico a Maputo a settembre. Ha esortato la riunione dei dirigenti energetici internazionali a riprendere il lavoro sui loro progetti di gas naturale liquefatto in stallo.

Solo poche settimane fa Il Mozambico ha ufficialmente iniziato ad esportare Gnl, gas naturale liquefatto. Il primo carico di gas è stato prodotto presso l’impianto offshore di Coral Sul, gestito dal gruppo italiano Eni. Le compagnie energetiche affermano di voler vedere gli sfollati tornare nell’area. I progetti di gas naturale liquefatto da 60 miliardi di dollari guidati dalle francesi TotalEnergies e ExxonMobil sono stati sospesi lo scorso anno dopo che gli insorti hanno catturato brevemente l’adiacente città di Palma a marzo.

Intervenendo al vertice di Maputo, Stéphane Le Galles, responsabile del progetto del gas Mozambico di TotalEnergies, ha affermato che “la direzione è molto buona” ma l’azienda vuole ancora vedere “una situazione economica sostenibile, non solo a Palma ma… in tutta Cabo Delgado.»

Nonostante la massiccia presenza di soldati mozambicani e ruandesi, gli attacchi degli estremisti continuano. All’inizio di questo mese i ribelli hanno diffuso la loro violenza per la prima volta nella vicina provincia di Nampula, dove una missione cattolica era tra gli obiettivi e un’anziana suora italiana era tra le vittime.

L’Alto Commissariato delle Nazioni Unite per i Rifugiati ha affermato di “considerare le condizioni di sicurezza troppo instabili a Cabo Delgado per facilitare o promuovere i rimpatri nella provincia”, in una dichiarazione rilasciata all’inizio di questo mese.

“Le persone che hanno perso tutto stanno tornando in aree in cui i servizi e l’assistenza umanitaria sono in gran parte non disponibili”, ha affermato l’UNHCR.

Coloro che tornano incontrano una situazione mista. La vita economica comincia a riprendersi ma mancano ancora infrastrutture di base e servizi pubblici. Poche scuole sono aperte e i servizi sanitari sono scarsi. Le famiglie sopravvivono con una dieta povera di farina di mais e riso semplice. Impossibilitati a trovare lavoro, non hanno soldi per vestiti o altri beni essenziali.

RELATED ARTICLES

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

ARTICOLI CORRELATI