domenica, Maggio 19, 2024
HomeCulturaIl Parlamento europeo approva il pacchetto migrazione. Amnesty: "Vergognoso accordo"

Il Parlamento europeo approva il pacchetto migrazione. Amnesty: “Vergognoso accordo”

Il pacchetto migrazione, il contestato piano dell’Unione Europea per la gestione dell’immigrazione, ha ottenuto il via libera dal Parlamento europeo al termine di una sessione parlamentare particolarmente accesa. Ora la decisione passa al Consiglio per il voto finale.

Popolari, socialisti e liberali hanno sostenuto il compromesso raggiunto, garantendo la maggioranza necessaria all’approvazione. Tuttavia, la riforma ha incontrato la forte opposizione di alcuni gruppi politici e di attivisti per i diritti umani, che hanno inscenato proteste rumorose durante la sessione parlamentare.

Le critiche si concentrano su diversi aspetti del pacchetto, tra cui: Mancanza di una vera riforma del sistema di Dublino: il sistema, che determina lo Stato membro responsabile dell’esame di una domanda di asilo, è considerato iniquo da molti e non è stato sostanzialmente modificato.

Il Patto prevede la redistribuzione dei richiedenti asilo tra gli Stati membri, ma i meccanismi proposti sono considerati da alcuni troppo flessibili e inefficaci. La riforma, inoltre, non offre sufficienti garanzie per la tutela dei diritti umani e la dignità dei migranti, con il rischio di creare situazioni di accoglienza inadeguate.

Le proteste degli attivisti della solidarietà durante la sessione parlamentare sono un segno evidente della profonda dissonanza che esiste sull’approccio europeo alla migrazione. La sfida per l’Europa è quella di trovare un equilibrio tra la sicurezza dei cittadini e la tutela dei diritti umani di chi cerca un futuro migliore.

“Un vergognoso accordo che produrrà ancora più grandi sofferenze umane”. È la dura condanna di Amnesty International. “L’Europa ha perso un’occasione fondamentale per costruire un sistema di migrazione e asilo basato sui diritti umani”, ha dichiarato Eve Geddie, direttrice dell’Ufficio Istituzioni europee di Amnesty International.

“Le riforme approvate non faranno altro che aumentare le sofferenze di chi fugge da conflitti, persecuzioni o insicurezza economica”. Amnesty International denuncia in particolare il rischio di respingimenti illegali e violenti, detenzioni arbitrarie e controlli discriminatori.

L’organizzazione ritiene che l’Europa abbia voltato le spalle ai principi di solidarietà e umanità. Anche l’Alto Commissariato delle Nazioni Unite per i Rifugiati (UNHCR) ha espresso “preoccupazione per l’impatto negativo che le nuove norme potrebbero avere sui diritti dei rifugiati”.

La sfida per l’Europa è ora quella di trovare soluzioni concrete per la gestione dei flussi migratori, soluzioni che siano basate sul rispetto dei diritti umani e della dignità di ogni persona.

Ieri intanto il Mediterraneo si è tinto di rosso per l’ennesima volta. Tre bambine di 5, 7 e 10 anni sono annegate nel naufragio di un’imbarcazione di migranti al largo dell’isola di Chios. 19 persone sono state tratte in salvo, tra cui otto minori e la madre delle bambine che hanno perso la vita.

“Lampedusa, barconi dei migranti” by psicologiaclinica is licensed under CC BY 2.0.
RELATED ARTICLES

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

ARTICOLI CORRELATI