venerdì, Febbraio 3, 2023
HomeMondoIl tasso di povertà dell'Argentina è al 43,1%. Oltre 17 milioni di...

Il tasso di povertà dell’Argentina è al 43,1%. Oltre 17 milioni di persone sotto la soglia minima di sopravvivenza

Circa 17 milioni di persone in Argentina sono povere, secondo gli ultimi dati dell’Observatorio de la Deuda Social dell’Universidad Católica Argentina, Uca.

Nel suo rapporto annuale, l’organismo dell’Uca ha concluso che il 43,1% della popolazione vive al di sotto della soglia di povertà. La povertà estrema, secondo l’osservatorio, colpisce l’8,1 per cento o circa 8,5 milioni di persone.

Lo studio dell’osservatorio dell’Uca ha sottolineato che la povertà è cresciuta di 10 punti percentuali secondo i suoi dati nell’ultimo decennio.

Ha osservato che la povertà sta ora colpendo i lavoratori della classe media e inferiore sostanzialmente a causa della loro vulnerabilità a “crisi, mancanza di lavoro e inflazione”, mentre i più poveri della nazione facevano affidamento su “un’economia di sussistenza informale, che non li tira fuori della povertà, ma almeno la allevia”.

La cosa più sorprendente è che il rapporto dell’Uca avverte che senza i pacchetti di sostegno sociale esistenti, la povertà aumenterebbe fino a colpire il 50 per cento della popolazione, con la povertà estrema che sale al 20 per cento. Secondo lo studio, circa il 40% delle famiglie riceve una qualche forma di assistenza statale.

Secondo il rapporto, il tasso di povertà in Argentina è in aumento, con “settori della classe medio-bassa che formano un nuovo strato di nuovi poveri”.

“Né le politiche di liberalizzazione economica né le politiche di assistenza sociale sono da sole sufficienti a promuovere un equilibrato modello di sviluppo della sfera produttiva e sociale, capace di includere in un unico progetto politico-economico gli attori produttivi, i settori del lavoro e lo Stato, integrando le società sociale e ad alta intensità di lavoro degli esclusi nel modello sociale”, afferma il rapporto dell’Uca.

Secondo i suoi autori, tenendo conto dei dati sull’accesso alla salute, all’istruzione, al cibo, all’alloggio, ai servizi pubblici, al lavoro e all’habitat sano, “tra il 2010 e il 2022, il 70 per cento della popolazione è stata interessata da almeno uno di questi diritti fondamentali. “

“In termini di popolazione, quest’ultima cifra implica che almeno 13 milioni di argentini soffrono di una grave esclusione nell’accesso a beni e servizi di inclusione sociale”, afferma il rapporto.

Se l’inflazione scendesse a una cifra, la povertà diminuirebbe di 10-15 punti percentuali, ha affermato l’Uca. “Non è l’aumento dei prezzi, ma la mancata creazione di nuovi posti di lavoro, il deterioramento di quelli esistenti e il calo dei salari, che genera squilibri”, si legge nel rapporto.

In termini di dati sull’occupazione, specificano che “solo il 40 per cento della popolazione economicamente attiva ha un lavoro dignitoso o dignitoso, sia attraverso un’occupazione salariata che non salariata”. Questa “forte segmentazione del lavoro è strettamente legata alla povertà cronica e al suo aumento in più di un decennio”, afferma lo studio.

“Una particolarità dell’attuale ciclo economico (pandemia post-Covid-19) è che c’è una crescita significativa dell’occupazione, ma nessuna ripresa del reddito da lavoro”, ha concluso.

by Hamner_Fotos

RELATED ARTICLES

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

ARTICOLI CORRELATI