lunedì, Aprile 15, 2024
HomeNotizieIn Brasile il cambiamento climatico entro il 2030 provocherà tre milioni di...

In Brasile il cambiamento climatico entro il 2030 provocherà tre milioni di poveri estremi

Secondo un’analisi della Banca Mondiale pubblicata martedì scorso, il cambiamento climatico potrebbe far precipitare 3 milioni di brasiliani nella povertà estrema entro il 2030. Secondo la Banca Mondiale, i cambiamenti climatici potrebbero far aumentare la povertà in Brasile dal 21% al 25% entro il 2030, portando 3 milioni di persone nella povertà estrema.

Il rapporto ha rilevato che il Brasile è uno dei paesi più colpiti dagli effetti del cambiamento climatico, tra cui siccità, inondazioni e incendi boschivi, che hanno un impatto significativo sulla produzione agricola del paese e sulle comunità rurali.

Eppure, sul fronte delle energie rinnovabili, Il Brasile può vantare che quasi metà del suo approvvigionamento energetico è già affidato a fonti rinnovabili. Addirittura l’80% dell’elettricità, rispetto alle medie mondiali comprese tra il 15% e il 27%.

Secondo la Banca Mondiale, per sfruttare appieno il suo potenziale a basse emissioni di carbonio, il Brasile avrebbe bisogno di investimenti netti pari allo 0,5% del suo Pil annuo ogni anno da qui al 2050. Occorre quindi una rapida azione per mitigare gli effetti del cambiamento climatico.

I settori in cui investire riguardano le infrastrutture climatiche, come la gestione delle acque e la riduzione del rischio di disastri, per proteggere le comunità vulnerabili e prevenire il peggioramento della povertà.

Secondo uno studio della Inter-American Development Bank citato dalla Banca Mondiale il Brasile potrebbe presto raggiungere un punto critico oltre il quale il bacino amazzonico non avrebbe più precipitazioni sufficienti per sostenere gli ecosistemi e garantire l’approvvigionamento idrico e lo stoccaggio del carbonio.

Sommando quindi il cambiamento climatico alla deforestazione ed espansione delle aree di pascolo, l’impatto cumulativo sul Pil del Brasile entro il 2050 è valutato in 184 miliardi di dollari, pari al 9,7% del suo attuale Pil.

Gli eventi meteorologici estremi in Brasile, colate di fango e grandi inondazioni causate dalle forti piogge, causano in media perdite per 2,6 miliardi di dollari all’anno, colpendo in particolare le zone a basso reddito, baraccopoli costruite su pendii inclini al crollo.

by Coordenação-Geral de Observação da Terra/INPE

RELATED ARTICLES

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

ARTICOLI CORRELATI