lunedì, Maggio 29, 2023
HomeCulturaIn Florida i cittadini cinesi portano il governo in tribunale per il...

In Florida i cittadini cinesi portano il governo in tribunale per il divieto di possedere terreni

Un gruppo di cittadini cinesi residenti in Florida ha deciso di intraprendere un’azione legale contro il governo statale per contestare una nuova legge che proibisce loro di possedere terreni. Questa misura è stata definita dai querelanti come “draconiana” e “discriminatoria”.

La filiale della Florida dell’American Civil Liberties Union (ACLU) rappresenta i cittadini cinesi che hanno avviato la causa, sostenendo che la legge SB 264 impone divieti discriminatori basati su razza, etnia, alienazione e origine nazionale nella proprietà e nell’acquisto di beni immobili.

Il direttore legale della Florida ACLU, Daniel Tilley, ha sottolineato che gli immigrati asiatici sono parte integrante della Florida e hanno contribuito alle comunità locali per centinaia di anni, facendo di questo stato la loro casa. Ha affermato che le politiche discriminatorie promosse dall’amministrazione DeSantis non passeranno inosservate.

La legge, che entrerà in vigore il 1° luglio, proibisce ai cittadini cinesi senza doppia cittadinanza statunitense di acquistare proprietà in Florida. Inoltre, impone restrizioni leggere ma simili ai cittadini stranieri provenienti da Russia, Iran, Corea del Nord, Siria, Cuba e Venezuela, paesi considerati “preoccupanti” dal legislatore statale. Questi paesi sono attualmente soggetti a sanzioni statunitensi e sono considerati avversari dagli Stati Uniti.

Oltre all’ACLU, l’Asian American Legal Defense and Education Fund e un altro studio legale locale rappresentano i cittadini cinesi nella causa. Essi sostengono che la misura si basa su una motivazione errata e che equipara ingiustamente i cittadini cinesi alle azioni del loro governo. Inoltre, affermano che non esistono prove che dimostrino che la proprietà immobiliare dei cinesi in Florida costituisca una minaccia per la sicurezza nazionale.

I sostenitori della legge SB 264 e di leggi simili negli Stati Uniti sostengono che tali misure sono necessarie per proteggere dagli interessi del Partito Comunista Cinese e di altri stati ostili. Il governatore della Florida, Ron DeSantis, ha accusato questi paesi di “divorare” le proprietà statunitensi per scopi nefandi, inclusi i terreni agricoli e le aree vicine alle basi militari.

Un portavoce del commissario per l’agricoltura della Florida, Wilton Simpson, che è stato citato nella causa come imputato, ha dichiarato che i funzionari statali stanno attualmente esaminando il caso.

Sarà interessante vedere come si svilupperà la controversia e quali argomenti verranno presentati da entrambe le parti. Nel frattempo, i cittadini cinesi coinvolti nella causa sperano di ottenere un’equa considerazione dei loro diritti e di dimostrare che la nuova legge viola i principi di non discriminazione e di uguaglianza sanciti dalla Costituzione degli Stati Uniti. Sarà importante seguire gli sviluppi futuri di questo caso e vedere quale sarà l’esito finale.

by Images_of_Money

RELATED ARTICLES

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

ARTICOLI CORRELATI