mercoledì, Aprile 17, 2024
HomeMondoIn Ghana 3 anni di carcere per le persone LGBTQ+

In Ghana 3 anni di carcere per le persone LGBTQ+

Il legislatore ghanese ha ratificato una proposta di legge che prevede una sanzione carceraria fino a tre anni per individui riconosciuti colpevoli di appartenere o identificarsi come parte della comunità LGBTQ+. La legge estende la pena fino a un massimo di cinque anni per coloro che partecipano alla creazione o al sostegno finanziario di organizzazioni LGBTQ+.

Durante il processo legislativo, sono stati respinti i suggerimenti di sostituire le sanzioni carcerarie con attività di servizio alla comunità o sessioni di consulenza. Questa decisione rappresenta un ulteriore indizio del crescente dissenso nei confronti dei diritti LGBTQ+ all’interno di questo paese conservatore dell’Africa occidentale.

Per entrare ufficialmente in vigore, il disegno di legge necessita ora dell’approvazione del presidente Nana Akufo-Addo, che in passato ha dichiarato di essere disposto a firmarlo se ciò riflettesse la volontà della maggioranza dei cittadini ghanesi.

Il Ghana criminalizza già le relazioni omosessuali, prevedendo una condanna a tre anni di reclusione.

Amnesty International, nel mese precedente, aveva lanciato un allarme, avvertendo che il disegno di legge potrebbe rappresentare una grave minaccia per i diritti e le libertà fondamentali delle persone LGBTQ+.

Attivisti temono ora l’inizio di una persecuzione mirata nei confronti dei membri della comunità LGBTQ+ e di chi si impegna a difendere i loro diritti, costringendo alcuni a vivere in clandestinità.

Questo timore è stato condiviso da Winnie Byanyima, a capo dell’agenzia delle Nazioni Unite per la lotta all’AIDS, la quale ha evidenziato come la legge, se approvata, non solo intensificherebbe sentimenti di paura e odio, ma potrebbe anche incitare alla violenza contro i cittadini ghanesi, limitando significativamente la libertà di espressione, di movimento e di associazione, con gravi ripercussioni sul progresso dello sviluppo del Ghana.

Il disegno di legge, inoltre, contempla pene fino a 10 anni per chiunque si impegni in attività di promozione dei diritti LGBTQ+ rivolte ai minori e incoraggia la cittadinanza a segnalare i membri della comunità LGBTQ+ alle autorità per le “azioni necessarie”.

L’introduzione di questa legislazione fa seguito all’apertura del primo centro comunitario LGBTQ+ a Accra, la capitale del Ghana, a gennaio 2021, che fu successivamente chiuso a causa di proteste pubbliche e pressioni da parte di gruppi religiosi e leader tradizionali in un paese a maggioranza cristiana.

In una dichiarazione congiunta, il Consiglio cristiano del Ghana e il Consiglio pentecostale e carismatico del paese avevano espresso la posizione secondo cui l’essere LGBTQ+ è contrario alla cultura e al sistema di valori familiari ghanese, rendendolo inaccettabile per i cittadini della nazione.

Il testo approvato rappresenta una versione moderata rispetto a una bozza iniziale, avendo ridotto le pene detentive e eliminato una disposizione controversa sulla terapia di conversione.

Nel corso di un acceso dibattito, Alexander Afenyo-Markin, vicepresidente parlamentare del partito di governo, aveva proposto ulteriori emendamenti, suggerendo una votazione segreta per decidere se le persone condannate per appartenenza alla comunità LGBTQ+ dovessero essere incarcerate o sottoposte a servizio alla comunità e consulenza. Tuttavia, tali proposte sono state respinte a favore delle sanzioni carcerarie.

Self-published work by Wgsohne (originally posted to Flickr as State House
RELATED ARTICLES

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

ARTICOLI CORRELATI