venerdì, Febbraio 3, 2023
HomeMondoIn Libia centinaia di civili uccisi e torturati. Gli omicidi extragiudiziali ormai...

In Libia centinaia di civili uccisi e torturati. Gli omicidi extragiudiziali ormai fuori controllo

Le forze dell’ordine e le milizie libiche hanno ucciso almeno 581 civili, sia cittadini che migranti, tra gennaio 2020 e marzo 2022. Lo rivela l’Omct, Organizzazione mondiale contro la tortura, in un rapporto. Questo numero include persone giustiziate in strutture di detenzione o torturate a morte.

“ I casi che abbiamo potuto documentare rappresentano solo la punta dell’iceberg ”, ha affermato Gerald Staberock, segretario generale dell’Omct. “ Le uccisioni extragiudiziali di civili indifesi, spesso accompagnate da orribili torture, sono ora endemiche in Libia, poiché agenti governativi e milizie armate scatenano violenze indiscriminate nella totale impunità. Il mondo non può rimanere compiacente e permettere che crimini così eclatanti diventino la nuova normalità ”.

Il rapporto, intitolato “Quella è stata l’ultima volta che ho visto mio fratello“, è la prima ricerca incentrata sulle uccisioni extragiudiziali in Libia. Si basa su interviste dirette con testimoni e sopravvissuti effettuate in tutto il paese dalla Rete anti-tortura libica, Lan, un gruppo di organizzazioni della società civile. L’indagine biennale, che i membri della Lan hanno intrapreso con un rischio personale significativo, è stata ulteriormente ostacolata dalla pandemia da covid e dal timore di rappresaglie. I testimoni includevano sopravvissuti alle atrocità e, in alcuni casi, guardie o membri delle forze di sicurezza.

La maggior parte dei casi documentati, 487 su 581, erano civili libici, mentre le restanti 83 vittime erano migranti o rifugiati di varie nazionalità, inclusi nigeriani, sudanesi e siriani. Questi numeri si aggiungono a 11 casi documentati dalle fosse comuni di Tarhouna, dove decine di corpi sono stati scaricati nell’aprile 2019.

Dalla caduta del regime di Gheddafi nell’ottobre 2011, la Libia è caduta in uno stato di illegalità, con due governi rivali e una miriade di milizie armate i cui membri torturano e uccidono nella totale impunità. Il cosiddetto “governo delle milizie” infonde paura nella popolazione. Inoltre, il fatto che una parte considerevole degli omicidi sia perpetrata da funzionari governativi riduce ulteriormente le possibilità di perseguimento penale.

by DFID – UK Department for International Development
RELATED ARTICLES

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

ARTICOLI CORRELATI