mercoledì, Maggio 29, 2024
HomeMondoIn Malawi 447 morti e oltre 360 mila sfollati a causa delle...

In Malawi 447 morti e oltre 360 mila sfollati a causa delle inondazioni

Quasi 363 mila persone sono sfollate e trovano rifugio in più di 500 campi nelle aree del Malawi colpite dalle inondazioni causate dal ciclone Freddy. E il bilancio provvisorio delle vittime è di 447, con almeno 282 persone ancora disperse, secondo un rapporto effettuato dalle autorità il 18 marzo. Circa 75 mila ettari di terreno coltivato sono stati allagati mentre gli agricoltori stavano per raccogliere l’unico raccolto dell’anno.

Secondo le Nazioni Unite, queste cifre dovrebbero aumentare nei prossimi giorni man mano che saranno disponibili nuove informazioni, in particolare nelle aree in cui le persone rimangono intrappolate dalle acque alluvionali e dove mancano informazioni complete.

“La distruzione e la sofferenza a cui ho assistito nel sud del Malawi sono il volto umano della crisi climatica globale. Le persone che ho incontrato, molte delle quali hanno perso la casa e i propri cari, non hanno fatto nulla per causare questa crisi”, ha detto la coordinatrice delle Nazioni Unite per il Malawi, Rebecca Adda-Dontoh, dopo aver visitato le aree colpite dalle inondazioni.

“Le Nazioni Unite sono pienamente solidali con il popolo del Malawi in questo tragico momento e invitano la comunità internazionale a fare lo stesso”, ha aggiunto.

Il Malawi meridionale è stato colpito dal ciclone tropicale Freddy, che ha compiuto la sua seconda puntata dopo aver colpito i Mozambico l’11 marzo e si è spostato via terra come una depressione tropicale, portando piogge torrenziali, inondazioni devastanti e smottamenti in Malawi dal 12 marzo.

Il Malawi sta ancora affrontando l’epidemia di colera più mortale della sua storia recente e il rischio che la malattia si diffonda nelle aree colpite dalle inondazioni è alto.

Il governo del Malawi sta cercando di provvedere, con il sostegno dei partner umanitari. Più di 1.500 persone sono state soccorse in località remote e, mentre le acque alluvionali iniziano a ritirarsi, gli aiuti vengono inviati ai distretti più colpiti.

A sostegno della risposta guidata dal governo, attraverso una sovvenzione del Central Emergency Response Fund CERF di 5,5 milioni di dollari, le Nazioni Unite mireranno ad aiutare le persone più colpite con assistenza salvavita, tra cui acqua, servizi igienici e igiene, alloggi e articoli non alimentari salvavita, cibo, sanità e protezione dei minori.

“Le persone sono traumatizzate e molte hanno perso la casa, i beni e i mezzi di sussistenza”, ha concluso Adda-Dontoh.

RELATED ARTICLES

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

ARTICOLI CORRELATI