mercoledì, Aprile 17, 2024
HomeMondoIn Siria la “più grande escalation di violenza degli ultimi quattro anni”

In Siria la “più grande escalation di violenza degli ultimi quattro anni”

Un nuovo rapporto delle Nazioni Unite avverte che negli ultimi sei mesi la violenza in Siria ha raggiunto il livello peggiore dal 2020.

Il rapporto, pubblicato lunedì dalla Commissione d’inchiesta delle Nazioni Unite sulla Siria , descrive in dettaglio come la violenza sia proliferata in tutto il paese, compreso un aumento degli scontri tra gruppi armati, nonché la repressione interna da parte del regime di Assad contro l’attività politica.

Secondo Paulo Pinheiro, presidente della commissione delle Nazioni Unite: “Da ottobre, la Siria ha visto la più grande escalation di combattimenti in quattro anni. Con la regione in subbuglio, è imperativo uno sforzo internazionale determinato per contenere i combattimenti sul suolo siriano”. “Anche la Siria ha un disperato bisogno di un cessate il fuoco”, ha aggiunto.

il popolo siriano “non può più sostenere” i combattimenti, dopo 13 anni di guerra che hanno lasciato 16,7 milioni di persone nel paese bisognose di assistenza umanitaria – il maggior numero di persone bisognose dalla fine della guerra. inizio della crisi.

by Rajanews under the Creative Commons Attribution 4.0 International license

“Oggi oltre il 90% delle persone vive in povertà, l’economia è in caduta libera a causa delle sanzioni sempre più severe e la crescente illegalità sta alimentando pratiche predatorie ed estorsioni da parte delle forze armate e delle milizie”, ha spiegato Pinheiro.

Il rapporto rileva una serie di sviluppi che hanno contribuito a un aumento della violenza in tutto il paese, compresi gli scontri tra il regime e Hayat Tahrir al-Sham (HTS) a Idlib a seguito di uno sciopero all’Accademia militare di Homs in ottobre.

Il rapporto includeva anche un’escalation delle operazioni turche contro le Forze democratiche siriane (SDF) a seguito di un attacco terroristico ad Ankara da parte del Partito dei lavoratori del Kurdistan (PKK) in ottobre, nonché gli scontri tra le SDF e il Consiglio militare di Deir az-Zour ( DMC) nel mese di agosto.

Oltre ai combattimenti interni, la Siria è stata colpita anche dalle conseguenze della guerra israeliana contro Gaza , iniziata il 7 ottobre, con l’aeronautica israeliana che ha effettuato almeno 22 attacchi aerei entro il 31 dicembre. Le milizie irachene hanno anche attaccato siti statunitensi in Siria almeno 83 volte nello stesso periodo.

“Il popolo siriano non può sostenere un’ulteriore intensificazione di questa guerra devastante e di lunga durata”, ha affermato Pinheiro, sottolineando che circa il 90% della popolazione vive in povertà, e il rapporto rileva un aumento dell’uso di pratiche predatorie contro i civili.

Queste pratiche si verificano in un contesto di continua repressione e disordini politici nel paese, anche nel territorio del regime siriano, dove si sono verificate lotte intestine all’interno dell’apparato di sicurezza del regime e sono in corso proteste antigovernative a Suweida e Daraa.

Dall’inizio della guerra di Gaza, le tensioni sono aumentate tra alcuni dei sei eserciti stranieri attivi in ​​Siria, in particolare Israele, Iran e Stati Uniti, sollevando tutti preoccupazioni per un conflitto più ampio.

Casi di repressione sono stati evidenziati anche nelle aree controllate da HTS e dall’Esercito nazionale siriano, con HTS che ha represso le organizzazioni della società civile e condotto arresti arbitrari ed esecuzioni in segreto.

Il commissario ONU Hanny Megally ha affermato della situazione che “non dovrebbe sorprendere che il numero di siriani richiedenti asilo in Europa lo scorso ottobre abbia raggiunto il livello più alto degli ultimi sette anni”.

Il rapporto sarà presentato al Consiglio per i diritti umani delle Nazioni Unite il 18 marzo, 13 anni dopo lo scoppio delle prime proteste antigovernative in Siria.

Wikimedia Commons
RELATED ARTICLES

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

ARTICOLI CORRELATI