domenica, Aprile 14, 2024
HomeMondoIn Spagna il governo vieta il lavoro all'aperto durante i picchi di...

In Spagna il governo vieta il lavoro all’aperto durante i picchi di calore

Il governo spagnolo vieta di lavorare all’aperto durante le ondate di caldo. Il ministro del lavoro Yolanda Díaz ha annunciato giovedì, in vista di una riunione speciale dell’esecutivo sulle alte temperature e la siccità, che la legge sul lavoro sarebbe stata modificata con una procedura urgente. Le nuove regole entreranno in vigore non appena l’agenzia meteorologica AEMET emetterà un’allerta caldo arancione o rosso.

A seconda della regione, l’arancione inizia da 37 a 40 gradi, il rosso da 40 a 44 gradi. Nel 2022 diversi lavoratori sono morti per un colpo di calore. Nell’intera popolazione, le autorità ipotizzano 4.700 morti per il caldo della scorsa estate. ” Il cambiamento climatico è arrivato nella vita delle persone, quindi adatteremo le normative sulla sicurezza sul lavoro”, ha spiegato Díaz. Le nuove misure sono obbligatorie per tutte le aziende.

L’intervento nel diritto del lavoro è solo una delle tre misure decise dal gabinetto del primo ministro Pedro Sánchez. Gli altri due progetti riguardano l’agricoltura e la zootecnia. Questo risente dell’anno più secco da quando l’agenzia meteorologica AEMET ha registrato i dati. Nel 2023, in tutta la Spagna ha piovuto il 26% in meno rispetto alla media a lungo termine.

L’82% del consumo di acqua in Spagna va all’agricoltura, solo il 13% circa alle famiglie. Per poter gestire meglio l’acqua in futuro, i sistemi di irrigazione devono essere modernizzati. Il governo stanzia 22 miliardi di euro per questo nei prossimi quattro anni. Il denaro verrà utilizzato per migliorare i sistemi di irrigazione e controllare il consumo di acqua in modo digitale.

Inoltre, gli impianti di trattamento delle acque reflue devono essere modernizzati in modo che il 20 percento dell’acqua di processo possa essere riutilizzato invece del precedente 10 percento. Queste misure strutturali dovrebbero “aiutare a utilizzare meglio le risorse e ad adattare i consumi ai cambiamenti climatici”, ha spiegato il ministro dell’Economia Nadia Calviño.

Ci saranno anche aiuti diretti agli agricoltori colpiti dai fallimenti dei raccolti. In molte regioni della Spagna centrale e meridionale, il grano si è prosciugato nei campi molto prima che i raccolti fossero pronti per essere raccolti.

Il gabinetto ha approvato aiuti per 650 milioni di euro e tagli alle imposte sul reddito di 1,8 miliardi di euro per il 2023 e un altro miliardo retrospettivamente per il 2022. Ciò riguarda un totale di 800.000 agricoltori e allevatori.

by Can Pac Swire

RELATED ARTICLES

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

ARTICOLI CORRELATI