martedì, Aprile 16, 2024
HomeMondoLa Banca centrale dello Zimbabwe emetterà valuta digitale sostenuta dall'oro

La Banca centrale dello Zimbabwe emetterà valuta digitale sostenuta dall’oro

La Reserve Bank of Zimbabwe è pronta a introdurre una valuta digitale supportata dall’oro che fungerà da corso legale nel paese. La mossa è un’iniziativa del governo per stabilizzare la valuta locale dal continuo deprezzamento rispetto al dollaro USA.

Secondo un rapporto del media locale The Sunday Mail, la mossa consentirà di scambiare piccole quantità di dollari dello Zimbabwe, che ieri ha festeggiato il 43° anniversario della sua indipendenza, con il token d’oro digitale, consentendo a più cittadini dello Zimbabwe di proteggersi dalla volatilità della valuta. Il governatore della Reserve Bank of Zimbabwe, John Mangudya, ha affermato che il piano intende “non lasciare indietro nessuno e nessun posto”.

La valuta dello Zimbabwe viene scambiata a 1.001 ZWL contro $ 1, ma in genere viene scambiata con 1.750 ZWL per le strade di Harare, la capitale del paese, secondo Bloomberg. L’inflazione annuale dei prezzi al consumo del paese ha raggiunto il minimo di un anno a marzo all’87,6%, in calo rispetto al 92% di febbraio.

Secondo Mangudya, il tasso di cambio nel mercato parallelo dovrebbe stabilizzarsi dopo che i coltivatori di tabacco riceveranno i loro pagamenti in dollari USA nelle prossime settimane. Ha affermato che l’attuale volatilità del tasso di cambio è stata causata dalle “aspettative di un aumento dell’offerta di valuta estera” sul mercato a causa della stagione del tabacco.

La disfunzione monetaria in Zimbabwe e la mancanza di cambiamenti hanno portato le aziende a stampare il proprio “denaro”, spesso su pezzi di carta scritti a mano, in modo che gli utenti possano pagare per acquisti futuri, secondo un rapporto del Wall Street Journal di marzo.

Lo Zimbabwe combatte contro la volatilità valutaria e l’inflazione da oltre un decennio. Nel 2009, il paese ha adottato il dollaro USA come valuta dopo un episodio di iperinflazione. Nel 2019, il dollaro dello Zimbabwe è stato reintrodotto nel tentativo di rilanciare l’economia in difficoltà del paese. L’anno scorso, il governo ha deciso di utilizzare nuovamente il dollaro USA nel tentativo di frenare l’aumento dei prezzi nel paese.

L’adozione delle criptovalute è cresciuta in molti paesi africani a causa delle sfide economiche. Secondo Chainalysis, il Medio Oriente e il Nord Africa sono la regione in più rapida crescita per l’adozione di criptovalute grazie alle rimesse transfrontaliere, con oltre 566 miliardi di dollari di transazioni crittografiche tra luglio 2021 e giugno 2022, con un aumento del 48% rispetto all’anno precedente.

Un rapporto della Banca mondiale pubblicato questo mese afferma che “la disponibilità di cibo non garantisce la sicurezza alimentare poiché non tutti gli abitanti dello Zimbabwe hanno accesso o possono permettersi il grano”. Tuttavia il governo proietta ottimismo e parla di rendere sicuro il cibo dello Zimbabwe. Un tempo granaio della regione, secondo Il governo la crisi è dovuta alla siccità e alle sanzioni occidentali. I critici invece sostengono che la crisi dipenda dalla cacciata nel 2000 degli agricoltori esperti.

RELATED ARTICLES

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

ARTICOLI CORRELATI