venerdì, Febbraio 3, 2023
HomeMondoLa Cina controlla l'intero continente africano

La Cina controlla l’intero continente africano

La Cina potrebbe presto iniziare a dettare legge nella maggior parte dei paesi africani a causa della crescente rete di sorveglianza che ha creato nel continente e del suo ruolo di “strozzino”, cioè maggior creditore dei prestiti erogati nell’area.

Un numero incredibile di edifici governativi è stato costruito dai cinesi per oltre 35 nazioni africane. Nel 2018, un quotidiano francese scoprì che entità cinesi avevano rubato dati sensibili dall’edificio dell’Unione Africana ad Addis Abeba in Etiopia. Si scoprì poi che i computer nell’edificio avevano cluster di server truccati che consentivano il trasferimento dei dati a Shanghai in Cina.

L’intero processo è stato abilmente nascosto grazie al coinvolgimento dell’autorità cinese nel finanziamento e la facilitazione della costruzione dell’edificio per l’Unione africana.
L’incidente ha portato a richieste diffuse in tutto il continente per una revisione completa dei progetti cinesi in vari paesi.

Tuttavia, non solo i progetti cinesi nel continente hanno visto un aumento, ma anche la costruzione di edifici governativi e ministeriali attraverso fondi cinesi, secondo quanto riporta oggi il Singapore Post.

Gli investimenti cinesi in Africa hanno avuto un incremento sbalorditivo negli ultimi due decenni. I progetti infrastrutturali che vanno da strade, ferrovie, porti, centri elettrici, industrie della pesca a strutture di telecomunicazione sono piuttosto dilaganti in tutto il continente.

L’intero continente africano deve alla Cina un disavanzo di 93 miliardi di dollari che si prevede raggiungerà l’incredibile cifra di 153 miliardi di dollari nei prossimi anni.

In un rapporto della Heritage Foundation, è stato rivelato che la Cina ha costruito e ristrutturato fino ad oggi circa 186 edifici governativi africani sensibili, 24 edifici presidenziali, 26 parlamenti e uffici parlamentari, 32 uffici militari e 19 edifici dei ministeri degli affari esteri.

In continuazione della stessa strategia e portando a una preoccupazione ancora più seria, la Cina ha facilitato la rete 4G in Africa, di cui il 70% è già stato costruito, e prevede di implementare presto una rete 5G in tutto il continente.

Paesi come Namibia, Ghana, Angola, Uganda, Guinea Equatoriale e altri sono tra i destinatari del maggior numero di edifici ufficiali del governo costruiti da società sussidiarie cinesi o direttamente dal governo cinese.

Secondo The Singapore Post, questo è stato aggiunto anche con donazioni di attrezzature per ufficio, inclusi computer per ministeri e parlamenti in vari paesi africani.

Molti leader dell’opposizione hanno anche messo in discussione in diverse occasioni la decisione del governo prevalente di accettare attrezzature sensibili dal governo cinese.
Inutile dire che esiste un’alta probabilità che la Cina abbia reso tali apparecchiature importanti soggette ad attacchi di malware cinesi in cui può accedere a informazioni sensibili in modo simile al caso nell’edificio dell’Unione Africana.

Gli esperti di sicurezza informatica si sono anche chiesti se i paesi africani abbiano le capacità per prevenire tali forme di violazione. Il desiderio di sorveglianza della Cina non sembra finire con i soli progetti di sviluppo. Negli ultimi anni, le aziende cinesi hanno collaborato in varie occasioni con le amministrazioni locali in vari paesi africani per il trasferimento di tecnologia.

Ad esempio, in Zimbabwe, il governo sta lavorando con Cloud Walk, un’azienda tecnologica cinese con sede a Guangzhou, per stabilire un programma di riconoscimento facciale di massa.
Allo stesso modo, in Uganda, le forze di polizia hanno acquisito telecamere a circuito chiuso abilitate all’intelligenza artificiale dall’azienda cinese Huawei, causando gravi apprensioni tra i cittadini nativi e altri attivisti.

RELATED ARTICLES

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

ARTICOLI CORRELATI