sabato, Settembre 24, 2022
HomeMondoLa Cina recluta scienziati negli Usa per sviluppare le sue tecnologie militari

La Cina recluta scienziati negli Usa per sviluppare le sue tecnologie militari

Il governo cinese ha reclutato scienziati, che hanno lavorato presso il Los Alamos National Laboratory nel New Mexico, per aiutare la Cina a far avanzare le principali tecnologie militari, come l’ipersonico, le testate a penetrazione profonda della Terra, i veicoli autonomi senza pilota e i motori a reazione. A rivelarlo è un rapporto pubblicato da Strider Technologies.

Strider Technologies è una società di sicurezza e intelligence con sede a Salt Lake City, Utah, negli Stati Uniti. Il think tank di intelligence consente ai clienti di identificare, gestire e rispondere in modo proattivo ai furti di proprietà intellettuale diretti dagli stati nazionali e alle vulnerabilità della catena di approvvigionamento.

Il rapporto ha evidenziato che in 3 decenni oltre 160 ricercatori sono tornati in Cina per aiutare i programmi di armi nucleari e altri programmi avanzati.

“Tra il 1987 e il 2021, almeno 162 scienziati che avevano lavorato a Los Alamos sono tornati in Cina per supportare vari programmi nazionali di ricerca e sviluppo. E quindici di questi scienziati hanno lavorato come membri permanenti del personale a Los Alamos”, rivela il rapporto del think tank.

Di questi quindici, tredici sono stati reclutati nei programmi di talenti del governo cinese; alcuni erano responsabili della sponsorizzazione di studiosi in visita e ricercatori post-dottorato della Cina e alcuni hanno ricevuto finanziamenti dal governo degli Stati Uniti per ricerche sensibili.

Almeno uno di questi membri del personale ha tenuto un “Q Clearance” ( l’ autorizzazione di sicurezza del Dipartimento dell’Energia degli Stati Uniti richiesta per accedere ai dati riservati), che consente l’accesso a dati top secret della sicurezza nazionale.

La Cina sta adottando una strategia di Talent Superpower progettata per incentivare accademici, ricercatori e scienziati ad andare all’estero, approfondire le loro competenze e tornare in Cina per promuovere i suoi interessi strategici, secondo il rapporto intitolato “The Los Alamos Club”.

Il programma, iniziato negli anni ’80 per inviare giovani cinesi di talento all’estero, si è evoluto per incorporare iniziative che cercano di sfruttare gli sforzi di questi individui per gli interessi cinesi e, infine, incoraggiarli a tornare nella Repubblica Popolare della Cina per lavorare in settori tecnologici chiave.

“Il successo della RPC tra gli ex affiliati di Los Alamos, insieme al sostegno ai programmi per i talenti cinesi da parte del segretario generale del Partito Comunista Cinese Xi Jinping e di altri massimi leader del PCC,
suggeriscono che simili sforzi di reclutamento potrebbero essere diffusi tra i laboratori finanziati dal governo degli Stati Uniti, istituti di ricerca e importanti centri di innovazione”, afferma il rapporto.

“Inoltre, il caso di Los Alamos mostra come i rapidi progressi della Cina in alcune tecnologie militari chiave siano aiutati da individui che hanno partecipato a sensibili ricerche finanziate dal governo degli Stati Uniti”.

Da quando sono tornati in Cina, gli alunni di Los Alamos hanno aiutato la Cina a far avanzare le principali tecnologie militari e a duplice uso in aree come l’ipersonico, le testate a penetrazione profonda della terra, i veicoli autonomi senza pilota, i motori a reazione e la riduzione del rumore dei sottomarini.

Il dottor Chen Shiyi, un esperto di fluidodinamica e turbolenza di fama mondiale, è un membro fondamentale del “Los Alamos Club”. Dopo essere tornato in Cina, Chen è stato presidente della Southern University of Science and Technology, dove eccelleva nel trovare scienziati con legami con Los Alamos.

Negli ultimi anni i programmi per i talenti sponsorizzati dallo stato cinese hanno attirato un maggiore controllo da parte di Washington non solo a causa dei rischi di controspionaggio e furto di proprietà intellettuale, ma anche perché questi programmi stanno sfruttando la ricerca finanziata dai contribuenti per far avanzare lo sviluppo economico della RPC e la modernizzazione militare ”, si legge nel rapporto.

Il governo degli Stati Uniti ha iniziato ad adottare misure per mitigare i rischi posti dalla strategia cinese di Talent Superpower. “Tuttavia, i laboratori finanziati dal governo, gli istituti di ricerca e l’industria privata possono fare di più per identificare potenziali rischi di controspionaggio e furto di proprietà intellettuale posti da individui il cui talento la RPC sta cercando di sfruttare nella sua corsa per il dominio scientifico e tecnologico”, aggiunge il rapporto.

Il rapporto afferma anche che è un imperativo urgente di sicurezza nazionale per nazioni che la pensano allo stesso modo lavorare insieme per proteggere i loro centri di innovazione e competere con la Cina per attrarre, trattenere e proteggere i migliori talenti.

RELATED ARTICLES

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

ARTICOLI CORRELATI