domenica, Giugno 16, 2024
HomeCulturaLa finanza di Wall Street abbandona la Cina e guarda all'India

La finanza di Wall Street abbandona la Cina e guarda all’India

Un’analisi della redazione economica del New York Times, che ama specificare nella sua didascalia come ai suoi redattori economici sia espressamente vietato utilizzare le informazioni acquisite per speculare in borsa, ci racconta una profonda trasformazione del mercato azionario statunitense. Se ieri Wall Street guardava alla Cina come terra promessa di speculazione, oggi è l’India l’Eldorado che più ingolosisce la finanza a stelle strisce

I dirigenti delle principali banche globali sono arrivati in massa a Mumbai, ci racconta Alex travelli, per visitare le borse valori, acquistare immobili e assumere nuovo personale sul posto.

Il boom economico post-pandemia ha fatto salire il valore del mercato azionario indiano a circa 5.000 miliardi di dollari, mettendolo alla pari con quello di Hong Kong. Con un’economia tra le più dinamiche al mondo, l’India non può più essere ignorata da Wall Street.

Il punto di ingresso principale è Mumbai, una metropoli portuale con 26 milioni di abitanti, sobborghi inclusi. La città ha subito una trasformazione: nuovi ponti sospesi attraversano le sue vie marittime e i bassifondi, mentre nuove linee metropolitane si snodano sotto le sue facciate Art Déco e indo-saracene e le affollate ferrovie dei pendolari.

Per ottant’anni, Mumbai è stata il centro commerciale dell’India, ma solo negli ultimi due anni ha guadagnato notorietà sulla scena finanziaria globale.

Oggi, gestori di fondi pensione nordamericani, fondi sovrani del Golfo Persico e di Singapore, banche giapponesi e società di private equity cercano una fetta della crescita indiana. Sia gli esperti che i neofiti concordano sul fatto che l’ascesa dell’India è inevitabile.

Tuttavia, fare soldi si rivelerà più difficile del previsto, poiché gli investitori indiani sono già ben radicati. I prezzi delle azioni delle società indiane sono elevati rispetto ai loro attuali profitti.

Gli investitori stranieri devono ancora esprimere tutto il loro peso finanziario. I mercati di Mumbai erano nervosi a maggio, quando il primo ministro pro-business Narendra Modi era in lotta per la rielezione. Sebbene si preveda una sua vittoria, le incertezze hanno reso cauti gli investitori.

“Mumbai skyline” is licensed under CC BY-SA 2.0.

Nonostante l’afflusso di capitali, l’India rimane un mercato complesso per le aziende straniere, rendendo gli investimenti diretti rischiosi. La domanda di consumo tra la vasta base di consumatori indiani è stata deludente rispetto alle aspettative: mentre la fascia alta spende più che mai, centinaia di milioni di persone restano bloccate nella povertà.

L’entusiasmo degli investitori è alimentato dalla robustezza dell’economia indiana, che possiede punti di forza assenti in altre grandi economie emergenti. “I clienti stranieri gravitano verso l’India perché mostra una crescita affidabile, una valuta stabile e una disciplina fiscale,” ha dichiarato un dirigente bancario indiano, parlando in anonimato a causa della sua stretta collaborazione con il governo.

Se l’India sta migliorando agli occhi degli investitori globali, Cina e Russia stanno peggiorando. Il miracoloso motore di crescita della Cina sta rallentando dopo tre decenni di crescita ininterrotta, con le guerre commerciali che diventano una minaccia costante. La Russia, invece, è stata esclusa da molte liste di economie emergenti vitali dopo l’invasione dell’Ucraina nel 2022 e le conseguenti sanzioni da parte di Stati Uniti, Europa e loro alleati.

Questo è uno dei motivi, ha detto il banchiere, per cui gli investitori spingono Wall Street a facilitare grandi investimenti in India.

L’MSCI, un influente indice azionario dei mercati emergenti di Morgan Stanley, ha aumentato il peso dell’India a oltre il 18%, rispetto all’8% del 2020, riducendo al contempo la rappresentanza della Cina.

Non si tratta solo di azioni: a giugno, JPMorgan Chase includerà i titoli di stato indiani nel suo indice dei mercati emergenti. Questi cambiamenti significano che i fondi comuni di investimento stanno acquistando più attività finanziarie indiane.

Aashish Agarwal, responsabile indiano della banca d’investimento Jefferies, che opera a Mumbai da oltre 20 anni, afferma che investire in India è una scelta ovvia: le azioni indiane sovraperformano quelle cinesi e i mercati indiani coprono una gamma di aziende più ampia rispetto a molte altre economie emergenti.

“Non si può pensare alla Corea senza Samsung, o all’America Latina senza le materie prime,” ha detto Agarwal. “L’India, come indice, è probabilmente il più equilibrato che potresti trovare al di fuori degli Stati Uniti.”

“Rain Dancers… Mumbai June 2012” by dineshobareja is licensed under CC BY 2.0.
RELATED ARTICLES

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

ARTICOLI CORRELATI