sabato, Ottobre 1, 2022
HomeCulturaLa metà delle strutture sanitarie nel mondo non dispone di servizi igienici

La metà delle strutture sanitarie nel mondo non dispone di servizi igienici

La metà delle strutture sanitarie nel mondo non dispone di servizi igienici di base, in base a un rapporto delle Nazioni Unite.

Circa 3,85 miliardi di persone utilizzano queste strutture, esponendole a un rischio maggiore di infezione, inclusi 688 milioni di persone che ricevono assistenza in strutture prive di servizi igienici. “Le strutture e le pratiche igieniche nelle strutture sanitarie non sono negoziabili. Il loro miglioramento è essenziale per il recupero, la prevenzione e la preparazione alla pandemia. L’igiene nelle strutture sanitarie non può essere garantita senza aumentare gli investimenti nelle misure di base, che includono acqua potabile, servizi igienici puliti e rifiuti sanitari gestiti in modo sicuro”, ha affermato la dott.ssa Maria Neira, Direttore dell’OMS, Dipartimento per l’ambiente, i cambiamenti climatici e la salute. “Incoraggio gli Stati membri a intensificare gli sforzi per attuare l’impegno dell’Assemblea mondiale della sanità del 2019 a rafforzare i servizi idrici, sanitari e igienici (WASH) nelle strutture sanitarie e a monitorare questi sforzi”. L’ultimo rapporto, “Progress on WASH nelle strutture sanitarie 2000-2021: focus speciale su WASH e prevenzione e controllo delle infezioni”, ha stabilito per la prima volta questa linea di base globale sui servizi igienici, che ha valutato l’accesso ai punti di cura e servizi igienici – poiché più paesi che mai segnalano elementi critici dei servizi WASH nei loro ospedali e altri centri sanitari. Per quanto riguarda l’igiene, i dati sono ora disponibili per 40 paesi, che rappresentano il 35 per cento della popolazione mondiale, rispetto ai 21 paesi del 2020 e ai 14 del 2019. La nuova stima globale rivela un quadro più chiaro e allarmante dello stato igienico sanitario strutture di cura.

Sebbene il 68% delle strutture sanitarie avesse strutture igieniche nei punti di cura e il 65% avesse strutture per lavarsi le mani con acqua e sapone nei servizi igienici, solo il 51% le aveva entrambe e quindi soddisfaceva i criteri per i servizi igienici di base. Inoltre, 1 su 11 (9%) delle strutture sanitarie a livello globale non ha nessuno dei due. “Se gli operatori sanitari non hanno accesso a un servizio di igiene, i pazienti non hanno una struttura sanitaria”, ha affermato Kelly Ann Naylor, Direttore dell’UNICEF WASH and Climate, Environment, Energy, and Disaster Risk Reduction (CEED).

“Ospedali e cliniche senza acqua potabile e servizi igienici e sanitari di base sono una potenziale trappola mortale per madri incinte, neonati e bambini. Ogni anno, circa 670.000 neonati perdono la vita a causa della sepsi. Questa è una parodia, tanto più che il loro le morti sono prevenibili”.

Il rapporto rileva che le mani e gli ambienti contaminati svolgono un ruolo significativo nella trasmissione di agenti patogeni nelle strutture sanitarie e nella diffusione della resistenza antimicrobica. Gli interventi per aumentare l’accesso al lavaggio delle mani con acqua e sapone e la pulizia ambientale costituiscono la pietra angolare dei programmi di prevenzione e controllo delle infezioni e sono fondamentali per fornire cure di qualità, in particolare per un parto sicuro. La copertura delle strutture WASH è ancora irregolare nelle diverse regioni e gruppi di reddito: le strutture nell’Africa subsahariana sono in ritardo rispetto ai servizi igienici. Mentre tre quarti (73%) delle strutture sanitarie nella regione in generale hanno strofinato le mani a base di alcol o acqua e sapone nei punti di cura, solo un terzo (37%) dispone di impianti per lavarsi le mani con acqua e sapone nei servizi igienici.

La stragrande maggioranza (87%) degli ospedali dispone di strutture per l’igiene delle mani nei punti di cura, rispetto al 68% delle altre strutture sanitarie. Nei Paesi meno sviluppati, solo il 53% delle strutture sanitarie ha accesso in loco a una fonte d’acqua protetta. Per fare un confronto, la cifra globale è del 78% con gli ospedali (88%) che ottengono risultati migliori rispetto alle strutture sanitarie più piccole (77%) e la cifra per l’Asia orientale e sudorientale è del 90%. A livello globale, circa il 3% delle strutture sanitarie nelle aree urbane e l’11% nelle aree rurali non disponeva di servizio idrico. Tra i paesi con dati disponibili, 1 struttura sanitaria su 10 a livello globale non disponeva di servizi igienico-sanitari. La percentuale di strutture sanitarie prive di servizi igienici variava dal 3% in America Latina e nei Caraibi e nell’Asia orientale e sudorientale al 22% nell’Africa subsahariana. Nei Paesi meno sviluppati, solo 1 su 5 (21%) disponeva di servizi igienici di base nelle strutture sanitarie.

RELATED ARTICLES

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

ARTICOLI CORRELATI