martedì, Aprile 16, 2024
HomeMondoLa polizia messicana sposta i migranti di Ciudad Juárez in una...

La polizia messicana sposta i migranti di Ciudad Juárez in una zona alluvionale

Lunedì scorso, il 22 maggio, con la polizia in testa, le autorità governative di Ciudad Juárez hanno sgomberato i migranti che erano rimasti in un campo improvvisato sui marciapiedi vicino all’edificio municipale. Questo campo era stato allestito in seguito all’incendio avvenuto a marzo in un centro di detenzione per migranti, dove 40 persone avevano perso la vita.

La polizia, armata, si è aperta un passaggio attraverso il campo distruggendo le tende in cui i migranti alloggiavano in attesa del loro turno per richiedere asilo negli Stati Uniti.

Durante lo sgombero, uno dei migranti ha gridato: “Questo è un oltraggio, non fate così”, mentre una donna cercava di impedire alla polizia di smantellare la tenda in cui aveva dormito con i suoi due figli per quasi due mesi.

Le forze di polizia hanno circondato il campo intorno alle 18 di lunedì, bloccando le strade per permettere alle squadre di pulizia, protezione civile e soccorso della città di entrare ed eliminare i rifiuti.

I funzionari, inclusi i membri del consiglio comunale, hanno ripetutamente comunicato ai migranti che non potevano rimanere in quel luogo e hanno offerto loro il trasferimento in un rifugio temporaneo allestito dalla città.

Il nuovo rifugio era costituito da due grandi tende con servizi igienici portatili e aria condizionata, ed era stato allestito a circa 300 metri dal campo improvvisato vicino al ponte internazionale di Stanton Street.

Nonostante le preoccupazioni degli attivisti ambientalisti riguardo all’ubicazione del rifugio, che secondo loro si trova in una zona soggetta ad alluvioni secondo le autorità federali, il sindaco di Juárez ha assicurato che il campo soddisfa le necessità primarie dei migranti.

Alcuni migranti hanno accettato il trasferimento nel nuovo rifugio, mentre molti altri hanno lasciato il luogo ignorando l’offerta delle autorità. Alcuni hanno accusato la polizia di aver sequestrato i loro telefoni cellulari. Hanno portato con sé le poche cose che sono riusciti a salvare prima che il personale di pulizia portasse via le tende distrutte, le coperte e i vestiti insieme ai rifiuti.

Gli attivisti per i diritti umani sono giunti sul posto per avvertire le autorità che stavano violando i diritti dei migranti.

Non è la prima volta che le autorità di Juárez demoliscono un campo improvvisato per migranti. Alla fine di novembre, un accampamento lungo le rive del Rio Grande, dove centinaia di migranti venezuelani aspettavano di entrare negli Stati Uniti, è stato abbattuto.

Il campo sgomberato lunedì era stato allestito il 28 marzo, un giorno dopo l’incendio nel centro di detenzione, quando i migranti si erano riuniti per cercare notizie sui loro amici e familiari, tenere veglie per le vittime dell’incendio e protestare contro le autorità che non avevano aperto la cella dei migranti. La maggior parte dei presenti, circa 250 persone secondo le stime della città, proveniva dal Venezuela, ma c’erano anche migranti provenienti dall’America centrale.

Durante lo sgombero, molti migranti hanno deciso di recarsi al rifugio temporaneo offerto dal Comune, tra cui donne con bambini, adolescenti e alcune famiglie. Tuttavia, molti altri hanno rifiutato l’offerta delle autorità e si sono diretti altrove nel centro alla ricerca di un rifugio.

I funzionari della città hanno dichiarato ai media che coloro che inizialmente erano riluttanti hanno alla fine accettato il supporto e il trasferimento proposti.

Sulle piattaforme dei social media, sono state pubblicate immagini di agenti di polizia che distribuivano pizze e bevande ai migranti. Tuttavia, durante lo sgombero, molti migranti hanno lamentato di aver avuto i loro telefoni cellulari sequestrati dalla polizia.

Attivisti per i diritti umani del Movimento contro la militarizzazione sono giunti sul posto, sottolineando che le azioni delle autorità stavano violando i diritti dei migranti.

In conclusione, le autorità di Ciudad Juárez, con la polizia in prima linea, hanno effettuato lo sgombero dei migranti rimasti nel campo improvvisato. Nonostante l’offerta di un rifugio temporaneo, molti migranti hanno rifiutato di spostarsi, preoccupati di fronte a una potenziale tragedia come l’incendio del centro di detenzione. Gli attivisti per i diritti umani hanno denunciato le violazioni dei diritti dei migranti e le azioni delle autorità nella demolizione del campo.

RELATED ARTICLES

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

ARTICOLI CORRELATI