lunedì, Settembre 26, 2022
HomeMondoLa povertà dei bambini in Australia e le proposte per combatterla

La povertà dei bambini in Australia e le proposte per combatterla

Sei proposte, semplicemente sei proposte di buon senso che il giornale The Conversation, dopo aver rivolto a bambini e bambine australiani che vivono in povertà delle domande sul loro sentimento verso questa condizione, potrebbero combattere il fenomeno.

Un bambino di otto anni ha spesso fame, ma sa che se lo dice a sua madre, lei stessa mangerà meno e soffrirà la fame. Odia quel pensiero, quindi non dice niente.

Una ragazza di 11 anni sa che una volta pagato l’affitto non rimane quasi nulla, quindi cerca di non chiedere troppo. Non riporta mai a casa le richieste della scuola per le gite scolastiche quando il costo è eccessivo.

Il padre di un bambino di 10 anni è arrabbiato da quando è stato ferito sul lavoro; non può più mantenere la sua famiglia e attende un risarcimento. Suo figlio si sente triste, ma capisce la situazione e tacendo cerca di non aumentare lo stress del genitore.

È così che i bambini hanno descritto le loro esperienze di povertà nella ricerca che ha svolto per diversi anni la ricercatrice sociale Jo Adetunji.

I bambini hanno anche detto che le relazioni sono essenziali. Parlano dell’importanza della famiglia, della forza della comunità e delle persone che si aiutano a vicenda .

Questi fattori aiutano a proteggere i bambini dagli effetti della povertà, ma nessuno può affrontare i suoi fattori strutturali o il modo in cui i sistemi falliscono con molte persone.

Decenni dopo che l’allora primo ministro Bob Hawke dichiaro nel 1990 “nessun bambino australiano vivrà in povertà”, il problema rimane molto reale in Australia.

Allora la ricercatrice si è chiesta come fosse l’esperienza della povertà per i bambini e cosa deve essere fatto per eliminarla.

Ha individuato tre temi chiave, che, scrive Jo Adetunji, emergono ogni volta che si prova ad ascoltare i maggiori problemi espressi dai bambini quando ci degniamo di ascoltarli.

Come prima cosa, sembra banale ma è la radice del problema, non avere le basi materiali: cibo a sufficienza, una casa sicura, trasporti, è un problema costante per troppi bambini.

Alcune di queste cose possono essere acquistate se il denaro è sufficiente, ma altre, come alloggi e trasporti sicuri, richiedono investimenti in infrastrutture pubbliche e un’equa distribuzione delle risorse. Questi sono problemi strutturali, non individuali.

La ricerca ha rivelato che i bambini sono più propensi a parlare dell’importanza del cibo rispetto ai giocattoli o ai dispositivi elettronici. La fame modella le priorità in modo potente.

In secondo luogo, la povertà limita la capacità dei bambini di partecipare ad attività e servizi come lo sport, le biblioteche pubbliche e l’assistenza sanitaria.

Ciò può essere dovuto al fatto che le famiglie non hanno i soldi, ma spesso le barriere sono, ancora una volta, strutturali. Le scuole nelle aree a basso reddito sono spesso a corto di risorse, quindi più difficoltà a curare i parchi giochi, servizi limitati e trasporto pubblico è inadeguato.

Terzo, le relazioni sono profondamente influenzate dalle pressioni che la povertà crea. Ciò è aggravato da fattori quali:

reddito basso
condizioni punitive poste ai beneficiari del welfare (come la necessità di frequentare gruppi di sostegno, lezioni di formazione o colloqui di lavoro )
lavoro insicuro
stress abitativo
costi della vita insostenibili

Per i bambini, il tempo con le persone che amano, in particolare i genitori, è sempre una priorità. La povertà e il circuito costruito intorno rende questi momenti meno frequenti.

Una cultura della vergogna
Un altro tema, forse ancora più dannoso, è emerso in Australia negli ultimi decenni: il discorso sulla povertà spesso attribuisce la colpa e lo stigma agli individui.

Chiunque sia ritenuto parte dei “poveri immeritevoli” si vergogna. I bambini lo sperimentano nei nomignoli rivolti a loro, alle loro famiglie e comunità. Le impostazioni politiche sul welfare possono essere incredibilmente punitive.

Come società, sostiene Jo Adetunji, quella australiana è sminuita da questa retorica incolpante e umiliante. Minando la capacità di prendersi cura degli altri e di riconoscere il valore della cura.

Eppure, spiega la ricercatrice, anche se non esiste una soluzione rapida, ci sono sei modifiche che potrebbero essere utili da subito.

  1. Aumentare i benefici del benessere

I bambini nelle famiglie dipendenti dai sussidi in età lavorativa cresceranno in condizioni di povertà di reddito. I bambini in famiglie monoparentali, di solito con madre single, che dipendono dal sostegno al reddito hanno maggiori probabilità di finire in povertà. La risposta politica da dare consiste nell’aumentare il tasso di sussidi per l’età lavorativa e riformare il sistema di mantenimento dei figli .

  1. Riconoscere l’importanza di relazioni forti e di supporto

Le relazioni sono fondamentali per i bambini, ma le pressioni indebite sui genitori, attraverso condizioni di lavoro ostili e insicure per i bambini, minano tali relazioni.

  1. Costruire comunità a misura di bambino

Quando i governi rispondono alla crisi abitativa attraverso un numero maggiore di alloggi sociali devono farlo adeguando le comunità a misura di bambino, fornendo luoghi sicuri e accoglienti per farli giocare, costruire percorsi pedonali in modo che i bambini possano spostarsi facilmente e in sicurezza, creare spazi comuni e inclusivi per i bambini per riunire le persone e creare servizi a misura di bambino vicino a casa.

  1. Riformare il finanziamento dell’istruzione

Il finanziamento dell’istruzione deve essere più equo e garantire che tutti i bambini possano accedere e godere di un’istruzione di alta qualità.

  1. Cambiare le narrazioni e il linguaggio sulla povertà

Va riconosciuto che la povertà non è colpa dell’individuo. I dibattiti e le politiche dovrebbero essere basati sull’empatia, non sulla colpa .

  1. Mettere i bambini al centro della politica

Ciò potrebbe includere approcci come la Garanzia europea per l’infanzia, che mira a garantire a ogni bambino l’accesso ai servizi essenziali.

by ResoluteSupportMedia
RELATED ARTICLES

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

ARTICOLI CORRELATI