venerdì, Febbraio 3, 2023
HomeMondoLa protesta degli operatori sanitari di Gaza contro il blocco israeliano sulle...

La protesta degli operatori sanitari di Gaza contro il blocco israeliano sulle attrezzature sanitarie

Tra le crescenti tensioni nella Cisgiordania occupata e in Israele, gli operatori sanitari di Gaza stanno combattendo una battaglia per procurarsi le attrezzature mediche vitali per gli ospedali nel territorio costiero assediato.

All’inizio di questa settimana, un convoglio di circa 25 ambulanze da Gaza si è articolato lungo il confine israeliano per protestare contro le restrizioni all’importazione di attrezzature mediche, che secondo il ministero della salute palestinese stanno paralizzando gli ospedali di Gaza.

“Impedire l’ingresso di dispositivi medici significa la lenta morte dei pazienti di Gaza”, si legge su uno striscione su una delle ambulanze del convoglio. Le attrezzature mediche utilizzate attualmente si stanno deteriorando.

Come parte del blocco terrestre, marittimo e aereo di Gaza in vigore da quindici anni, Israele vieta le importazioni dei cosiddetti beni a duplice uso, articoli che ritengono potrebbero essere usati per scopi militari.

Secondo Ashraf al Qudra, portavoce del ministero della salute, la manifestazione è stata indetta dopo che Israele ha impedito a quattro macchine a raggi X mobili di entrare a Gaza. Secondo il ministero della salute, oltre alle attrezzature utilizzate per curare i pazienti colpiti da ictus e quelli in terapia intensiva.

Le restrizioni “espongono i pazienti di oncologia, cuore, ictus, fratture complesse e terapia intensiva a rischi per la salute”, ha affermato Qudra, aggiungendo che anche l’importazione di pezzi di ricambio per vecchie macchine era un problema.

Israele respinge le critiche e afferma che Hamas e altri gruppi palestinesi “approfittano sistematicamente e cinicamente delle spedizioni umanitarie e civili di attrezzature e merci per scopi terroristici”.

Cogat, l’ente del ministero della difesa israeliano responsabile per gli affari civili palestinesi, ha affermato che le macchine a raggi X fanno parte della lista di articoli sanitari che potrebbero avere uno scopo militare, ma le richieste mediche sono state prese in considerazione.

Nell’ultimo anno, Israele ha “approvato dozzine di richieste di spedizioni di macchine a raggi X a Gaza, comprese sia nuove macchine che pezzi di ricambio per quelle esistenti”, ha affermato Cogat.

Un rapporto congiunto pubblicato all’inizio di quest’anno dal Medical Aid for Palestines (MAP) con sede nel Regno Unito e dal Centro per i diritti umani Al Mezan di Gaza ha evidenziato come “restrizioni soffocanti” e “attacchi militari ripetuti” abbiano danneggiato il sistema medico di Gaza, impedendo “regolarmente” ai pazienti l’accesso a “cure essenziali e potenzialmente salvavita”.

Il rapporto sottolinea che alle apparecchiature e ai componenti medici viene spesso impedito di entrare a Gaza e al personale sanitario viene regolarmente impedito di uscire dall’enclave assediata per l’addestramento.

Molti servizi vitali non sono quindi disponibili all’interno di Gaza, e i pazienti devono essere indirizzati agli ospedali della Cisgiordania occupata, compresa Gerusalemme est occupata, o all’estero. Ma nel 2021, sottolinea il rapporto, il 36% delle oltre 15.000 richieste alle autorità israeliane di permessi di viaggio sanitari sono state respinte, ritardate o non hanno ricevuto risposta.

Gaza, densamente popolata, ospita circa 2,3 milioni di residenti, la maggior parte dei quali vive in condizioni di povertà, secondo la Banca Mondiale.

RELATED ARTICLES

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

ARTICOLI CORRELATI