giovedì, Febbraio 29, 2024
HomeTecnologia"La sorveglianza è più forte di ieri". Edward Snowden, dieci anni dopo...

“La sorveglianza è più forte di ieri”. Edward Snowden, dieci anni dopo le rivelazioni su Nsa e Gchq

In una intervista rilasciata alla Bbc e che trovate in originale in fondo all’articolo, Edward Snowden è tornato a parlare.

Snowden ha avvertito che la tecnologia di sorveglianza attuale è molto più avanzata e invasiva rispetto a quella utilizzata dalle agenzie di intelligence statunitensi e britanniche, che egli stesso ha rivelato nel 2013. In un’intervista per commemorare il decimo anniversario delle sue rivelazioni sulle pratiche di sorveglianza, alcune delle quali illegali, da parte della National Security Agency degli Stati Uniti e dell’agenzia britannica GCHQ, Snowden ha affermato di non provare rimpianti per le sue azioni e ha menzionato cambiamenti positivi avvenuti nel frattempo.

Tuttavia, Snowden si è mostrato preoccupato per le intrusioni nella privacy sia nel mondo fisico che in quello digitale. Ha sottolineato l’enorme influenza che la tecnologia ha assunto, affermando che se consideriamo ciò che è accaduto nel 2013 e le capacità dei governi attuali, allora il 2013 sembra un gioco da ragazzi.

Snowden ha espresso preoccupazione non solo per i pericoli rappresentati dai governi e dalle grandi aziende tecnologiche, ma anche per le telecamere di videosorveglianza in commercio, il riconoscimento facciale, l’intelligenza artificiale e lo spyware invasivo come Pegasus, utilizzato per spiare dissidenti e giornalisti.

Riflettendo sul 2013, Snowden ha detto che ci si fidava del governo affinché non abusasse del potere, ma in realtà è accaduto. Si credeva che le aziende tecnologiche non approfittassero della nostra fiducia, ma anche loro lo hanno fatto. Snowden sostiene che tali abusi potrebbero ripetersi perché è nella natura del potere.

Dal 2013, Snowden vive in esilio in Russia dopo essere fuggito da Hong Kong, dove ha consegnato migliaia di documenti top secret ai giornalisti. Viene criticato per la sua presenza in Russia, anche se sembra essere l’unica opzione realistica per evitare il carcere negli Stati Uniti. Le critiche si sono intensificate a seguito dell’invasione dell’Ucraina e della sua acquisizione della cittadinanza russa l’anno scorso, due anni dopo aver presentato la domanda.

Nonostante la sua difficile situazione personale, Snowden non rimpiange le sue azioni. Negli ultimi due anni, ha ridotto la sua esposizione pubblica, tenendo meno discorsi e ritirandosi dai social media e dalle interviste stampa. Ciò è dovuto anche ai suoi impegni familiari: ha due figli piccoli con sua moglie.

Tuttavia, Snowden è rimasto in contatto con i tre giornalisti che ha incontrato a Hong Kong, incluso l’intervistatore di questa intervista. Questo venerdì segna il decimo anniversario da quando Snowden si è rivelato come la fonte delle fughe di notizie.

Snowden considera l’uso diffuso della crittografia end-to-end come una delle eredità positive delle sue rivelazioni. Le grandi aziende tecnologiche sono state imbarazzate dalle rivelazioni sulla collaborazione con la NSA e sulla condivisione di dati personali.

Quell’imbarazzo si è trasformato in rabbia quando ulteriori informazioni hanno dimostrato che, nonostante questa collaborazione, la NSA aveva sfruttato vulnerabilità backdoor per ottenere dati dalle stesse aziende. In risposta, nonostante l’opposizione delle agenzie governative, le aziende si sono affrettate ad implementare la crittografia end-to-end anni prima di quanto inizialmente previsto.

La crittografia end-to-end, che nel 2013 sembrava un sogno irrealizzabile, è diventata oggi una pratica comune. La grande parte del traffico Internet globale viene ora trasmesso in modo criptato, rappresentando una significativa vittoria per la privacy degli utenti.

Tuttavia, Snowden è preoccupato dai progressi tecnologici che minacciano costantemente la privacy delle persone. Ammette che l’idea che le sue rivelazioni avrebbero immediatamente portato a grandi cambiamenti e a una maggiore protezione della privacy era irrealistica. La difesa della privacy è un processo continuo e richiederà impegno non solo per il resto della nostra vita, ma anche per la vita dei nostri figli e delle generazioni future.

Le agenzie di intelligence negli Stati Uniti e nel Regno Unito riconoscono che il dibattito sulla privacy scaturito dalle rivelazioni di Snowden ha portato alcuni benefici. Tuttavia, sostengono che questi benefici sono controbilanciati dai danni subiti dalle loro capacità operative. Ad esempio, l’MI6 ha dovuto interrompere alcune operazioni di intelligence umana. Inoltre, si lamentano del fatto che la narrazione del 2013 ha dipinto la NSA e il GCHQ come gli unici attori malvagi, ignorando le attività di spionaggio di Russia e Cina sulle reti digitali.

Snowden contesta tali affermazioni, sostenendo che al momento delle sue rivelazioni, nessuno considerava Russia e Cina come paesi “angelici”. Riguardo ai danni causati dalle sue azioni, Snowden sostiene che le agenzie non sono mai riuscite a fornire prove concrete.

Mentre è possibile che ci siano state interruzioni o danni, afferma che non è accaduto il “crollo del cielo” che alcuni sostenevano sarebbe stato l’effetto immediato delle sue rivelazioni.

Nonostante le controversie che lo circondano, Edward Snowden continua a far sentire la sua voce sul tema della privacy e della sorveglianza. Ritiene che il suo ruolo sia stato importante nel sollevare consapevolezza sulle pratiche invasive e nel promuovere una maggiore protezione della privacy delle persone. La sua lotta per il diritto alla privacy continua ad essere una questione rilevante nella società digitale odierna.

Cliccando sulla foto sarete ridiretti alla pagina della Bbc da cui ascoltare l’intervista in inglese

RELATED ARTICLES

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

ARTICOLI CORRELATI