venerdì, Aprile 19, 2024
HomeTecnologiaLa Tesla di Elon Musk condannata a un risarcimento per razzismo al...

La Tesla di Elon Musk condannata a un risarcimento per razzismo al suo interno

La casa automobilistica Tesla è stata condannata da un tribunale statunitense a pagare a un ex dipendente 3,2 milioni di dollari per molestie razziali incontrollate nel suo stabilimento in California. La giuria ha assegnato a Owen Diaz, un uomo afroamericano che lavorava come ascensorista, i danni per crudeltà mentale, secondo il verdetto di lunedì.

A Diaz erano già stati assegnati 137 milioni di dollari da un altro tribunale nel 2021. Il giudice in un nuovo processo ha sostenuto che la somma era eccessiva. Diaz ha quindi rifiutato il risarcimento ridotto a 15 milioni di dollari. Infine si è arrivati alla sentenza di lunedì scorso. “E’ il massimo risarcimento rispetto alle prove che hanno supportato le accuse di Diaz”, ha detto il giudice, che ha anche definite “inquietanti” le azioni di razzismo all’interno di Tesla.

Il Ceo di Tesla, Elon Musk, ha affermato che Diaz non avrebbe ricevuto nessun risarcimento se il giudice avesse ammesso nuove prove presentate dalla società, ma ha annunciato che queste prove verranno ripresentate in appello. “La giuria ha sfruttato al meglio le informazioni di cui disponeva. Rispetto la decisione”, ha dichiarato Musk al termine del processo. L’azienda ha affermato che non tollererà la discriminazione sul posto di lavoro e prenderà sul serio i reclami dei dipendenti.

Diaz aveva accusato Tesla di inerzia nel 2017 quando si è ripetutamente lamentato con i dirigenti che i dipendenti dello stabilimento di Fremont usavano abitualmente un linguaggio razzista e svastiche imbrattate, caricature razziste e commenti sui muri nella sua area di lavoro.

La legge della California richiede ai datori di lavoro di adottare “misure ragionevoli” per affrontare comportamenti illeciti sul posto di lavoro, comprese le molestie basate su razza e genere. Gli avvocati di Tesla, nel frattempo, hanno descritto Diaz come conflittuale ed esagerato.

Il caso di Diaz è solo uno tra le numerose denunce contro Tesla relative a un ambiente di lavoro ostile, sebbene Tesla abbia negato qualsiasi illecito.

Una ex dipendente ha citato in giudizio l’azienda per molestie sessuali. Lo scorso giugno, 15 dipendenti, alcuni ancora all’interno altri licenziati in precedenza, hanno intentato un’azione legale collettiva in un tribunale dello stato della California, sostenendo di essere stati regolarmente soggetti a un trattamento razzista.

I licenziati hanno hanno anche aggiunto di essere stati espulsi ingiustamente dopo aver tentato di organizzare sindacalmente i lavoratori dello stabilimento.

by jurvetson

RELATED ARTICLES

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

ARTICOLI CORRELATI