mercoledì, Luglio 17, 2024
HomeTecnologiaLa transizione energetica equa e solidale e il progetto Sun4All

La transizione energetica equa e solidale e il progetto Sun4All

Il 10 luglio si terrà l’evento conclusivo di Sun4All, un’iniziativa finanziata dal programma europeo Horizon 2020, volta a rendere l’energia rinnovabile accessibile a tutte le famiglie attraverso la creazione di Comunità Energetiche Rinnovabili Solidali. Questo progetto promuove una transizione energetica inclusiva verso l’energia pulita in Europa.

L’Italia ha partecipato con due partner chiave: il Dipartimento delle Politiche Sociali e Salute di Roma Capitale e il Centro di Ricerca Interdipartimentale Territorio Edilizia Restauro Ambiente (CITERA) dell’Università Sapienza di Roma. A Roma, 200 famiglie in 10 diversi quartieri sono state coinvolte nella sperimentazione, grazie al sostegno del Forum del Terzo Settore del Lazio.

L’evento di chiusura si svolgerà presso la Sala David Sassoli di Palazzo Valentini, dalle 9 alle 12.30.

I numeri di Sun4All raccontano l’impatto del progetto: 200 famiglie coinvolte in 10 quartieri, 30 seminari, 2 visite a impianti fotovoltaici, 2 webinar per i beneficiari e 2 per gli operatori del settore, un convegno di coordinamento con gli stakeholder, e 40mila euro di benefit distribuiti ai partecipanti. Questi dati riflettono l’impegno verso una transizione energetica equa e solidale, che coinvolge politici, amministratori, accademici e il terzo settore.

A Roma, più di 100.000 famiglie vivono in condizioni di povertà energetica, secondo la definizione della Energy Efficiency Directive, non avendo accesso a servizi energetici essenziali come riscaldamento, raffrescamento, illuminazione e acqua calda. La città è stata scelta come una delle quattro pilota del progetto Sun4All, insieme a Almada (Portogallo), Barcellona (Spagna) e la comunità dei comuni Cœur de Savoie (Francia). Queste città hanno ospitato attività di formazione e tutoraggio per creare comunità energetiche solidali con un forte legame locale.

L’evento di chiusura approfondirà temi cruciali come la relazione tra vulnerabilità sociale e transizione energetica a Roma, l’incidenza della povertà energetica, la giustizia ambientale, l’impatto sociale delle comunità energetiche solidali e il microcredito.

Francesca Danese, portavoce del Forum del Terzo Settore Lazio, ha sottolineato l’importanza di coinvolgere le organizzazioni locali per aumentare l’efficacia dei progetti: “Il supporto del Forum del Terzo Settore Lazio è stato fondamentale per coinvolgere la società civile e le famiglie a basso reddito, andando oltre le semplici procedure seminariali di alfabetizzazione energetica. La povertà energetica è solo uno degli aspetti della vulnerabilità in questa fase di crisi economica. Abbiamo imparato che la transizione energetica deve anche ricucire i tessuti sociali. Ora servono ulteriori passi per trasformare queste comunità in vere e proprie comunità energetiche.”

L’iniziativa ha visto il contributo di diverse associazioni locali, tra cui la Fondazione Internazionale Don Luigi Di Liegro ETS, l’Odv Nonna Roma, l’associazione La Nuova Arca, la Casa Famiglia Lodovico Pavoni, Eudecoop di Corviale, Aurelio in Comune, l’associazione Corviale Domani, la CRI di Roma, PRO.DO.C.S., l’associazione internazionale K. Woitila, la coop Nuove Risposte e la Fondazione G.B. Baroni. Queste organizzazioni hanno giocato un ruolo cruciale nel sensibilizzare e supportare le comunità coinvolte.

L’evento del 10 luglio rappresenterà un momento di riflessione e celebrazione dei risultati ottenuti, ma anche un punto di partenza per ulteriori sviluppi nella costruzione di una transizione energetica che sia veramente inclusiva e sostenibile per tutti.

RELATED ARTICLES

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

ARTICOLI CORRELATI