giovedì, Luglio 18, 2024
HomeCulturaLa vaccinazione contro l'HPV in Tanzania, esempio della discriminazione verso i paesi...

La vaccinazione contro l’HPV in Tanzania, esempio della discriminazione verso i paesi poveri

In Tanzania, la vaccinazione contro l’HPV (papillomavirus umano) è stata oggetto di sfide legate a disinformazione, disagio culturale e religioso, nonché ostacoli logistici e di approvvigionamento. Mentre il vaccino viene somministrato alle adolescenti negli Stati Uniti e in altri paesi da quasi 20 anni, solo di recente è stato introdotto ampiamente nei paesi a basso reddito, che rappresentano il 90% dei decessi per cancro cervicale.

La fornitura limitata del vaccino è stata un problema significativo. Gavi, un’organizzazione che fornisce vaccini alle nazioni a basso reddito, aveva pianificato programmi di vaccinazione in diversi paesi nel 2018, ma ha avuto difficoltà a ottenere le dosi necessarie. I produttori di vaccini hanno rivolto la loro attenzione ai mercati dei paesi ad alto reddito, lasciando poche scorte per i paesi in via di sviluppo.

La Tanzania ha scelto di focalizzarsi sulle quattordicenni, ritenendo che fossero più propense a iniziare l’attività sessuale. Tuttavia, la vaccinazione delle adolescenti richiede un lavoro di persuasione non solo nei confronti delle ragazze stesse, ma anche dei genitori. In un contesto culturale in cui il sesso è un argomento delicato, la disinformazione si è diffusa attraverso i social media, portando a preoccupazioni che il vaccino potesse essere un mezzo per il controllo delle nascite.

La pandemia di Covid-19 ha ulteriormente complicato la campagna di vaccinazione contro l’HPV, interrompendo i sistemi sanitari e creando un’ulteriore esitazione nei confronti del vaccino. Inoltre, la vaccinazione basata sulle scuole ha incontrato sfide, poiché molte ragazze hanno lasciato la scuola prima del ritorno degli operatori sanitari per la seconda dose.

Tuttavia, nonostante le sfide, la Tanzania è riuscita a vaccinare quasi tre quarti delle sue ragazze di 14 anni con una prima dose nel 2021. Il raggiungimento della seconda dose è stato più difficile, con solo il 57% che l’ha ricevuta sei mesi dopo. Questa situazione si verifica anche in molti altri paesi subsahariani che hanno iniziato la vaccinazione contro l’HPV.

Per affrontare queste sfide, l’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) ha raccomandato di passare a una campagna a dose singola nel 2022. Inoltre, si sta lavorando per rendere l’HPV un vaccino di routine offerto nei centri sanitari anziché nelle scuole, il che richiederà un significativo sforzo di educazione pubblica.

Nonostante le iniziali resistenze e disinformazioni, la fornitura del vaccino sta aumentando e nuove versioni del vaccino sono disponibili sul mercato e Paesi popolosi come Indonesia, Nigeria, India, Etiopia e Bangladesh stanno pianificando di introdurlo.

La campagna di vaccinazione contro l’HPV nella Tanzania illustra le sfide che i paesi a basso reddito devono affrontare nell’implementazione di interventi sanitari critici come questo. Molti paesi africani hanno incontrato ostacoli nella fornitura del vaccino a causa di problemi di approvvigionamento e costi elevati. Tuttavia, progressi significativi sono stati compiuti, e la Tanzania ha raggiunto quasi il 75% di copertura con la prima dose del vaccino per le ragazze di 14 anni, superando gli Stati Uniti in termini di velocità di implementazione.

Tuttavia, rimangono ancora delle questioni da affrontare. È necessario continuare l’educazione pubblica e sostenuta per contrastare la disinformazione e convincere le persone dell’importanza del vaccino HPV. Potrebbero essere considerate soluzioni come passare a una campagna monodose e rendere il vaccino parte dei programmi di vaccinazione di routine offerti nei centri sanitari anziché nelle scuole.

by Ilo Photos News

RELATED ARTICLES

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

ARTICOLI CORRELATI