mercoledì, Luglio 17, 2024
HomeCulturaL'accaparramento delle terre in Africa che schiaccia gli agricoltori

L’accaparramento delle terre in Africa che schiaccia gli agricoltori

Negli ultimi anni, l’Africa è diventata il centro di una tendenza preoccupante: l’accaparramento delle terre. La crisi finanziaria globale del 2007-2008 ha innescato una massiccia ondata di land grabbing in Africa e nel mondo.

Sebbene la crisi economica sia passata, la pressione sulle terre agricole non si è mai allentata. Ora, quindici anni dopo, i prezzi globali dei terreni sono raddoppiati, e l’accaparramento delle terre è tornato in modo prepotente, schiacciando gli agricoltori da tutte le parti.

Un rapporto di IPES-Food mostra che questa pressione sulla terra si intensifica in nuove forme, tra cui programmi di compensazione del carbonio e della biodiversità, finanziarizzazione, speculazione, accaparramento delle risorse, espansione mineraria e mega-sviluppi, e sistemi alimentari industriali.

Questa nuova corsa alla terra sta espropriando piccoli agricoltori, popolazioni indigene, pastori e comunità rurali, compromettendo la loro capacità di gestire la terra. Le conseguenze sono devastanti: aumento della povertà rurale, insicurezza alimentare e ineguaglianza fondiaria, minacciando il futuro dell’agricoltura su piccola scala.

La terra è il fondamento dei nostri sistemi alimentari, non una semplice merce. Essa sostiene culture, mezzi di sussistenza e tradizioni di milioni di africani, oltre ad ospitare biodiversità.

Tuttavia, secondo la Land Matrix Initiative, l’Africa è al centro della crisi del land grabbing nel Sud del mondo, con quasi 1.000 accordi su larga scala registrati dal 2000. Il Mozambico è il più colpito, seguito da Etiopia, Camerun e Repubblica Democratica del Congo.

Questa corsa alla terra non riguarda solo l’agricoltura. È alimentata anche da “green grab”, in cui governi e multinazionali acquisiscono terreni per piantagioni di alberi, sequestro del carbonio e progetti di biocarburanti, spesso a danno delle comunità locali.

Queste iniziative, presentate come ecologiche, finiscono per spostare il peso della riduzione delle emissioni di carbonio sul Sud del mondo, danneggiando chi è già più colpito dal cambiamento climatico.

Ad esempio, Blue Carbon, un’azienda sostenuta dalla famiglia reale di Dubai, ha acquisito circa 25 milioni di ettari di terra africana per commerciare compensazioni di carbonio, colpendo comunità in Zimbabwe, Liberia, Kenya, Tanzania e Zambia.

Wikimedia Commons

In Kenya, circa 700 membri del popolo Ogiek sono stati trasferiti forzatamente, mentre in Liberia i leader locali lamentano la mancanza di consultazione.

L’invasione della terra da parte di attività minerarie, urbanizzazioni e mega-insediamenti è dilagante. Terreni agricoli privilegiati sono persi a causa dell’urbanizzazione e di progetti infrastrutturali su larga scala, portando alla degradazione e alla perdita di biodiversità.

Questa situazione minaccia anche la sicurezza alimentare. Un rapporto del 2018 evidenzia come gli accordi fondiari su larga scala in Etiopia e Ghana costringano i piccoli agricoltori a diventare lavoratori salariati, riducendo la loro capacità di autosufficienza alimentare.

Circa il 90% di questi accordi spostano i terreni dalla produzione alimentare locale a quella di biocarburanti, colture per l’esportazione o compensazioni di carbonio.

La crisi della terra è una lotta per la giustizia e la sopravvivenza. È urgente una governance fondiaria equa e sostenibile in tutta l’Africa. I politici devono proteggere le comunità locali e includerle nella mitigazione del cambiamento climatico e nella protezione della biodiversità, aiutandole a gestire il territorio anziché espropriarle.

Le soluzioni includono: rimuovere il capitale speculativo dai mercati fondiari, inserire il diritto alla terra nelle costituzioni nazionali e nelle politiche agricole e ambientali, e stabilire una governance inclusiva della terra.

Le comunità locali devono essere al centro della gestione del territorio per raggiungere gli obiettivi globali di biodiversità e sicurezza alimentare. Solo con azioni coraggiose e una leadership decisa si può garantire un accesso equo alla terra, salvaguardando un futuro sostenibile per tutti gli africani.

Pixabay Content License
RELATED ARTICLES

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

ARTICOLI CORRELATI