giovedì, Luglio 18, 2024
HomeMondoL'accordo tra Arabia Saudita e Iran mediato dalla Cina cambierà le dinamiche...

L’accordo tra Arabia Saudita e Iran mediato dalla Cina cambierà le dinamiche in Medioriente

L’accordo mediato dalla Cina tra Riyadh e Teheran che prevede il ristabilimento delle relazioni diplomatiche tra due ex nemici giurati – un accordo che ha colto tutti di sorpresa – potrebbe avere ripercussioni di vasta portata, come la fine della guerra per procura tra i due paesi nello Yemen e potrebbe persino cambiare le dinamiche in Medio Oriente.

L’accordo è estremamente significativo, perché è la prima volta che la Cina interviene in modo così drammatico ed efficace negli affari del Medio Oriente e perché arriva in un momento in cui gli Stati Uniti stavano cercando, aumentando la pressione su Teheran, di spingere l’Arabia Saudita a stabilire relazioni diplomatiche con Israele.

Indebolisce anche la diplomazia statunitense in Medio Oriente e infrange i sogni israeliani di formare un’alleanza araba contro Teheran.

Il 10 marzo è stato annunciato che Iran e Arabia Saudita, con la mediazione della Cina, si sono accordati per ristabilire le relazioni diplomatiche e riaprire le loro ambasciate entro due mesi. I Ministri degli Esteri dei due Paesi si incontreranno presto per preparare l’incontro degli ambasciatori.

È stato riferito che l’accordo rilascerà anche un accordo di cooperazione sulla sicurezza, nonché altri accordi firmati in passato tra i due paesi.

Una dichiarazione rilasciata dopo l’accordo afferma che l’Arabia Saudita e l’Iran hanno affermato il loro “rispetto per la sovranità degli Stati e la non interferenza negli affari interni degli Stati”.

Va ricordato che l’Iraq e l’Oman in passato avevano compiuto diversi sforzi per avvicinare le due parti e senza dubbio hanno facilitato il raggiungimento finale del riavvicinamento tra Iran e Arabia Saudita, mediato dalla Cina.

L’Arabia Saudita e l’Iran hanno interrotto le relazioni diplomatiche nel 2016 quando i manifestanti iraniani hanno bruciato l’ambasciata saudita a Teheran, in seguito all’esecuzione da parte dei sauditi dell’importante religioso sciita Nimr-al-Nimr. Da allora, Riyadh e Teheran sono ai ferri corti a causa della sanguinosa guerra in Yemen, in cui sostengono schieramenti diversi.

L’Iran ha sostenuto gli insorti sciiti Houthi, che controllano 12 province dello Yemen, mentre l’Arabia Saudita sostiene il governo del presidente sunnita Abdul Rabbu Mansur Hadi, con sede ad Aden. La guerra ha creato una delle peggiori crisi umanitarie al mondo con oltre 233 mila morti, circa 17 milioni di persone gravemente denutrite e 4,3 milioni di sfollati interni.

Secondo un rapporto del Wall Street Journal, come parte dell’accordo mediato dalla Cina, l’Iran smetterà di inviare armi ai suoi alleati Houthi.

Si spera che l’accordo tra Teheran e Riyad possa portare a un cessate il fuoco nello Yemen, ma non è affatto sicuro che metterà fine alla guerra civile nel Paese.

Come sottolinea Elizabeth Kendal, esperta di Yemen: “Anche se i sauditi e gli Houthi raggiungessero un accordo di pace, rimarrebbero vari attori interni ed è probabile che scoppino serie controversie su chi controlla il potere nello Yemen, in particolare nel sud dove i separatisti meridionali continuano a spingere per uno stato indipendente”.

Altre notizie di stampa affermano che l’accordo include disposizioni per la fine degli attacchi contro obiettivi sauditi, come l’attacco di droni contro un impianto petrolifero Aramco ad Abqaiq nel 2019, mentre l’Arabia Saudita interromperà la sua propaganda contro il governo iraniano trasmessa dall’agenzia londinese canale satellitare Iran International News Service.

Se alcuni ostacoli rimanenti verranno rimossi, il ripristino delle relazioni tra Riyadh e Teheran avrà ripercussioni di vasta portata in Medio Oriente, oltre a interessare diversi paesi e potrebbe costringere al cambiamento di politiche radicate.

La politica principale che dovrà cambiare o almeno essere ricalibrata è la politica degli Stati Uniti e di Israele per convincere altri paesi a isolare l’Iran. Mentre l’Arabia Saudita, il più forte oppositore dell’Iran in Medio Oriente, ristabilisce le relazioni con Teheran, sarebbe molto difficile convincere altri paesi della regione a interrompere i loro legami economici e di altro tipo con l’Iran.

Inoltre, invece di vedere paesi che riducono il commercio con Teheran, potremmo vedere l’Arabia Saudita investire miliardi di dollari in Iran, puntellando in questo modo, non isolando, la teocrazia iraniana.

Mentre la percezione generale in Medio Oriente è che gli Stati Uniti si stiano gradualmente ritirando dalla regione e il presidente Joe Biden stia cercando di convincere i leader del Medio Oriente che ciò non è vero, la Cina è intervenuta con forza e dinamicità e ha dimostrato di essere in grado di sostituire gli Stati Uniti come la maggiore potenza mondiale che decide nella regione.

Indubbiamente, l’accordo raggiunto tra Arabia Saudita e Iran è il più grande successo della diplomazia cinese in Medio Oriente, mostrando a tutti che Pechino è ora pronta a intervenire con forza per risolvere i problemi internazionali, ma senza esercitare pressioni sui governi su questioni di democrazia o diritti umani , come spesso fa l’Amministrazione statunitense, con risultati scarsi o negativi.

La Cina è già il principale partner commerciale dell’Arabia Saudita, superando sia gli Stati Uniti che l’UE. Inoltre, è in grado di fornire la tecnologia che il Regno vuole acquisire, in particolare nella costruzione di centrali nucleari e fabbriche di missili, senza le condizioni imposte dal Congresso degli Stati Uniti.

Secondo notizie di stampa, il governo saudita in passato ha indicato che l’assistenza degli Stati Uniti nella costruzione di centrali nucleari era una condizione preliminare per Riyadh riguardo a qualsiasi piano statunitense per la normalizzazione delle sue relazioni con Israele. Tuttavia, una cosa del genere ora sembra essere fuori dalle carte, poiché il Regno otterrà dalla Cina le competenze tecniche e le attrezzature necessarie per gli impianti e i sauditi possono ora, senza subire ripercussioni, rifiutarsi di riconoscere Israele.

È evidente da quanto sopra che l’accordo raggiunto tra l’Arabia Saudita e l’Iran influenzerà le relazioni statali in Medio Oriente e altrove ed è indicativo della ritrovata determinazione della Cina a intervenire e mediare i problemi internazionali.

Come sottolinea il giornalista di Haaretz Zvi Bar’el: “Il drammatico annuncio (sul ripristino delle relazioni) rischia di ridisegnare la mappa regionale di amici e nemici e avrà ripercussioni globali. L’accordo fornisce all’Iran la legittimità tanto necessaria nel mondo arabo e potrebbe portare a ulteriori accordi con stati arabi come l’Egitto, aprire la strada alla fine della guerra nello Yemen, offrire una soluzione praticabile alla crisi in Libano e persino portare a una ripresa dei negoziati per salvare l’accordo sul nucleare”.

by khalid Albaih

RELATED ARTICLES

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

ARTICOLI CORRELATI