giovedì, Febbraio 29, 2024
HomeMondoL'Angola, il petrolio e la fame per un terzo dei suoi cittadini

L’Angola, il petrolio e la fame per un terzo dei suoi cittadini

L’Angola sta intraprendendo ambiziose riforme per promuovere la diversificazione economica, l’inclusione sociale e la resilienza climatica. In questo contesto, la Banca mondiale si è impegnata a mitigare gli impatti sociali di tali riforme attraverso il primo Prestito per la politica di sviluppo della diversificazione (DPL) per l’Angola, mirato a promuovere una crescita verde, resiliente e inclusiva.

Nonostante l’Angola sia uno dei principali produttori di petrolio dell’Africa subsahariana, la sua dipendenza dal settore petrolifero rende l’economia vulnerabile agli shock esterni, limita la crescita di settori non petroliferi e crea pochi posti di lavoro. Attualmente, circa un terzo dei 34 milioni di abitanti dell’Angola vive con meno di 2,15 dollari al giorno (parità di potere d’acquisto nel 2017), che corrisponde a 11,7 milioni di persone nel 2023.

I sussidi artificialmente bassi sui combustibili fossili in Angola hanno comportato costi di circa 3,1 miliardi di dollari per il governo nel 2022, impedendo gli investimenti necessari nel capitale umano e fisico del paese.

Come parte del piano del governo per diversificare l’economia e renderla più verde, resiliente e inclusiva, è stata pianificata la graduale rimozione dei sussidi ai combustibili fossili, mitigando gli impatti sulle famiglie più vulnerabili. Il Prestito per la politica di sviluppo della diversificazione (DPL) da 500 milioni di dollari fornito dalla Banca mondiale sostiene questo programma, offrendo finanziamenti all’Angola per mitigare gli impatti sociali, specialmente in un momento in cui un aumento dei prezzi della benzina dell’87% sta causando difficoltà e un aumento dell’inflazione.

“Questo finanziamento sosterrà gli sforzi del governo per ridurre gli impatti sociali derivanti dalla rimozione dei sussidi sui carburanti”, ha dichiarato Juan Carlos Alvarez, Country Manager della Banca mondiale per l’Angola. “La riforma porterà infine a risparmi che possono essere investiti in programmi sanitari, educativi e di protezione sociale, migliorando l’accesso alle opportunità per la popolazione angolana”.

Il finanziamento DPL si concentra su tre pilastri chiave per supportare l’agenda dell’Angola:

Riduzione delle distorsioni economiche e rafforzamento della resilienza fiscale e finanziaria del paese attraverso la correzione dei prezzi dei carburanti, il miglioramento delle normative nel settore petrolifero, il rafforzamento della resilienza fiscale e finanziaria e un migliore controllo e responsabilità delle imprese statali.

Rafforzamento dell’inclusione sociale mitigando gli impatti della riforma dei sussidi e migliorando l’equità e l’accesso ai trasporti pubblici urbani attraverso un sostegno mirato alle aree rurali dell’Angola a partire da maggio 2023. Le politiche supportate dal DPL mirano ad aumentare la portata e l’entità di questo sostegno, espandendo il programma Kwenda per includere almeno 1,6 milioni di famiglie entro il 2025. Questo rappresenta il primo passo verso l’istituzione di un sistema di rete di sicurezza adattativo che permetta alle famiglie vulnerabili di affrontare gli shock climatici ed economici.

Miglioramento dei mercati e delle infrastrutture per costruire la resilienza climatica, attraverso un aumento degli investimenti nell’accesso e nella trasmissione dell’elettricità, un miglioramento della regolamentazione delle risorse idriche e dei servizi pubblici, un approfondimento dei mercati assicurativi per sostenere la resilienza climatica e la crescita nel settore agricolo, nonché la riduzione delle emissioni di gas serra derivanti dalle operazioni di petrolio e gas.

Attraverso il Prestito per la politica di sviluppo della diversificazione (DPL), la Banca mondiale sostiene l’Angola nel perseguire una crescita economica più sostenibile, inclusiva e resiliente. L’obiettivo è quello di diversificare l’economia, ridurre la dipendenza dal settore petrolifero e migliorare le condizioni di vita della popolazione angolana, con particolare attenzione alle fasce più vulnerabili della società. La collaborazione tra l’Angola e la Banca mondiale è fondamentale per affrontare le sfide socioeconomiche del paese e costruire un futuro più prospero e sostenibile.

by wilsonbentos
RELATED ARTICLES

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

ARTICOLI CORRELATI