giovedì, Febbraio 29, 2024
HomeNotizieLe fabbriche più inquinanti della Germania

Le fabbriche più inquinanti della Germania

Il primato del peggio spetta alle acciaierie Thyssenkrupp di Duisburg: l’impianto ha emesso lo scorso anno 7,9 milioni di tonnellate di CO 2 . Ciò corrisponde all’uno percento delle emissioni totali di anidride carbonica della Germania o alle emissioni di 790.000 cittadini medi.

Uno studio presentato martedì stila una classifica dei 30 impianti industriali a più ad alta intensità di CO 2 in Germania . E’ un lavoro che l’Öko-Institut ha creato per conto del WWF. Insieme, gli stabilimenti sono responsabili di quasi un terzo delle emissioni industriali e dell’8% delle emissioni della Germania.

Secondo lo studio, i primi 13 posti appartengono agli impianti “più sporchi” per la produzione di ferro e acciaio, come ad esempio presso la fonderia Thyssenkrupp di Duisburg.

Seguono Hüttenwerke Glocke Duisburg di Krupp Mannesmann, la produzione di ghisa a Dillingen di Rogesa Roheisengesellschaft Saar nel Saarland, la Glocke Salzgitter di Salzgitter Flachstahl e la centrale elettrica di Hallendorf di Salzgitter Flachstahl. Le emissioni di CO 2 sono elevate anche nell’industria del cemento e chimica, ad esempio nella cementeria di Rüdersdorf vicino a Berlino.

In Germania, solo il settore energetico emette più gas serra dell’industria. “Il settore industriale è un peso massimo quando si tratta di emissioni di CO 2 e quindi anche quando si tratta di protezione del clima. Trasformarlo è uno dei compiti più importanti per la politica e gli affari”, ha spiegato Viviane Raddatz, responsabile clima del WWF Germania. “Sfortunatamente, questo compito non è stato ancora affrontato strutturalmente”.

Infatti , l’effetto dello scambio di quote di emissione è stato notevolmente ridotto attraverso l’assegnazione di certificati di CO 2 gratuiti ad alcuni rami dell’industria: “Il segnale del prezzo della CO 2 è stato indebolito e l’incentivo a passare a processi e tecnologie rispettosi del clima è svanito”, spiegò Raddatz. Ora è stato concordato che l’assegnazione gratuita scadrà entro il 2034, ma è troppo tardi, ha criticato.

Nell’ultimo anno, le emissioni dell’industria sono diminuite in modo significativo , ma ciò è stato principalmente dovuto alla crisi energetica, che ha portato alla riduzione della produzione.

by jonrawlinson
RELATED ARTICLES

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

ARTICOLI CORRELATI