domenica, Giugno 16, 2024
HomeMondoL'Egitto aumenta del 300% il prezzo del pane. Timori di proteste

L’Egitto aumenta del 300% il prezzo del pane. Timori di proteste

Il primo ministro Mostafa Madbouly ha dichiarato mercoledì che l’Egitto aumenterà del 300% il prezzo del pane sovvenzionato dallo Stato a partire dal prossimo giugno, portando a un significativo impatto su decine di milioni di individui svantaggiati.

Secondo il ministro dell’Approvvigionamento Ali Moselhy, il pane sovvenzionato, che attualmente costa cinque piastre (la sterlina egiziana è divisa in 100 piastre), vedrà un aumento fino a 20 piastre, rappresentando ora il 16% del costo complessivo di 125 piastre per la sua produzione.

Questo cambiamento colpirà circa 65 milioni di egiziani, che dipendono pesantemente dal pane come principale fonte alimentare, secondo le osservazioni dell’analista economico Maged Mandour.

Mandour ha previsto che questo aumento potrebbe generare un impatto più significativo rispetto all’incremento generale dei prezzi alimentari, portando a una rapida escalation dei tassi di povertà, che già stanno crescendo costantemente.

L’aumento dei costi del pane ha sempre rappresentato un punto delicato in Egitto, spesso scatenando proteste a livello nazionale. I prezzi del pane sono rimasti immutati dal lontano 1988, e tentativi passati di modificarli hanno spesso scatenato rivolte fatali.

Il motto “Pane, libertà, giustizia sociale” è stato il grido di battaglia della rivoluzione egiziana del 2011, che ha portato alla caduta del presidente Hosni Mubarak. Madbouly ha sottolineato la necessità di questo cambiamento, sottolineando che l’Egitto produce annualmente 100 miliardi di pani sovvenzionati, mentre i costi di produzione sono in costante aumento.

Si stima che questa politica genererà entrate per circa 5 miliardi di sterline egiziane.

L’Egitto ha subito una significativa svalutazione della sua valuta nazionale, con una perdita di oltre il 35% del suo valore dal momento in cui il governo ha optato per la fluttuazione della valuta a marzo, in conformità con le condizioni stabilite dal Fondo Monetario Internazionale per il salvataggio economico.

“Protesters and Police Clash By Egyptian Institute off Kasr El Aini Street – 17 December 2011” by alisdare1 is licensed under CC BY-SA 2.0.

Prima della svalutazione, l’inflazione annuale dei prezzi al consumo era al 35,7% nel mese di febbraio, e si prevede che aumenterà notevolmente dopo marzo.

Secondo le stime della Banca Mondiale, circa il 29,7% della popolazione egiziana era già in condizioni di povertà nel 2019, prima della crisi attuale.

Questa decisione segue le direttive del presidente Abdel Fattah el-Sisi di alleggerire il peso sul bilancio statale. Sisi ha annunciato la scorsa settimana che i sussidi attuali costano circa 130 miliardi di sterline, sebbene questo dato sia stato contestato dalle statistiche ufficiali del ministero delle Finanze.

Anche se i prezzi del pane sono rimasti stabili per decenni, le dimensioni delle pagnotte sovvenzionate sono gradualmente diminuite, passando da 150 grammi a 90 grammi.

Mostafa Mohamed, un padre di sei figli e direttore di una fabbrica, ha notato che il pane sovvenzionato era già diminuito in dimensioni e aumentato di prezzo prima di questa decisione.

Ha evidenziato le difficoltà che lui e la sua famiglia stanno affrontando nel reperire cibo, con il costo della carne diventato proibitivo per molti.

Questo aumento dei prezzi sta colpendo duramente anche i lavoratori a basso reddito, che ora si affidano principalmente a pane, patate e fave per il sostentamento.

La decisione sembra essere stata presa per affrontare la crisi del debito e per trovare risorse per bilanciare il deficit statale cronico. Mandour ha criticato il governo per trasferire il costo della crisi sui più vulnerabili e sulla classe media.

Il debito estero dell’Egitto è quadruplicato durante i 10 anni di presidenza di Sisi, raggiungendo i 164 miliardi di dollari. Questa crisi è stata attribuita a vari fattori, tra cui la pandemia di Covid-19 e le spese eccessive del governo in megaprogetti e accordi di armi.

Con un accordo di salvataggio dell’FMI e altri accordi di investimento, si prevede che il costo della vita in Egitto continuerà ad aumentare, mettendo ulteriormente a dura prova la popolazione egiziana.

“President Abdel Fattah Al-Sisi of Egypt speaking at the UK-Africa Investment Summit” by DFID – UK Department for International Development is licensed under CC BY 2.0.
RELATED ARTICLES

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

ARTICOLI CORRELATI