venerdì, Febbraio 3, 2023
HomeMondoL'esercito del Congo supporta i gruppi armati che commettono abusi sui civili...

L’esercito del Congo supporta i gruppi armati che commettono abusi sui civili nel North Kivu

Mentre è in corso una grande offensiva nell’est del Congo da parte del gruppo armato M23, che il presidente Félix Tshisekedi ha accusato di essere sostenuto dal Ruanda, il governo della Repubblica Democratica del Congo esclude di fare ricorso per riportare l’ordine nell’area a una società di contractors russi.

Alla fine di agosto il ministro della Difesa Gilbert Kabanda aveva effettuato una visita diplomatica a Mosca e in quell’occasione era circolata la voce di aver contattato una compagnia di sicurezza privata russa, il Wagner Group, compagnia militare privata fondata da Yevgeny Prigozhin, alleato del presidente russo Vladimir Putin, accusata di violazioni dei diritti umani in Mali e nella Repubblica Centrafricana, che confina con la Repubblica Democratica del Congo.

La milizia M23, inattiva da un decennio, ha ripreso a combattere lo scorso novembre in seguito al fallimento degli accordi di pace del 2013 e ha condotto un’offensiva nel Congo orientale, ricco di risorse, causando morti e sfollamenti di massa. Ma il gruppo ribelle è soltanto uno tra gli oltre cento che saccheggiano la zona, ricca di oro e coltan, un minerale fondamentale per la produzione di dispositivi elettronici.

Secondo Human Rights Watch, l’organizzazione per i diritti umani, tra maggio e agosto 2022 l’esercito congolese, con una coalizione di milizie congolesi e le Forze democratiche per la liberazione del Ruanda, ha combattuto contro i ribelli M23 nella provincia del Nord Kivu. A volte, alcuni ufficiali dell’esercito congolese hanno fornito supporto diretto ai gruppi armati.

“Le unità dell’esercito congolese stanno nuovamente ricorrendo alla pratica screditata e dannosa di utilizzare gruppi armati abusivi come loro delegati”, ha affermato Thomas Fessy, ricercatore senior del Congo presso Human Rights Watch. “Il governo congolese dovrebbe porre fine a questo sostegno, che porta alla complicità militare negli abusi, identificare gli ufficiali responsabili e incriminarli”.

La situazione umanitaria nel territorio di Rutshuru, nel Nord Kivu, rimane critica, aggiungendosi a una situazione già disastrosa nell’est del Congo. Nell’ultimo anno, gruppi armati e, a volte, soldati del governo hanno commesso abusi diffusi, tra cui uccisioni illegali, violenze sessuali e furti, causando il deterioramento della situazione della sicurezza.

Human Rights Watch ha ricevuto informazioni credibili secondo cui i membri dell’esercito congolese del 3411° reggimento di Tokolonga hanno fornito più di una dozzina di scatole di munizioni ai combattenti delle FDLR a Kazaroho, una delle loro roccaforti nel Parco Nazionale di Virunga, il 21 luglio. Due mesi prima, dozzine di paramilitari delle FDLR e combattenti del CMC/FDP hanno preso parte a una grande controffensiva con i soldati del governo nell’area intorno a Rumangabo e Rugari.

In un rapporto inedito di luglio presentato al Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite, arrivato nelle mani dei media, il Gruppo di esperti delle Nazioni Unite sul Congo ha rilevato che il 30 maggio un comandante anziano dell’APCLS “ha incontrato un comandante del 34016° reggimento a Kitchanga e ha ricevuto armi, munizioni e generi alimentari”. Gli investigatori hanno affermato che “i membri della coalizione dei gruppi armati hanno ricevuto armi e munizioni da alcuni membri dell’esercito congolese in diverse occasioni”.

Human Rights Watch ha anche documentato diversi altri casi di abusi contro civili, tra cui almeno tre omicidi da parte di combattenti delle FDLR a maggio e luglio e due casi di stupro da parte di soldati congolesi a luglio.

RELATED ARTICLES

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

ARTICOLI CORRELATI