venerdì, Febbraio 3, 2023
HomeMondoL'esercito del Myanmar compie raid aerei contro civili, almeno 50 i morti

L’esercito del Myanmar compie raid aerei contro civili, almeno 50 i morti

Le Nazioni Unite in Myanmar hanno espresso profonda preoccupazione per le notizie di attacchi aerei avvenuti a Hpakant, nello Stato di Kachin, che hanno provocato decine di vittime. I Kachin sono espressione di una minoranza, prevalentemente cristiana, uno dei gruppi etnici più popolosi del Myanmar.

Domenica, l’esercito del Myanmar ha lanciato attacchi aerei durante uno spettacolo musicale vicino a un villaggio nella cittadina di Hpakant, nello stato di Kachin, nel nord del Paese. Lo spettacolo si è tenuto nell’ambito delle celebrazioni per il 62° anniversario della Kio, la Kachin Independence Organization, un importante gruppo etnico ribelle. Almeno 4 gli ordigni sganciati sulla folla.

“Le Nazioni Unite in Myanmar sono profondamente preoccupate e rattristate per le notizie di attacchi aerei avvenuti a Hpakant, nello stato di Kachin, intorno alle 20:00 del 23 ottobre 2022. I rapporti iniziali suggeriscono che oltre 100 civili potrebbero essere stati colpiti dai bombardamenti . Sono stati segnalati anche numerosi decessi”, ha affermato la missione delle Nazioni Unite nel Paese.

L’ambasciata statunitense in Myanmar ha pubblicato un duro comunicato su Twitter, firmato anche dalle delegazioni di altri paesi tra i quali l’Italia, in cui accusa il regime di avere “la responsabilità per la crisi e dell’instabilità della Birmania”, e di disprezzare l’obbligo di proteggere i civili e rispettare il diritto internazionale.

“Mentre l’Onu continua a verificare i dettagli di questo attacco, porgiamo le nostre più sentite condoglianze alle famiglie e agli amici di tutti coloro che sono stati uccisi o feriti. L’Onu chiede che le persone ferite ricevano cure mediche urgenti, se necessario”, si legge nel comunicato.

Le Nazioni Unite hanno affermato che gli attacchi aerei “sembrano essere un uso eccessivo e sproporzionato della forza da parte delle forze di sicurezza contro civili disarmati è inaccettabile e i responsabili devono essere ritenuti responsabili”.

Il vicedirettore regionale di Amnesty, Hana Young, ha espresso il timore che i raid aerei fossero “parte di un modello di attacchi aerei illegali da parte dei militari, che ha ucciso e ferito civili in aree controllate da gruppi armati”.

“L’esercito ha mostrato spietato disprezzo per le vite dei civili nella sua crescente campagna contro gli oppositori. È difficile credere che i militari non sapessero di una presenza civile significativa sul luogo di questo attacco. I militari devono immediatamente garantire l’accesso ai medici e all’assistenza umanitaria a coloro che sono stati colpiti da questi attacchi aerei e ad altri civili bisognosi”, ha aggiunto Young.

Il Kio è l’ala politica dell’Esercito per l’Indipendenza Kachin, che controlla l’area e si scontra da decenni con l’esercito del Myanmar, secondo il gruppo per i diritti umani con sede a Londra.

L’esercito ha sempre più fatto affidamento sulla forza aerea mentre lotta per mantenere il controllo del paese, da quando ha preso il potere con un colpo di stato nel febbraio dello scorso anno.

In un rapporto di luglio, Amnesty International ha rilevato che l’esercito birmano ha sottoposto i civili Karen e Karenni a punizioni collettive attraverso diffusi attacchi aerei e terrestri, detenzioni arbitrarie, che spesso includevano torture o esecuzioni extragiudiziali, e il sistematico saccheggio e incendio dei villaggi.

RELATED ARTICLES

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

ARTICOLI CORRELATI